Google+

«Essere cristiani in Egitto è un crimine? Pregare in chiesa è un crimine?»

settembre 11, 2017 Leone Grotti

Grazie all’intervento del presidente Al-Sisi i cristiani copti del villaggio di al-Furn sono potuti tornare a pregare in chiesa, dopo che la polizia aveva chiuso il luogo di culto senza motivo

egitto-minya-chiesa-cristiani-furn1

La polizia egiziana aveva impedito ad agosto ai 400 cristiani copti di al-Furn di entrare in chiesa per la messa settimanale. «Non avete il permesso di pregare», si erano sentiti rispondere dalle autorità i fedeli del piccolo villaggio a maggioranza islamico nella provincia di Minya. Ma dopo l’intervento del presidente Abdel Fattah al-Sisi, sollecitato da una lettera del vescovo, la chiesa è stata riaperta.

L’INTERVENTO DI AL-SISI.  Ieri i fedeli di al-Furn e quelli di Kidwan sono potuti rientrare nelle case che vengono usate come chiese, visto che le autorità musulmane dei villaggi impediscono loro di costruire veri e propri luoghi di culto. Il vescovo Anba Macarius ha diffuso un messaggio per «ringraziare il presidente per la sua pronta risposta alle nostre richieste di aiuto e per la comprensione della nostra sofferenza».

«È UN CRIMINE?». Dopo la chiusura delle chiese, non giustificata da alcuna legge o prassi relativa alla sicurezza, i cristiani avevano cominciato a pregare e a recitare la messa in strada. Nella lettera ad Al-Sisi, il vescovo denunciava che «noi cristiani veniamo trattati come se fossimo criminali o fuorilegge. È un crimine forse che i cristiani preghino nelle chiese? Come può esserci uguaglianza tra gli egiziani quando succedono casi come questo? Le chiediamo di porre fine a queste pratiche contro di noi».

DRAMMA DI MINYA. La provincia di Minya non è nuova a casi di quotidiana discriminazione: a gennaio, nel villaggio di Alkarm, i cristiani sono stati attaccati per futili motivi dai musulmani e una donna di 70 anni è stato spogliata nuda e gettata per le strade. Nelle città lo Stato è quasi assente e comandano i Fratelli Musulmani, che nel 2013 bruciarono decine di chiese per vendicarsi dei membri dell’organizzazione uccisi dall’esercito in seguito alla deposizione di Mohamed Morsi. A Minya, infine, anche i terroristi islamici agiscono indisturbati e a maggio l’Isis ha compiuto un attentato uccidendo 29 cristiani diretti in pellegrinaggio al monastero Anba Samuel.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Delle monoposto a emissioni zero (245 cv in configurazione gara, per 225 km/h di velocità massima) che si sono sfidate il sabato 14 aprile lungo un tracciato cittadino di circa 2,8 km ricavato nel quartiere Eur, non si è parlato più di tanto, ancorché all’incontro capitolino del venerdì precedente abbia partecipato anche il Direttore del […]

L'articolo Renault: elettriche avanti tutta proviene da RED Live.

La Swift Sport punta a farsi largo tra le hot hatch puntando su un invidiabile bilanciamento tra telaio e meccanica. Anche il rapporto prezzo/dotazione è vincente

L'articolo Prova Suzuki Swift Sport <br> fame di curve proviene da RED Live.

Moto dotate di radar? Presto saranno realtà. Ducati ha in cantiere un ambizioso programma chiamato “Safety Road Map 2025” che prevede lo sviluppo di molti progetti a tema sicurezza, uno dei quali si chiama Ducati ARAS. Primi arrivi nel 2020

L'articolo Ducati ARAS, presto le moto con il radar proviene da RED Live.

Voglia di avventura, di scoprire nuove strade (bianche) in località toscane ricche di fascino. Senza fretta. La prima di tre tappe andrà in scena a Buonconvento il 29 aprile, in occasione della Nova Eroica

L'articolo Gravel Road Series, da aprile a ottobre. Info e iscrizioni proviene da RED Live.

Mini elettrizza la sua Countryman e si getta nel panorama delle ibride plug-in in modo speciale e a tratti unico. Pensate che le auto Ibride non siano ancora mature o non facciano per voi? Leggete la nostra prova su strada, ma siete avvisati: il rischio di ricredersi qui è alto

L'articolo Prova MINI Cooper S E Countryman ALL4 proviene da RED Live.