Google+

Evgenij che non chiarì mai cosa pensava dell’Urss. Memé destinato alle scene

aprile 14, 2017 Sandro Fusina

Il primo ebbe in occidente una grande eco, il secondo si trovò nel cuore romano di quel gran movimento che negli anni Settanta avrebbe cambiato nel mondo l’idea stessa di teatro

Schermata 2017-04-14 alle 13.12.06

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Evgenij Aleksandrovicˇ Evtušenko. Nacque il 18 luglio 1932. Nacque a Zima, a più di duecento chilometri da Irkutsk, la capitale dello sterminato oblast siberiano, ricco di legname e pellicce. Negli ultimi anni dell’Ottocento Zima divenne una stazione della ferrovia transiberiana. Grazie a quel caso e al titolo di un poema di Evtusˇenko (La stazione di Zima) il villaggio di boscaioli divenne famoso nel mondo.

Il cognome veniva a Evgenij dalla famiglia ucraina della madre, il padre aveva ascendenti lettoni, russi e tatari. Evgenij crebbe a Mosca con la madre, ma la guerra lo riportò nel 1941 a Zima dove rimase fino al 1944. Da ragazzo lesse e scrisse molto, ispirato dai grandi modelli degli anni della rivoluzione, da Vladimir Majakovskij a Sergej Esenin. Partecipò a una spedizione geologica a oriente, si preparò per diventare un calciatore professionista. La morte di Stalin e lo smottamemto culturale che ne seguì decisero per lui il futuro.

A venti anni pubblicò il primo libro di poesie; a ventitré sposò la poetessa diciottenne Bella Achmadulina. A ventiquattro, con il poema narrativo La stazione di Zima si ritrovò al centro di un dibattito che travalicava i confini dell’Urss. Non era esplicitamente critico del regime, ma toccava temi sensibili in quegli anni di cambiamento. Né uscì dal groviglio delle critiche pubblicando nel 1962 Babi Yar. Babi Yar, nome di una scarpata di Kiev dove furono uccisi dagli occupanti tedeschi centomila tra ebrei, rom e russi, divenne il testo e il titolo dell’adagio del primo movimento della tredicesima sinfonia di Shostakovich. In un’esecuzione disertata se non vietata dalle autorità, il successo fu clamoroso. La condanna del tradizionale antisemitismo russo fu apprezzata dai dissidenti, ma non fu perdonato il silenzio sulle vittime di atri gruppi sociali e sulla partecipazione attiva al massacro di volenterosi elementi ucraini.

Senza mai risolvere la questione della sua vera o presunta complicità con il regime, né della sua reale statura poetica, Evtusˇenko trovò in Occidente una grande eco, editori ed estimatori in entrambi i campi. Il settimanale francese l’Express gli commissionò un’autobiografia precoce. Dopo il crollo del regime sovietico tenne un piede negli Stati Uniti, dove insegnò all’università di Tulsa, e un altro in Russia, dove non accettò onori per protesta contro la soppressione dell’autonomia della Cecenia. È morto sabato 1 aprile.

Memé Perlini. Amelio “Memé” Perlini nacque l’8 dicembre 1947. Nacque a Sant’Angelo di Lizzola, in provincia di Pesaro. Avrebbe potuto nascere altrove, essendo la sua una famiglia di giostrai girovaghi. Che nascesse a Sant’Angelo può tuttavia dare qualche argomento ai fautori della predestinazione. Pur essendo di poco conto demografico, Sant’Angelo di Lizzola era allora sede di un vero teatro e aveva avuto visite illustri, di Giacomo Leopardi per dirne una, grazie alla casa avita del patriota, poi ministro della Pubblica istruzione conte Terenzio Mamiani. Fu l’esistenza di quel teatro aristocratico o lo spettacolo popolare dei suoi maggiori giostrai a orientare Memé?

La pittura e la scenografia erano sue passioni, ma soprattutto il carattere e i tempi erano estrosi. Memé si trovò al centro della filiale romana di quel gran movimento che negli anni Settanta avrebbe cambiato nel mondo l’idea stessa di teatro. C’erano gli italiani: come Carmelo Bene dal Salento, attore, regista di teatro e di cinema, scrittore, o come Eugenio Barba, di Brindisi, che il teatro aveva scoperto nelle danze dell’India meridionale e ritornava dalla Danimarca con una straordinaria compagnia intitolata a Odin. C’era Lindsay Kemp, che portava spettacoli di danza inimmaginabili; c’erano Judith Malina e Julian Beck, il Living Theatre; c’erano gli artisti della scuola romana. C’era poi un patrimonio di letteratura surreale, come il Locus Solus di Raymond Roussel.

In quell’acqua vorticosa Memé Perlini si fece pesce, fu scenografo, regista attore, di teatro e di cinema. Quando quei gorghi rallentarono si trovò a boccheggiare. È morto mercoledì 5 aprile.

Foto Wikipedia

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

La sfida che attende la nuova Seat Arona, al debutto tra le SUV compatte, ricorda quella di Kung Fu Panda contro le “Leggende Leggendarie”. Una outsider dalle dimensioni contenute, agile, scattante e con tante frecce al proprio arco che affronta senza alcun timore reverenziale i “mostri sacri” della categoria. Forte di una vitalità, sia estetica […]

L'articolo Prova Seat Arona proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download