Google+

Le “fabbriche dei bambini” in Nigeria. Ecco fino dove arriva l’utero in affitto

marzo 13, 2016 Benedetta Frigerio

«Non è fantascienza, ma un nuovo tipo di sfruttamento delle donne africane». Intervista a Emmanuele Di Leo, presidente di Steadfast Onlus

Vengono reclutate, ingannate o sfruttate per essere violentate, messe incinta, chiuse dentro delle “fabbriche di bambini” e, alla fine, costrette a vendere i loro figli a coppie sterili o dello stesso sesso, per una cifra di circa 6 mila e 400 dollari. «Non è fantascienza, ma un nuovo tipo di sfruttamento delle donne nigeriane di cui hanno parlato in anni recenti la Bbc il Guardian, l’Huffington post e Repubblica». A raccontare il fenomeno a tempi.it è Emmanuele Di Leo, fondatore e presidente di Steadfast Onlus. «Con Steadfast – ci spiega – facciamo cooperazione internazionale da tre anni contro la tratta della prostituzione, ma di queste “fabbriche di bambini”, non ne parla nessuno».

Lei di cosa è testimone?
Bisogna dire innanzitutto che in Africa la procreazione è una ragione di vita e chi ha problemi di fertilità rischia l’emarginazione sociale. La criminalità, alimentata dall’estero ma anche dalle coppie nigeriane ricche e infertili che vogliono evitare l’esclusione sociale, ha dato vita nel 2001 a questo business. Di solito c’è una “Maman”, una donna legata ai trafficanti, che va nei villaggi poveri e convince le altre a seguirla, spesso con false promesse. In certi casi le ragazze vengono anche rapite. Il business si è poi evoluto con un “boom” nel 2008 e con venti “fabbriche” scoperte e chiuse dalla polizia, come documentato dall’articolo scientifico di Makinde. Nell’articolo, come in un reportage della Bbc, si spiega l’evoluzione di queste fabbriche e la modalità con cui le vittime vengono messe incinta. Accade persino che le acquirenti siano convinte di aspettare un figlio da finti medici i quali, in accordo con i mariti, somministrano loro pillole in grado di gonfiarne il ventre per simulare la gravidanza. Quando poi tornano, dopo nove mesi, vengono addormentate e al risveglio gli si dice che hanno partorito.

Oltre che alle coppie africane a chi sono venduti i bambini?
Il più delle volte sono inseriti nel mercato delle adozioni, che sta prendendo una linea decisamente più di business che umanitaria, o destinati a un mercato internazionale che vede come acquirenti sia coppie infertili sia persone dello stesso sesso. Altra triste destinazione è quella dei rituali tribali.

Ci sono legami fra questo mercato e quello della prostituzione?
Il terzo Rapporto mondiale sulle tratte sessuali, redatto dalla fondazione Scelles, dice che in Nigeria le vittime della prostituzione sono 6oo mila all’anno, di queste l’11 per cento vengono sfruttate in Europa e 20 mila in Italia. Solitamente la “maman” va nei villaggi e convince le donne a seguirle, promettendo loro che all’estero c’è un lavoro redditizio che le attende. Una volta che la donna arriva in Italia, occorre trovarle un alloggio e un marciapiede. Per i trafficanti nigeriani queste operazioni sono un investimento, ma è molto più facile convincere le donne povere o quelle incinte e non sposate a vendere i loro bambini o ad affittare il loro utero.

Quali sono le azioni messe in campo per combattere questa nuova schiavitù?
Ci siamo uniti ad altre ong che combattono la prostituzione e questa nuova forma di sfruttamento che è l’utero in affitto. A fine giugno ci incontreremo in un simposio a porte chiuse, perché davanti a un fenomeno così grave e dilagante combattere da soli rischia di essere inutile.


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Sebastiano scrive:

    Galasi probabilmente sorride anche pensando a quante donne si sono potute pagare una casa o gli studi universitari del figlio affittando non l’utero ma quell’altra cosa.
    Ne è talmente contento che sorge il sospetto che abbia partecipato agli utili…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana