Google+

Ferraresi (Il Foglio): «Occupy Wall Street è un fenomeno destinato a scemare»

novembre 18, 2011 Paola D'Antuono

I manifestanti di Occupy Wall Street sono tornati a Zuccotti Park poche ore dopo lo sgombero. Ma secondo Mattia Ferraresi, corrispondente del Foglio a New York, il fenomeno è destinato a perdere di importanza nel tempo: «Lo scopo è stato raggiunto e la protesta è destinata a scemare. La “generazione perduta” vorrebbe vedere protestare anche i banchieri di Wall Street»

A Zuccotti Park sono tornati i manifestanti. A poche ore di distanza dallo sgombero imposto dal sindaco di New York, Michael Bloomberg, ecco rispuntare centinaia di giovani attivisti. Tempi.it ha raggiunto al telefono Mattia Ferraresi, corrispondente da New York, per cercare di capire il clima che si respira nella Grande Mela, come descritto anche nell’articolo “Un’altra generazione perduta”, a firma del corrispondente del Foglio e collaboratore di Tempi, pubblicato sul numero 46 di Tempi, in edicola a partire dal 17 novembre.

Qual è la situazione a Zuccotti Park in questo momento?
I manifestanti sono tornati subito dopo lo sgombero, forti di una prima sentenza che li autorizzava a rientrare nel parco. In realtà la sentenza è stata poi contraddetta da un secondo giudice che ha spiegato che, in quanto pubblico, il parco può essere visitato da qualsiasi cittadino newyorkese, ma permane il divieto di introdurre tende, strutture e di pernottare. Ieri notte, complice anche il rigido autunno, nessuno ha dormito a Zuccotti Park. Inoltre, fonti interne a Occupy Wall Street parlano di nuovi obiettivi: c’è un piccolo parco, di proprietà della Trinity Church, una chiesa sulla Fifth Avenue, dove potrebbero spostarsi, data la disponibilità della chiesa ad accoglierli. Probabilmente non sarà più Zuccotti Park il centro della protesta anche se ne rimarrà il simbolo.

Ma chi c’è dietro il nome Occupy Wall Street?
Innanzitutto c’è da rilevare quanto gli americani siano poco abituati alle proteste,  al conflitto pubblico, a differenza degli europei. Detto questo, la cosa interessante è che questo movimento non è scollegato dalla situazione generale che vivono i giovani. Certo, i manifestanti sono una minoranza, ma rappresentano un sentore abbastanza diffuso di disorientamento. C’è un malcontento e un senso di disorientamento comune di cui Occupy Wall Street è solo la manifestazione più estrema. In America i giovani vengono definiti “La generazione perduta”, parafrasando una definizione che si applicava alla generazione uscita con le ossa rotte dalla Prima guerra mondiale.

Oggi i manifestanti hanno persino invitato il presidente Obama a unirsi a loro. Curioso no?
Nemmeno tanto, data la natura di questo movimento, che sin dalla sua nascita si è vantato di possedere l’arma della spontaneità. Tra i manifestanti ci sono anche persone che invitano i poliziotti a unirsi alla protesta. La verità è che questi ragazzi  non vorrebbero abbattere Wall Strett, ma vorrebbero che i banchieri scendessero a Zuccotti Park e protestassero con loro.

Come definiresti i protestanti? Chi sono davvero?
Il 17 settembre, quando è cominciata la protesta, si trattava per lo più di ventenni di estrazione borghese, con una laurea, disoccupati e provenienti dai quartieri buoni di Brooklyn, la culla del fermento culturale e alternativo newyorchese. Questo aspetto borghese è cambiato nel tempo, i manifestanti hanno accettato l’aiuto di fazioni sociali già organizzate che inevitabilmente hanno alzato l’età media e nelle manifestazioni è abbastanza evidente. Senza contare che negli ultimissimi tempi Zuccotti Park si è trasformato in un rifugio per senzatetto alla ricerca di un pasto caldo.

Previsioni per il futuro di Occupy Wall Street?
C’è un dibattito in corso. Alcuni dichiarano di aver raggiunto lo scopo e di essere pronti a ritirarsi in una sede più adatta per l’inverno. La mia sensazione è che tenderà a scemare come rilevanza, anche se continuerà a esistere come espressione pubblica.

Ascolta l’intervista integrale a Mattia Ferraresi
[podcast pid=94/]

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana