Google+

Eritrea. I vescovi denunciano il regime: «I giovani non fuggirebbero all’estero se vivessero in un paese decente»

giugno 10, 2014 Redazione

In una lunga lettera pastorale scritta in occasione dell’indipendenza dell’Eritrea, celebrata poche settimane fa, i vescovi cattolici hanno accusato il regime: «La situazione si aggrava»

In una lunga lettera pastorale scritta in occasione dell’indipendenza dell’Eritrea, celebrata poche settimane fa, i vescovi cattolici hanno denunciato la violenza del regime che obbliga centinaia di eritrei a scappare dal paese per intraprendere un viaggio difficilissimo fino in Libia, dove poi si imbarcano sui gommoni stracarichi di migranti per raggiungere l’Italia.

«SITUAZIONE AGGRAVATA». «Non ci sarebbe bisogno di emigrare se si vivesse in un paese decente», si legge in un passaggio della lettera citata da Fides. Ricordando la tragedia di Lampedusa del 3 ottobre 2013, in cui persero la vita circa 400 migranti, soprattutto eritrei, la Chiesa scrive: «Invece di trovare soluzioni per impedire che simili tragedie si ripetano, la situazione si è aggravata. Non c’è bisogno di cercare il paese del miele se si vive già in esso».

«PERCHÉ I GIOVANI FUGGONO?». I vescovi denunciano la disgregazione delle famiglie, i cui membri sono costretti a impegnarsi in un servizio militare lungo anche 20 anni, gli arresti arbitrari e la violenza dei centri di rieducazione. «È inutile chiedere perché la nostra gioventù fugge all’estero. Tutto questo crea un paese desolato. Anche le persone arrestate devono essere trattate umanamente e devono essere giudicate da una corte».

ARRESTI E TORTURE. Quello eritreo è uno dei regimi più oppressivi al mondo, che nega tutte le libertà fondamentali: non esiste infatti libertà di stampa, associazione, pensiero, religiosa. I cristiani vengono perseguitati e ai giovani le autorità rubano il futuro costringendoli a cercare una fuga disperata attraverso Sudan, Etiopia e Libia. Tra il 2007 e il 2012, secondo un recente rapporto, 30 mila eritrei sono stati rapiti e torturati con l’aiuto del regime mentre tentavano di scappare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

Al Motor Bike Expo di Verona, dal 18 al 21 gennaio, Metzeler si presenta con una limited edition del suo pneumatico più custom: si chiama Metzeler ME 888 Marathon Ultra Orangewall

L'articolo Metzeler ME 888 Marathon Ultra Orangewall: più colore al custom proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download