Google+

L’Europa si dichiara “incompetente” e non riconosce i parenti delle vittime della strage di Katyn

ottobre 22, 2013 Redazione

La Corte europea dei diritti dell’uomo non ha voluto esprimersi sull’eccidio del 1940, quando l’Armata Rossa staliniana uccise oltre ventimila ufficiali dell’esercito polacco

La Corte europea dei diritti dell’uomo (Edu) si è dichiarata incompetente nel caso della strage di Katyn, avvenuta in Polonia nel 1940. La Corte, sollecitata dai familiari delle vittime, ha dichiarato che, poiché il fatto è avvenuto fuori dalla propria competenza, non ha potuto esprimersi sull’eccidio, non avendo potuto valutare le indagini condotte dalle autorità russe. Per questo, sia la richiesta di un compenso per i parenti dei dodici ufficiali polacchi uccisi sia una condanna della Russia è risultata vana.
Formalmente, la Edu ha spiegato che se, da un lato, deplorava la mancata collaborazione di Mosca, dall’altro, non poteva esprimersi su un’inchiesta condotta dalle autorità russe sul massacro, essendo questo avvenuto dieci anni prima che entrasse in vigore la Convenzione europea dei diritti umani.
Se non v’è dubbio alcuno che vi sia stato una strage, tuttavia i familiari non possono essere considerati vittime di un trattamento inumano da parte delle autorità russe, come lo sono coloro che nulla sanno di cosa è successo a un loro parente scomparso.

LA VICENDA. Solo nel 2010 la Duma russa ha riconosciuto l’omicidio di Katyn come crimine del regime di Stalin. Vi morirono oltre ventimila ufficiali dell’esercito polacco e per lungo tempo il massacro fu attribuito ai nazisti. Solo nel 1990 i russi riconobbero la responsabilità dell’Armata rossa. Nel 2010 Vladimir Putin partecipò alla commemorazione per il 70° anniversario della strage e il 15 luglio 2012 il patriarca di Mosca e di tutta la Russia Kirill ha fatto visita al luogo dove fu consumata la strage.

IL FILM DI WAJDA. Su Katyn è stato realizzato un bellissimo film dal regista Andrzej Wajda, che in un’intervista esclusiva a Tempi aveva dichiarato: «Un film su Katyn fino al 1989 sarebbe stato impossibile, perché secondo la versione ufficiale imposta dai sovietici il massacro di ventiduemila ufficiali dell’esercito polacco compiuto nel 1940 nei boschi di Katyn era stato opera dei tedeschi. In realtà in Polonia tutti sapevano che i colpevoli erano i russi, e nessuno era disposto a fare un film intriso di menzogna; così Katyn nella nostra storia rimaneva una ferita aperta».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Orazio Pecci scrive:

    Un caso in cui la retroattività non vale.

  2. sydney.sunrise scrive:

    Sono i mostri … hanno ripetuto Katyn nel 2010 con l’esplosione del Tupolev polacco … e i mostri non pagano mai niente a nessuno …

    né Russia alla Polonia né Germania alla Italia …

    Poi gli oligarchi di Brussel sono pure i criminali, visto che sta succedendo in Europa … ecco, la spiegazione !!!

  3. Mappo scrive:

    Tanto si sapeva che la Corte europea dei diritti dell’uomo si attiva solo per difendere i “diritti” di qualche omosessuale, di qualche ateo represso o di qualche extracomunitario clandestino, in quest’ultimo caso però solo se c’è di mezzo l’Italia.

  4. GLSSEBARDO scrive:

    Le istituzioni europee sembrano avere due numi tutelari, Erode e Pilato.
    Spesso sono Erode, vedi ogni tentativo di proporre l’aborto come un diritto, un valore positivo da diffondere,
    eliminando poi ogni diritto all’obiezione di coscienza.
    In questo caso, Pilato: la Corte se ne lava le mani. Ma noi continueremo a ricordare, anche Katyn. Per i giudici della corte, valga la condanna degli ignavi: non ti curar di lor, ma guarda e passa.

  5. beppe scrive:

    ma alle prossime elezioni europee molti voteranno ancora col paraocchi e l’anello al naso, tutti felici ed euroentusiasti.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con il nuovo Peugeot Belville, la Casa del Leone s’inserisce in uno dei mercati più floridi in assoluto: quello degli scooter piccoli a ruota alta. È disponibile in due cilindrate (125 e 200) con prezzi a partire da 2.950 euro

L'articolo Prova Peugeot Belville proviene da RED Live.

Che Kia sia un’azienda coreana Doc è assodato ma è altresì vero che il suo quartier generale europeo si trova ad appena 500 metri dall’entrata del Salone di Francoforte. E’ quindi normale che Kia viva la kermesse tedesca in modo speciale, come la fiera di casa, quella in cui sfruttare il fattore campo favorevole per […]

L'articolo Kia Proceed Concept: il futuro passa da qui proviene da RED Live.

Tucano Urbano gioca d’anticipo su EICMA e presenta ora la collezione autunno/inverno 2017/2018. Per chi viaggia in moto 365 giorni all’anno.

L'articolo Tucano Urbano collezione autunno/inverno 2017/2018 proviene da RED Live.

È la nuova proposta a firma Diamante-DMT per l’agonista che pratica XC o Marathon ma anche per il biker esigente, che da ogni uscita si aspetta il massimo in termini di prestazione proprie e della sua attrezzatura. La DMT DM1 è progettata e realizzata per essere affidabile e performante, caratteristiche ottenute anche grazie a una […]

L'articolo DM1, nuova scarpa offroad by DMT proviene da RED Live.

Anticipa una berlina compatta a zero emissioni al debutto entro il 2022. Alla trazione integrale a gestione elettronica abbina due motori a batteria e una potenza di 272 cv. Autonomia di 400 km.

L'articolo Mercedes EQ A: la compatta di domani proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana