Google+

europinioni 11/99

marzo 31, 1999 Tempi

europinioni

L’eurolocomotiva Prodi frena (ancora) Anche stavolta filava come un treno, ma poi ha trovato un po’ di ostacoli sui binari. La locomotiva di Romano Prodi, partita di slancio a metà della settimana scorsa per l’europresidenza della Commissione europea, ha dovuto frenare a cavallo fra domenica 21 e lunedì 22 marzo. Nel giro di poche ore sia il cancelliere tedesco Gerhard Schroeder che il ministro degli esteri spagnolo Abel Matutes si sono rimangiati i segnali di consenso manifestati in precedenza o loro attribuiti dai giornali, mentre francesi e britannici mantenevano il loro inquietante silenzio sulla candidatura del professore bolognese.

A cosa è dovuto questo improvviso raffreddamento continentale verso la candidatura Prodi? Qualche spiegazione interessante la troviamo su due quotidiani stranieri, uno americano e l’altro spagnolo.

Quel democristiano di Prodi Decisamente aspro El Pais, che fa il tifo per Javier Solana, spagnolo e socialista come il quotidiano madrileno. Di Prodi dice: “I due ingredienti che spiegano la sua candidatura fanno drizzare i capelli in testa. Il primo, è che il suo successore D’Alema a capo del governo vuole allontanarlo dall’Italia ed evitare che gli rovini le elezioni europee. Sarà una buona ragione per D’Alema, ma non lo è per l’Europa. Il secondo è che l’Italia è sottorappresentata a livello internazionale. Ma Franco Maria Malfatti, presidente della Commissione negli anni Settanta, la abbandonò a metà mandato per tornare al governo italiano. In più, Prodi è democristiano (sic!) come Santer. E questo rompe una delle tre condizioni tradizionali della successione: socialisti in sostituzione di democristiani, sud al posto del nord, un grande paese al posto di un piccolo paese”. E per D’Alema altre parole dure: “Mai un governo aveva candidato ufficialmente qualcuno per la Commissione. D’Alema ha preso in ostaggio i suoi 14 colleghi. Pessimo sintomo della crisi morale di questa generazione di leader”
Meglio due olandesi oggi che uno domani Sul Wall Street Journal di lunedì scorso si legge che “Prodi è sostenuto con tutte le forze dal governo italiano, che sarebbe felice di allontanarlo dalla scena politica nazionale… Altri possibili candidati, come il primo ministro olandese Wim Kok, il segretario generale della Nato Javier Solana e il primo ministro portoghese Antonio Guterres, si sono tutti dichiarati non disponibili. Tuttavia dirigenti dell’Unione Europea affermano che i governi potrebbero ancora volgersi a uno di questi altri tre candidati per una serie di ragioni. Il governo francese vedrebbe nella scelta di Kok un modo per garantirsi che Wim Duisenberg non porti a termine il suo mandato di otto anni come governatore della Banca centrale europea”.

I francesi, insomma, temono che Duisenberg non rispetti l’accordo non scritto di cedere dopo quattro anni il suo posto al candidato francese, e spingerebbero per un altro olandese ai massimi vertici europei per far dimettere il primo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana