Google+

Filippi: «Dietro gli indignati italiani si celano i soliti professionisti della piazza»

ottobre 14, 2011 Roberto Regina

Domani gli Indignados di settanta capitali mondiali, compresa Roma, scenderanno in piazza. Ma secondo il giornalista Stefano Filippi, intervistato da Radio Tempi, i contestatori italiani sono molto diversi da quelli americani e spagnoli: «che fanno sit-in di protesta e vengono arrestati. I nostri invece pensano ad andare all’assalto delle sedi di Bankitalia e creare disordine sociale»

Domani a Roma e e in altre settanta capitali mondiali è prevista una manifestazione di massa all’insegna del popolo degli Indignados. Cosa si nasconde dietro questo nome? Lo spiega a Radio Tempi il giornalista Stefano Filippi commentando l’articolo scritto oggi sul Giornale: «Dietro alla realtà italiana si cela il popolo dei professionisti della contestazione di sinistra.

 

In Italia gli Indignados non hanno fatto manifestazioni particolari quando Zapatero ha annunciato le dimissioni così pure quando gli indignados americani occupavano Wall Street, ma si fanno vivi domani a Roma. E a differenza di quelli americani e spagnoli che organizzano sit-in di protesta e vengono arrestati i nostri vanno all’assalto delle sedi di Bankitalia e creano disordine sociale». «Se andiamo a vedere i leader di queste proteste», prosegue Filippi, «scopriamo che sono sempre gli stessi nomi a girare, una volta sono i No-war, un’altra volta sono quelli che espongono le bandiere arcobaleno, oppure manifestano in Molise o in Val di Susa, dai No-tav ai Girotondini la sostanza rimane la stessa. Emblematico il caso di un loro leader, Gianfranco Mascia, che ha cominciato nel 1993 fondando il movimento del Bobi (boicottiamo il biscione), poi è passato al No-ogm, poi al Popolo viola, nel frattempo faceva il consulente per la comunicazione in Rifondazione comunista, passato poi ai verdi è confluito nell’Idv. Questo ci permette di dire che fare il contestatore a tempo pieno è diventata una vera professione al giorno d’oggi».

 

E quando qualcuno si chiede chi paga per tutto questo «rispuntano le solite Cgil e Fiom, i pullmann che gestiscono le trasferte vengono organizzati dalle segreterie dei metalmeccanici o di altri sindacati estremi, le truppe vengono cammellate dai Cobas e a seconda della manifestazione cambiano colore dal viola all’arcobaleno. Ecco svelato l’arcano». Chi sono dunque i nostri indignados per Filippi? «Dei veri professionisti della piazza che non hanno nulla a che vedere con gli omonimi di Wall Street, che sono un movimento non organizzato di gente della middle class che ha perso lavoro e sta organizzando la protesta».

 

«Se pensiamo ai settecento arresti a Brooklyn per un sit-in o agli arresti a Chigago per occupazione di parco pubblico e guardiamo alla situazione italiana in cui gli indignati bloccano il traffico ed entrano nelle sedi della Banca d’Italia a cercare lo scontro violento, le differenze diventano ancora più evidenti. Mi auguro solo che la manifestazione di domani non degeneri eccessiavamente». Da ultimo una battuta sulla votazione in corso alla Camera dei deputati: «Spero che il governo arrivi fino al 2013. A Berlusconi auguro il meglio e se proprio dovrà cadere gli auguro almeno di capitolare per mano dei congiurati, come Cesare, e non per motivi futili come quelli visti mercoledì scorso».

Ascolta l’intervista a Stefano Filippi 
[podcast pid=45/]

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana