Google+

Esiste anche un’Ucraina dove non si distruggono le statue di Lenin: «Rappresenta la nostra storia»

febbraio 26, 2014 Leone Grotti

Oltre 100 statue del dittatore comunista sono state distrutte nel paese ma nell’est e in Crimea la gente disconosce i giovani di piazza Maidan e li chiama «fascisti»

ucraina-lenin-statua-mappaNon tutti in Ucraina fanno a gara per abbattere le statue di Lenin e rimuovere dalla sommità di edifici e monumenti la stella rossa sovietica, simbolo del comunismo al pari di falce e martello. A Kharkiv, nel nord-est del paese legato alla Russia, dove si dice che il presidente Yanukovich si sia rifugiato, almeno tremila cittadini sono scesi in strada per circondare e proteggere un «simbolo importante».

NON SOLO PIAZZA MAIDAN. Chi è sceso in piazza Maidan per strappare il paese dall’influenza della Russia e chiedere più rispetto per i legami storici che legano Kiev a una parte dell’Europa rappresentata da Bruxelles, non costituisce l’unica anima del paese.
«Qui la storia e i simboli sovietici sono importanti», spiega lo scrittore Serhiy Jadan a cui una folla di migliaia di persone ha impedito di avvicinarsi alla statua di Lenin con altri per abbatterla.

CARRI ARMATI RUSSI. Perché l’Ucraina non è composta solo da tante Lviv o Ternivtsy, non è appena quella che vorrebbe uno dei leader della piazza, Tyahnibok, legato al mondo ultra-nazionalista e violento. C’è anche un’Ucraina dove il russo è quasi la lingua più parlata, c’è la Crimea, donata da Kruscev al paese durante l’Unione Sovietica e dove ieri a Sebastopoli sono comparsi nel centro città alcuni carri armati russi. La realtà, insomma, è più complessa e composita di quella dipinta dai giornali.

«LENIN È UN SIMBOLO». E se nell’ovest e al centro si distruggono le statue di Lenin, a Kharkiv no, perché «Lenin è un simbolo. Qui non siamo tutti d’accordo, bisogna rispettare i punti di vista. Kharkiv è molto vicina alla Russia, che influisce molto», grida un abitante. L’Ucraina non è rossa ma non è neanche tutta arancione.
Abbattere le statue dell’uomo che insieme a Stalin ha portato all’uccisione di milioni di persone è ovviamente un fatto positivo. Ma come dichiara a Le Monde Serguei Velmenko, rivoluzionario ucraino sessantenne, «Lenin rappresenta il sangue, la tragedia, ma non bisogna distruggerlo. La gente si infurierebbe troppo».

SERVE RICONCILIAZIONE. La divisione su Lenin rappresenta bene un paese dove in serata a Kiev dovrebbe essere nominato il nuovo governo provvisorio dai dimostranti di piazza Maidan, che a Sebastopoli sono conosciuti come «fascisti», mentre in Crimea si inneggia a Putin e alla secessione. I primi, afferma lo scrittore Jadan, «hanno paura di perdere il futuro, i secondi temono di perdere il loro passato».
Ecco perché, come dichiarato a tempi.it dallo slavista Georges Nivat, «il paese ora ha bisogno di compromesso e riconciliazione» e l’Unione Europea per evitare una scissione «deve smettere di essere isterica e russofobica, paventando una nuova Guerra Fredda».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi