Google+

Eni lancia l’allarme gas in Libia: «Impianto sotto attacco»

novembre 6, 2013 Chiara Rizzo

L’ad Paolo Scaroni: «Mellitah è sotto assedio di manifestanti da una settimana, si rischia lo stop all’import di gas». Ma Snam Rete Gas nel pomeriggio conferma che i volumi di gas nella rete restano ancora regolari

Stamattina l’impianto di Mellitah del gasdotto Greenstream, in Libia, è stato attaccato da alcuni manifestanti che lo hanno assediato: tuttavia la situazione è sotto controllo e i flussi di gas dovrebbero rimanere regolari per l’Italia. L’allarme è stato dato oggi dall’amministratore delegato di Eni, Paolo Scaroni a Radio1: «Proprio in queste ore – aveva spiegato Scaroni – il terminal di Mellitah, da cui parte il gasdotto che raggiunge la Sicilia, è sotto attacco da parte di manifestanti che ci stanno spingendo a chiudere completamente le esportazioni verso l’Italia».

SITUAZIONE SOTTO CONTROLLO. Dopo questo preoccupante allarme, però, sono arrivate le prime rassicurazioni: secondo fonti in loco del Corriere della Sera la situazione sarebbe “ampiamente sotto controllo e le proteste si sono placate, nelle ultime ore. Pertanto assicurano le fonti che la produzione resta attiva”. La notizia è stata confermata ufficialmente da Snam alle 15.10, quando ha pubblicato sul proprio sito i dati sui volumi di gas nella rete. Nonostante l’attacco dei manifestanti Snam Rete Gas stima di ricevere oggi dalla Libia 12,7 milioni di metri cubi di gas, esattamente come programmato.

I MANIFESTANTI. Le proteste in Libia vanno avanti da circa una settimana e sono messe in atto da membri dell’etnia amazigh, che hanno organizzato sit in e manifestazioni proprio davanti l’impianto di Mellitah, per ottenere dallo Stato libico i diritti di lingua e di cultura riconosciuti alle minoranze etniche dalla Costituzione (oltre agli amazigh anche i più noti tuareg e i toubou). L’impianto di Mellitah è di importanza strategica per Libia e Italia: è gestito da una società mista Eni-Libia, e fornisce al nostro Paese 17 milioni di metri cubi di gas in media ogni giorno, attraverso Greenstream. Per questo Scaroni si è detto preoccupato, stamattina, sul futuro dell’impianto: «Al presente soffriamo la situazione di disordine perché la Libia è il primo paese in cui operiamo. Da lì arriva circa il 15 per cento dei nostri idrocarburi e soffriamo anche la situazione in Nigeria che sta attraversando un momento di grande difficoltà dal punto di vista dell’ordine pubblico».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.