Google+

Femminicidio. Condanna più anime la parola che la spada

dicembre 2, 2012 Berlicche

Uccidere una donna è più grave? Il problema è l’intenzione dell’assassino, ma per creare la lite eterna abbiamo spostato l’accento sulla vittima

Mio caro Malacoda, oggi impégnati perché il crinale è stretto. Cercherò di mostrarti come una causa giusta possa essere buttata in vacca dai suoi stessi sostenitori, basta spostare un accento.

Dunque. Da un po’ di giorni quotidiani e televisioni parlano di “femminicidio”, brutta parola che vuole indicare l’omicidio volontario di una donna in quanto donna. Per questa fattispecie di reato due donne “di destra” hanno proposto una modifica del codice penale: a chi si macchia di questo delitto venga comminato l’ergastolo. Vista l’estrazione politica delle due proponenti ti saresti aspettato che gli intellettuali d’area le avrebbero sostenute, ma sono bastati due titoli di giornale del tipo “Pene più gravi per chi uccide una donna”, “L’omicidio di una donna merita l’ergastolo” per scatenare il cane di Pavlov che alberga in molti maschi: una vita è una vita, si vuole forse insinuare che quella di una donna vale di più di quella di un uomo?

Il giornalista “de sinistra” non li ha certo aiutati con argomenti come: “Sicurezza, omicidi in calo. Ma una vittima su quattro è donna”. Quel “ma” sembra fatto apposta (tu ne saprai qualcosa) per scatenare le polemiche; perché la logica e la matematica dicono che se una su quattro è donna, tre su quattro sono uomini. E sempre logica e matematica inducono a far di conto anche per la parte non espressa (noi diavoli siamo nel non detto, anche altrove, ma nel taciuto sempre): se in Italia 127 donne vengono uccise volontariamente in un anno (nell’80 per cento dei casi sono vittime di mariti o fidanzati) cioè una ogni 68 ore (così ancora sommari e occhielli per sensibilizzare al problema), con la stessa operazione un macho irritato si calcola l’altra metà del cielo, che poi è più della metà: 590 omicidi volontari nel 2011 meno 127 donne uguale 463 morti ammazzati “maschi”, uno ogni 19 ore. E sbotta: dov’è il problema?

Il problema è nell’accento, per creare l’eterna confusione e l’inarrestabile litigio che avvolge qualsiasi discussione in Italia, noi siamo riusciti a farlo spostare sulla vittima e a colorare ideologicamente anche questa disputa. Mentre l’accento va messo sull’omicida: il reato è più grave non solo per via del sesso della vittima, ma a causa dell’intenzione dell’assassino che del sesso della vittima ha fatto il movente delle sue pugnalate, ha ucciso una donna “in quanto donna”. Come i nazisti uccidevano gli ebrei “perché ebrei”. Hai presente quella barzelletta in cui il razzista dice: “Non sono io che sono razzista, sono loro che sono negri”?, ecco. Non c’è corpo di una vittima che valga più di un altro, oppure meno (“Uccidere un poliziotto o un fascista non è un reato”, si gridava un tempo e si tornerà presto a gridare in piazza), il peso, nel senso della gravità, è nell’intenzione, nell’animo. L’atto più grave è sempre un atto spirituale: l’omicidio volontario è più grave di quello colposo, quello razzista più grave di quello per rapina, quello efferato più grave di quello in preda a un raptus, quello premeditato… quello sessista è più grave ancora perché vuole eliminare la diversità e sancire il possesso. Se ci pensi, per noi e per la nostra campagna sull’identità di genere è una sconfitta su tutta la linea. Per fortuna possiamo sempre contare sull’ideologismo della sinistra e sul becerume della destra. Saluti androgini.

Tuo affezionatissimo zio Berlicche

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download