Google+

Per esempio, Rimini

settembre 8, 1999 Lussana Massimiliano

L’ospite/Lussana

Per esempio, al Meeting ho imparato che tremila persone che applaudono Cesare Romiti in sala 1 sono “il popolo del Meeting che osanna entusiasta le parole dell’ex amministratore della Fiat” con cui si può “aprire” il giornale e che seimila persone in auditorium che ascoltano con il fiato sospeso la lettura delle parole di don Giussani, sottolineandole-appuntandole-evidenziandole-amandole sono “oggi, sul Meeting, non si riesce a scrivere nemmeno uno straccio di notiziola nel colonnino delle brevi”. Per esempio, al Meeting, mi sono ricordato che anch’io, agli altri Meeting, dicevo così. Che qualche volta mi era capitato di provare a proporre ai miei capi di raccontare quegli incontri che nessuno dei miei vicini di computer in sala stampa voleva raccontare. Che avevo provato a insistere: “Ma guardate che hanno dovuto chiudere le porte perché la sala era strapiena e fuori c’erano altre centinaia di ragazzi che volevano sentirsi raccontare le parole di don Giussani” e che loro mi avevano spiegato che – digitando sulle agenzie di stampa – di questo Giussani non c’era proprio traccia, nemmeno uno straccio di omonimo. E alla fine mi avevano detto che, per raccontare questi momenti un po’ strani c’erano apposta i supercapi che, fra l’altro, mandavano sempre gli articoli troppo lunghi e “mi spiace ma le tue trenta righe sui volontari che si sono trovati a fare scuola di comunità dietro il forno delle pizze proprio non ci stanno perché dobbiamo piazzare mezza pagina del supercapo. Ubi maior…. E allora, dopo esser stato respinto con perdite, anch’io dicevo che quella di Romiti era una storia da aprirci il giornale e che Giussani non meritava neanche un colonnino nelle brevi. Per esempio, sei giorni prima che iniziasse il Meeting, il direttore mi ha telefonato a Roma e mi ha chiesto di scrivere per “Il Giornale” la storia a puntate di Cielle. Una vera rottura pensavo: “Il primo problema è che io non so nulla di Cielle; il secondo è che il direttore mi chiede di occuparmene il giorno dopo Ferragosto, quando a presidiare la redazione politica del giornale siamo in due e la storia del Meeting dovrebbe convivere con tre articoli al giorno: sugli ex leghisti che fanno un partito, sui leghisti che sono partiti e sulle proposte di Berlinguer sull’ora di religione; tutti buoni motivi per rimandare la storia di Cielle. Un collega ciellino mi manda una busta piena di libri di Giussani per documentarmi sulla materia: la busta coi libri finisce nel cassetto e la scrittura della storia viene rinviata giorno per giorno. Per esempio, fino al viaggio in treno che mi porta a Rimini, continuo a non sapere nulla di Cielle e poco di Giussani, che per me resta quello che, fino all’anno scorso, “non faceva notizia”. E invece leggo di un altro viaggio in treno a Rimini, quello del 1954, in cui Giussani si accorge che i ragazzi non sanno nulla di Cristo e decide che passerà la vita a raccontare loro che “il Verbo si è fatto carne”. È un flash, qualcosa che mi rimane dentro. Per esempio, passo la notte successiva in bianco, a leggere, perché quei libri mi piacciono, mi conquistano. Mi pare che quel Giussani che sulle agenzie di stampa non appare, nemmeno un suo omonimo, abbia tante cose da dire e provo a scrivere sul “Giornale” qualcuna delle frasi che mi hanno colpito. E anche se lo stesso giorno devo scrivere altri tre articoli sui ministri al Meeting, sugli incontri più istituzionali e persino su Silvia Baraldini, quella “rottura di raccontare la storia ciellina” diventa un’avventura entusiasmante e l’appuntamento quotidiano con la scrittura della puntata su Cielle è il più entusiasmante del mio Meeting, una piccola droga quotidiana. Vedere Il Giornale in mano a molti – vedere che tanti lo comprano, anche insieme a Tempi, dove Samuele sembra in preda al ballo di Sanvito per piazzare abbonamenti – è un piacere. Non per me, mi piace l’idea che tanti – anche quelli che già l’avevano letto – possano rileggersi un’altra volta ancora le frasi di don Giussani e magari provare le mie stesse emozioni. Soprattutto l’emozione di un incontro. Sul treno di ritorno mi sento meglio che all’andata. Per esempio.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

Gestito da appassionati motociclisti, lo Spidi Store milanese di via Telemaco Signorini 12, mette a disposizione le ultime novità del marchio oltre a un servizio di tute su misura e di installazione di interfoni su caschi. Per festeggiare il suo primo anno di vita il negozio ha organizzato, in occasione di EICMA 2017, una serata all’insegna […]

L'articolo Spidi Store Milano spegne la prima candelina proviene da RED Live.

Tesla la tocca piano… presentando a sorpresa, in occasione dell’unveiling dell’atteso camion a batteria, l’erede dell’ormai storica Tesla Roadster. Una vettura che la Casa americana, con grande morigeratezza, non esita a definire “l’auto più veloce del Pianeta”. Una supercar elettrica che, ancora una volta, spiazza la concorrenza promettendo di ridefinire il concetto di performance a zero […]

L'articolo Tesla Roadster: zitti tutti proviene da RED Live.

Dopo la nuova generazione di Trafic SpaceClass, presentata lo scorso ottobre, Renault torna sull’argomento “business” con il lancio della nuova gamma Executive, studiata per rendere sempre più confortevole e ricca di tecnologia la vita a bordo di chi si sposta per lavoro. La Casa della Losanga dota quindi di contenuti premium tre vetture della sua scuderia, […]

L'articolo Gamma Executive, l’allestimento premium di Renault proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download