Google+

Esportare la “soluzione islandese”? Possibile, basta non pagare i debiti

giugno 20, 2012 Daniele Ciacci

C’è chi predica per i paesi in crisi una soluzione simile a quella islandese: non pagare il debito pubblico, lasciar morire le banche e aumentare l’inflazione.

Non bisogna guardare troppo lontano per scovare un’economia funzionante. Anzi, gli occhi possono rimanere in Europa, e posarsi su quell’isola sperduta a nord-ovest: l’Islanda. Solo da poco tempo la stampa internazionale predica come modello virtuoso l’esempio islandese. Che, infatti, ha un tasso di crescita all’attivo ben superiore rispetto ai colleghi continentali. Si prospetta un incremento del Pil pari al 3 per cento entro l’anno, con una disoccupazione calante oltre il 6 per cento. La scoperta di giacimenti petroliferi e nelle profondità oceaniche prossime all’isola ha permesso, a livello energetico, di poter esportare i preziosi carburanti e di sostenersi mediante le centrali geotermiche.

Così, il Wall Street Journal ha deciso di dedicare all’economia del paese dei geyser un certa attenzione. Soprattutto, sul fenomeno dell’emigrazione, prima abbastanza sostenuta e via via sempre in diminuzione. Anche i nostri cugini d’oltralpe strizzano l’occhio ai compari dell’isola. Anche perché, con la salita al potere di Francois Hollande, gli elementi di vicinanza con l’attuale premier Jóhanna Sigurðardóttir, alla guida una colazione socialista-comunista, si moltiplicano. Anche dalla penisola iberica giungono i primi segnali di stima. Soprattutto da parte degli indignados, che con lo slogan «l’Islanda è la soluzione» mostrano i denti alle banche, colpevoli di aver ridotto il paese in ginocchia. E l’Islanda stessa, non molto tempo fa, si trovava nella stessa situazione, se non addirittura peggiore, di quella attuale degli spagnoli.

Soltanto quattro anni fa, l’Islanda collassò. Le tre grandi banche che dominavano il settore finanziario, dopo aver gonfiato artificialmente il valore delle proprie azioni comprando quello delle altre banche e viceversa, avevano raggiunto un patrimonio pari a 8 volte il Pil della nazione. Questo, chiaramente, mediante la copertura dei propri traffici dietro ad aziende fittizie stanziate in paradisi fiscali da cui era facile tenere le fila della vicenda. Inoltre, le stesse banche avevano creato dei conti online ad alto rendimento – gli Icesave – pubblicizzati a inglesi e olandesi, che avevano così acquistato parte del patrimonio non reale degli istituti bancari. Quando il Fmi chiese al governo islandese un resoconto dell’azione delle sue banche, l’esecutivo locale si trovò in braghe di tela e fu costretto a chiedere un prestito di circa 5 miliardi alla Bce per sanare la situazione. Ma era tardi per fermare la sfiducia del mercato internazionale: il valore delle azioni e degli immobili precipitatarono, le banche fallirono.

Ma proprio quando l’Islanda sembrava inguaiata, un colpo di coda gli ha permesso di uscire dal cul de sac. Crollato il governo, la nuova leader Sigurðardóttir ha nazionalizzato le tre banche e ha indetto un referendum: li paghiamo i debiti contratti con i paesi stranieri o no? Così, con oltre il 93 per cento dei consensi, l’Islanda è uscita dalla crisi. Semplicemente non pagandoli.  Inglesi e olandesi sono rimasti con le tasche vuote.
L’Islanda ha svalutato la corona – sua moneta locale – di oltre il 40 per cento e fatto ripartire le esportazioni di pescato, alluminio, energia. Ha reso più economico e accessibile il turismo termale e naturalistico. Il governo ha adottato sì misure di austerità, ma senza diminuire la spesa sociale. E le tre banche? Lasciate fallire senza alcun sostegno.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
Pellegrinaggio iStoria-Tempi in Terra Santa

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta il 2.0 turbo benzina MultiAir da 200 cv dedicato alla berlina di Arese, disponibile solo in abbinamento alla trazione posteriore e al cambio automatico a 8 rapporti. Affianca in gamma il V6 2.9 biturbo da 510 cv e il 2.2 td da 150 o 180 cv. Prezzi da 40.500 euro.

È la versione più potente ed estrema mai realizzata della berlina bavarese. Il V8 4.4 biturbo eroga 600 cv anziché gli originari 560 cv, mentre le sospensioni beneficiano di una taratura decisamente hard. Sarà realizzata in solo 200 esemplari.

Il concept presentato a EICMA lo scorso anno pare proprio destinato a diventare realtà. Honda ne anticipa l’arrivo con un teaser che non svela molto ma che dice tutto

Quello elettrico si somma a quello umano, per garantire orizzonti più ampi e divertimento prolungato. Moterra sarà proposta in due versioni, di cui una con ruote 27+, dedicate a Trail ed Enduro.

Dopo il lancio del Disc Brake Project, nel 2016, ecco prendere forma la prima ruota specifica per freno a disco. Reattività, leggerezza e affidabilità sono gli obiettivi del r&d Campy.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana