Google+

Eritrea. I vescovi denunciano il regime: «I giovani non fuggirebbero all’estero se vivessero in un paese decente»

giugno 10, 2014 Redazione

In una lunga lettera pastorale scritta in occasione dell’indipendenza dell’Eritrea, celebrata poche settimane fa, i vescovi cattolici hanno accusato il regime: «La situazione si aggrava»

In una lunga lettera pastorale scritta in occasione dell’indipendenza dell’Eritrea, celebrata poche settimane fa, i vescovi cattolici hanno denunciato la violenza del regime che obbliga centinaia di eritrei a scappare dal paese per intraprendere un viaggio difficilissimo fino in Libia, dove poi si imbarcano sui gommoni stracarichi di migranti per raggiungere l’Italia.

«SITUAZIONE AGGRAVATA». «Non ci sarebbe bisogno di emigrare se si vivesse in un paese decente», si legge in un passaggio della lettera citata da Fides. Ricordando la tragedia di Lampedusa del 3 ottobre 2013, in cui persero la vita circa 400 migranti, soprattutto eritrei, la Chiesa scrive: «Invece di trovare soluzioni per impedire che simili tragedie si ripetano, la situazione si è aggravata. Non c’è bisogno di cercare il paese del miele se si vive già in esso».

«PERCHÉ I GIOVANI FUGGONO?». I vescovi denunciano la disgregazione delle famiglie, i cui membri sono costretti a impegnarsi in un servizio militare lungo anche 20 anni, gli arresti arbitrari e la violenza dei centri di rieducazione. «È inutile chiedere perché la nostra gioventù fugge all’estero. Tutto questo crea un paese desolato. Anche le persone arrestate devono essere trattate umanamente e devono essere giudicate da una corte».

ARRESTI E TORTURE. Quello eritreo è uno dei regimi più oppressivi al mondo, che nega tutte le libertà fondamentali: non esiste infatti libertà di stampa, associazione, pensiero, religiosa. I cristiani vengono perseguitati e ai giovani le autorità rubano il futuro costringendoli a cercare una fuga disperata attraverso Sudan, Etiopia e Libia. Tra il 2007 e il 2012, secondo un recente rapporto, 30 mila eritrei sono stati rapiti e torturati con l’aiuto del regime mentre tentavano di scappare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana