Google+

Expo 2015: «Pisapia non ci mette la faccia» e si defila

giugno 12, 2012 Chiara Sirianni

Il sindaco di Milano si è dimesso da commissario straordinadio Expo 2015. Lupi: «Troppo facile prendersi sempre gli onori e poi scaricare le responsabilità sugli altri». Formigoni non si dimette.

«No, non le ritiro». Il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, a margine della riunione del Bie a Parigi, ha risposto così a chi gli chiedeva se fosse pronto a ritirare le dimissioni da commissario straordinario dell’Expo 2015. «O c’è da parte di tutte le istituzioni il massimo impegno per l’Expo o altrimenti sono dei rischi molto seri che non possiamo permetterci di correre a quasi mille giorni dall’inizio della manifestazione». Pisapia ha rimesso nelle mani del presidente del Consiglio il suo mandato. Perché? Per il «clima tiepido» e «l’attenzione insufficiente» che il governo ha dedicato fino ad oggi ad Expo 2015.

Per Carlo Masseroli, capogruppo Pdl  nel consiglio comunale di Milano, «i motivi sono tutti veri almeno in parte. Quello più incidente è non rischiare la propria immagine». Se l’invito a una maggiore responsabilità da parte del governo è condiviso, a Palazzo Marino le voci di corridoio in queste ore si sprecano. Perché fare il commissario, in una situazione così critica, potrebbe non rivelarsi un buon biglietto da visita qualora ci fosse in futuro, da parte del sindaco, un’ambizione di tipo nazionale. Nel frattempo, secondo Maurizio Lupi, vicepresidente della Camera, il gesto del sindaco rischia di danneggiare ulteriormente l’immagine dell’Italia: «Se Pisapia riteneva utile coinvolgere il governo perché non ha rinunciato un anno fa quando è stato nominato? Troppo facile prendersi sempre gli onori e scaricare le responsabilità sugli altri quando c’è da passare dalle parole ai fatti».

Vero è che la situazione è piuttosto anomala: i poteri da commissario straordinario del governo su Expo sono stati azzerati a marzo dall’approvazione di un emendamento al decreto legge sulle liberalizzazioni, che ha tolto i grandi eventi dalla competenza della Protezione Civile. Un problema reale: anche Giuseppe Sala, amministratore delegato di Expo 2012, ha ribadito che chiunque sia commissario deve avere poteri straordinari. «Sono un commissario straordinario senza poteri e senza soldi» ha sintetizzato il sindaco il mese scorso. Il vicolo cieco, però, dovrebbe aprirsi nel giro di qualche mese, con un emendamento alla Camera. Inoltre il Comune (congiuntamente alla Provincia e alla Regione) da mesi chiede al governo di escludere dal patto di stabilità gli investimenti per l’esposizione.

Se Giuliano Pisapia si è defilato, con la Direzione nazionale antimafia che lancia l’allarme per il pericolo di infiltrazioni della ‘ndrangheta nelle grandi opere, il neosegretario della Lega in Lombardia Matteo Salvini, seguito a ruota dall’opposizione, ha cercato di mettere in difficoltà Formigoni chiedendone le dimissioni: «Gli consigliamo caldamente di fare un passo indietro da commissario generale di Expo perché c’è bisogno di una persona che lavori 24 ore su 24 sull’evento». Un uomo del governo Monti, insomma. Ma il governatore lombardo non sembra intenzionato a cedere alle pressioni e ricorda che «in questi mesi è stato elaborato e condiviso un testo molto dettagliato e ricco, che crediamo possa essere adeguato alle istanze dei partecipanti alla manifestazione e che auspichiamo possa in tempi brevi essere sottoscritto insieme al Bie». In più, continua, «è emersa la volontà del governo di impegnarsi in modo crescente, sia per orientare e valorizzare alcune politiche nazionali in chiave Expo, sia per realizzare alcuni grandi progetti o eventi che concorrano a potenziare l’attrattiva complessiva del sistema Italia».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Luigi Lupo scrive:

    Lupi dice “Troppo facile prendersi sempre gli onori e scaricare le responsabilità sugli altri quando c’è da passare dalle parole ai fatti”, di quali onori stà parlando? Non mi risulta che per l’Expo siano state distribuite medaglie. Proprio lui che in parlamento vota che una certa ragazza è la nipote del premier egiziano e poi va in prima fila a Milano a rendere omaggio al Papa nel forum delle famiglie. Coerenza voto 0.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana