Google+

Fattore umano, il “programma antropologico” che svela i pregiudizi (non i nostri, ma quelli degli autori tv)

marzo 9, 2015 Emanuele Boffi

«Ha dei soldi da cambiare?», domanda una donna velata a un uomo intento a fare benzina. No, risponde lui. Ma quando a chiedergli i soldi è una bella ragazza…

fattore-umano-italia-1-mediaset-donna-velata

La scena è questa. Ad una stazione di rifornimento una donna col niqab si avvicina a un uomo intento a fare benzina alla propria automobile. «Scusi, ha dei soldi da cambiare?». No, no, risponde quello, «mi spiace, non li ho». Subito dopo si presenta una bella ragazza che pone la stessa domanda. «Certo, come no! Vuole che l’aiuti? No, perché mi farebbe proprio piacere darle una mano».

fattore-umano-italia-1-mediasetÈ uno dei video che sono stati messi in rete per il lancio su Italia Uno di Fattore umano, «il primo social docu a base di human clip, un programma antropologico che si porrà una serie di domande e vi risponderà mostrandoci dei filmati di repertorio a tema, dalla diffidenza all’omosessualità, dal razzismo all’altruismo, passando per il sesso e i soldi facili in tempi crisi». Fattore umano vorrebbe mostrarci come siamo “veramente”, svelando così le nostre antipatie e, nel caso del filmato in questione, la nostra diffidenza nei confronti dei musulmani.

Nel suo piccolo, il video, in realtà, più che rivelare i preconcetti degli italiani, è un esempio di quali siano i pregiudizi degli autori tv sugli italiani. È lo schema “Iene”: ti incastro in una situazione per mostrare a tutti quanto sei marcio. Sarebbe molto più interessante un «programma antropologico» che mandasse in onda le riunioni di redazione in cui nascono i format della tv “a telecamera nascosta”. Anche lì non mancherebbero di emergere pregiudizi, tic e miserie umane (per non parlare di quelli che fanno i cascamorti con le colleghe di scrivania).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. angelo says:

    concordo. mi piacerebbe anche che qualcuno svelasse l’ipocrisia di tutti gli attori e attrici , presentatori e conduttori vari- castellitto, ferrari, e giù giù , – di sinistra e pure no, che ci ammorbano con il loro buonismo, ecologismo, gaysmo ecc.

  2. Alberto says:

    Mi puzza un po… il video potrebbe essere finto. Se quello fosse una persona normale (non un attore intendo) devono x legge avergli chiesto il permesso per poterlo inserire in una trasmissione TV e dubuto che uno dia il suo assenso ad essere sbertucciato pubblicamente.

  3. Giovanni says:

    Per me il video è falso. Il tipo, più che a un uomo, sembra un misto tra uno zerbino e a un cane in calore.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

I nuovi Michelin Road 5 alzano l’asticella: c’è più grip sul bagnato rispetto ai Pilot Road 4 e il degrado delle prestazioni è più costante

L'articolo Michelin Road 5, turistiche (non) per caso proviene da RED Live.

Nata dalla collaborazione tra Lapo Elkann e Horacio Pagani, la Pagani Huayra Lampo è una speciale one-off che s’ispira alla mitica Fiat Turbina

L'articolo Huayra Lampo, la Pagani di Lapo proviene da RED Live.

Una M5 è già di per sé abbastanza esclusiva e performante? Non tutti la pensano in questo modo. Tanto che la BMW ha presentato i nuovi accessori della linea M Performance dedicati alla berlina sportiva della Motorsport. Un’anteprima affiancata dall’unveiling della M3 30 Years American Edition. Una versione speciale allestita per celebrare i 30 anni […]

L'articolo BMW M5 M Performance: fibre preziose proviene da RED Live.

I nuovi Kymco People S 125 e 150 2018 si rifanno nel look e sfruttano motori di ultima generazione. Piccole novità anche nella ciclistica, aggiornata e ora più rigida.

L'articolo Kymco People S 125 e 150 2018 proviene da RED Live.

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download