Google+

Festa delle donne, Giovanardi: «Attuare la conciliazione, non possiamo rinunciare ai figli»

marzo 8, 2011 Benedetta Frigerio

Siglato ieri sera al ministero del Lavoro l’accordo tra governo e parti sociali, Cgil compresa, sulla conciliazione dei tempi di lavoro e dei tempi di famiglia. Flessibilità di orari, tutela del lavoro e part-time i punti chiave. il sottosegretario alle politiche per la Famiglia: «Non possiamo accettare che le coppie rinuncino ai figli, perché uno stipendio non basta più. Sarebbe un suicidio»

Arriva proprio l’8 marzo, festa della donna, un accordo che al di là delle polemiche cerca di andare incontro ai bisogni delle mamme e delle lavoratrici che ogni giorno si dividono tra figli e lavoro per sostenere la propria famiglia.

Il provvedimento è stato ampiamente condiviso e firmato dal governo con tutte le parti sociali, nessuna esclusa, neanche la Cgil. Serve a conciliare il lavoro con la famiglia e pare finalmente tutelare la donna perennemente divisa, soprattutto con la crisi economica in corso, tra la necessità di lavorare e gli impegni familiari. Il sottosegretario alle politiche per la Famiglia, Carlo Giovanardi, spiega a Tempi che il grande consenso viene dal «lavoro che abbiamo fatto durante l’ultima conferenza a Milano per la famiglia: abbiamo guardato ai problemi principali dei nuclei familiari, coinvolgendo tutte le parti sociali nel lavoro».

L’accordo punta ad introdurre una maggiore flessibilità negli orari di entrata e di uscita per la madre o il padre lavoratori nei primi tre anni di vita del bambino. Non solo, per permettere alla donna di ritornare alle proprie mansioni dopo la maternità è prevista, oltre a una tutela di mantenimento del posto di lavoro, anche la possibilità di istituire corsi di formazione attivi durante il periodo di congedo. Un altro strumento importantissimo, previsto dal provvedimento, sta nella possibilità di trasformare il contratto a tempo determinato in un part-time o durante i primi tre anni di vita del figlio oppure nel caso in cui si abbiano genitori anziani o malati a carico.

In più, è prevista la possibilità del telelavoro, per permettere alla persona di lavorare da casa. Si punta anche a sostenere i genitori nella fase di inserimento dei figli nella scuola per l’infanzia. «Tutte queste possibilità – ricorda Giovanardi – dovranno essere rese realtà effettiva dalle parti sociali nelle varie aziende». Il sottosegretario spera in una mentalità aziendale «sempre più volta a proteggere i propri lavoratori e quindi anche le loro famiglie. Infatti, se è vero che queste misure saranno usate più dalle donne, valgono anche per gli uomini. Il nostro obiettivo è solo uno: in un’ Italia dove la denatalità cresce insieme alla popolazione anziana non possiamo accettare che le coppie rinuncino ai figli, per il fatto che uno stipendio non basta più. Sarebbe un suicidio sociale. Perciò mi aspetto che le politiche di conciliazione siano attuate per l’interesse di tutti, non solo delle famiglie».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. 0549013128 scrive:

    Premetto che sulla questione del “telelavoro” sono d’accordissimo, la moglie di mio figlio negli USA lavora a casa tramite computer ormai da quattro o cinque anni, ma mi permetto di fare una domanda semplice semplice:” siamo abbastanza maturi per questo tipo di lavoro oppure……………..e ognuno sostituisca i puntini con quello che pensa?” Alvaro.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’ufficio a portata di mano anche in vacanza e nei weekend in un ambiente confortevole e “viaggiante”? Lo rende possibile Renault con una nuova generazione di Trafic SpaceClass rivolta sì ai privati ma prentemente alla clientela del mondo business, come aziende di noleggio con conducente, strutture alberghiere e sportive, agenzie turistiche. Insomma, realtà che desiderano fornire […]

L'articolo Renault Trafic SpaceClass, l’ufficio è mobile proviene da RED Live.

Se siete appassionati di motori e curiosare tra le anteprime – ne sono state annunciate ben 150 – è sicura fonte di piacere, il momento è (quasi) arrivato. Cominciate a segnare in agenda una data compresa tra il 9 e il 12 novembre (il 7 e l’8 sono giornate dedicate a operatori e stampa) e […]

L'articolo EICMA 2017, cosa c’è da fare e vedere proviene da RED Live.

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download