Google+

Fdi fuori dalla corsa per Milano? De Corato: «Tutta colpa di quel rigo maledetto»

maggio 11, 2016 Rachele Schirle

«Non ci sono furbate, ma solo errori materiali in 48 su 276 formulari. Ora speriamo nel Tar, ma il tempo passa…». Intervista a Riccardo De Corato (Fratelli d’Italia)

E dire che aveva già avviato alla grande la sua personale campagna elettorale. Sfrecciando sui social e tappezzando le metropolitane milanesi con quel suo faccione barbuto e l’occhio ammiccante, sfondo giallo e slogan all’insegna di «onestà, esperienza e competenza»
Ad oggi però, Riccardo De Corato risulta essere un “candidato trombato” in partenza. Che attende mesto e strabiliato il pronunciamento del Tar sul ricorso presentato da Fratelli d’Italia dopo l’esclusione dalla competizione elettorale per il rinnovo del consiglio e sindaco di Milano. «Un errore puramente formale» spiega a tempi.it lo storico leader della destra in doppiopetto. «È saltato un rigo durante l’operazione di copia in colla del modulo di descrizione del simbolo elettorale. Volevamo far stare il testo tutto su una pagina e invece il compattamento ha lasciato fuori, appunto, quel rigo maledetto. Ecco tutto. Qui non ci sono furbate, ma solo errori materiali in 48 su 276 formulari. Speriamo che il Tar dimostri comprensione e non consenta una campagna elettorale in qualche modo falsata dalla nostra assenza».

IL TEMPO PASSA. E così, dopo 31 anni di onesta e battagliera presenza in comune, il già consigliere, vicesindaco, assessore, mitico consumatore di suole delle scarpe (si dice che conosca ogni piega di Milano), è fuori gioco. Non resta che il Tar. Ma dal tribunale amministrativo non filtrano grandi speranze. L’errore c’è, la forma è tutto, Fdi si rassegni. Voci, solo voci. Ma sembra che non abbiate chance di rientrare. Che succede se il Tar risponde picche? «Andremo al Consiglio di Stato». Campa cavallo. «Sì, ora che arriviamo a sentenza a Roma, qui si sarà già votato. E comunque il tempo passa…». E nel caso (molto probabile) che foste definitivamente fuori dall’agone elettorale, che farete, su che lista orienterete il vostro voto? «I nostri militanti sono già presenti in tutte le zone. Ci riuniremo e vedremo il da farsi». Fratelli d’Italia non ha dubbi sul voto. «Chiaro che siamo e rimarremo alleati al centrodestra e sostenitori di Parisi sindaco». Voterete direttamente la lista Parisi? O avete altre ipotesi? «Per carità. Aspettiamo almeno il responso del Tar. E poi vediamo».

E UN AMICONE IN COMUNE? Intanto anche qui a Tempi c’è un direttore candidato che osserva con sognante egoismo la partita che si gioca in queste ore. «Capisco che non è elegante dirlo», ci dice Luigi Amicone. «Però, non facciamo gli ipocriti, se Fdi non rientra in gioco, è chiaro che quel voto diventerà contendibile nell’ambito del centrodestra. Per quanto mi riguarda, ricordo che con De Corato lo scorso anno abbiamo promosso il convegno pro famiglia in Regione Lombardia. Su molti temi la pensiamo allo stesso modo – per esempio la difesa della famiglia naturale e la tolleranza zero per la droga – perciò non sarebbe affatto strano un accordo tra Fdi e Forza Italia. Nel partito di De Corato ho anche molti amici, penso a penso Marco Osnato. Ovvio che mi auguro che Fdi sia riammessa alla corsa. Ovvio che la storia di De Corato e dei suoi non meriterebbe questa sanzione per un errore puramente materiale. Ma se non succede, ragazzi, perché non dovrei augurarmi che Fdi si sposti su Forza Italia e su un Amicone in comune?».

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Daniele scrive:

    Vi posso garantire che da uomo di destra non se ne parla di andare in Forza Italia, la Lega è l’unico posto dove la famiglia uomo donna e la politica di immigrazione hanno ancora un senso. Sono in molti a pensarla come me quindi a mio parere la quasi totalità dei voti di Fratelli d’Italia andrà alla lega, ci stiamo già organizzando in tal senso. Mi dispiace molto per Decorato che non si meritava questo.

  2. Gio scrive:

    Non credo che la politica milanese e i milanesi sentano la sua mancanza…
    E’ uno dei tanti politici (di cui il nostro paese può farne a meno) che ha ricoperto due ruoli (e due stipendi) contemporaneamente infatti nei 31 anni di “cadrega” milanese e riuscito a sedersi anche su quelle di Roma…
    Dopo 31 anni di onorato servizio speriamo di vedere altra gente al suo posto.
    Complimenti per l’articolo.

    • angelo scrive:

      Ma tu che scrivi e sputi queste sentenze, cosa hai fatto in questi anni? Perchè non te ne troni in poltrona a guardare la tv
      DeCorato è un grande, se non altro per tutto l’ odio e l’astio che gli riversano contro centri sociali, graffitari e tutta la mafia dei dittatori che hanno trasformato Milano in un regime putrido.
      Averne di gente come Riccardo DeCorato!!!

      • Gio scrive:

        Angelo non sputo nessuna sentenza descrivendo i fatti…
        In questi anni da cittadino ho contribuito con varie associazioni ad evitare che i vari piani del territorio delle giunte comunali di cui faceva parte il tuo amico distruggessero quartieri di periferia come quello nel quale abito… come vedi niente poltrona o televisione ma impegno reale (non salariato).
        Saluti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana