Google+

europinioni 21/99

giugno 9, 1999 Tempi

europinioni

Gli americani vogliono l’Albania: parola di Mosca Spigolando fra i fogli della stampa russa, ci è capitato di imbatterci in una sintetica analisi dell’intervento Nato nei Balcani che ha il pregio dell’originalità. Argumenty i Fakty è un settimanale popolare di grande tiratura, dove tutti i pezzi sono presentati come risposte a lettere di lettori. Nella rubrica “paesi e gente” una certa Elena Suskareva domanda che venga spiegato chiaramente perché la Nato si è immischiata nelle vicende della ex Jugoslavia, e la sorprendente risposta è la seguente: “Per quanto possa sembrare strano, il “centro di gravità” degli interessi americani è prima di tutto l’Albania. Portando là i combattimenti col nobile pretesto di difendere i kosovari di etnia albanese, gli Usa e i loro alleati hanno preso sotto il loro controllo il paese, che fin dai tempi antichi era chiamato “la chiave per l’Adriatico”. Per questa “chiave” hanno combattuto, sin dall’antichità, romani, turchi, veneziani e tedeschi. L’importanza del-l’Albania è stata compresa molto bene da Mussolini e Hitler, Stalin e Kruscev, Roosevelt e Churchill. Il defunto presidente della Jugoslavia Tito ha tentato di “addomesticarla” gradatamente permettendo agli albanesi di stabilirsi in Kosovo. Ma i suoi eredi non hanno compreso le trame del loro grande predecessore”. “Per la sua posizione strategica al centro dell’Europa questa nazione è paragonabile all’Afghanistan, situato nel centro dell’Asia. Ma se l’Urss ha tentato di impadronirsi del centro dell’Asia con la forza, nei confronti dell’Albania gli Usa hanno adottato le carezze. E questo metodo ha avuto pieno successo”.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana