Google+

Emily filma il suo aborto, cinque donne le rispondono: «Anche noi abbiamo abortito, il perdono ci ha salvate»

maggio 10, 2014 Benedetta Frigerio

Le storie travagliate di Abby, Jewels, Ashley, Beatrice e Brice che hanno ricominciato a vivere solo dopo aver riconosciuto che «l’aborto non è una soluzione facile a un problema… è “Il problema”»

emily-letts-midprocedure-emilyletts-vimeoSono passate dalla tranquillità di chi è convinto di non aver fatto nulla di male a un sentimento misto di angoscia, dolore, disperazione, fino ad approdare alla gioia della redenzione. È il leitmotiv di cinque storie sull’aborto, raccontate dal quotidiano The Blaze, che hanno fatto da contraltare al video della venticinquenne Emily Letts (foto a fianco), dipendente di una clinica abortiva, che ha filmato il suo aborto per dimostrare l’inoffensività della “procedura”.

«HO SPEZZATO IL CUORE AI MIEI FIGLI». «Quello che il movimento [abortista] ha mancato di fare è stato camminare con le donne anche dopo il momento dell’aborto». Ne è certa Abby Johnson, l’infermiera che oltre ad aver abortito due volte ha partecipato a centinaia di «omicidi», come li chiama oggi.
Direttrice di una delle cliniche del colosso abortista Plannned Parenthood, Johnson racconta l’impatto imprevisto che quelle due interruzioni di gravidanza hanno avuto su di lei e sulla sua famiglia: «Un giorno ero in macchina, mia figlia, così dal niente, mi chiese se avrebbe mai visto i suoi fratelli. Le domandai che cosa intendesse… onestamente sperando che non stesse parlando dei due aborti che avevo fatto». Ma la figlia le disse di sapere tutto, spiegando: «Nel mio cuore sento che mi mancano». Johnson non avrebbe «mai immaginato che avrei spezzato il cuore ai miei figli».

jewels-green-aborto«NIENTE MI DAVA SODDISFAZIONE». Anche Jewels Green, dopo un’interruzione di gravidanza, cominciò a «essere consumata da un dolore travolgente, da un senso di colpa ineludibile e tentai il suicidio». Green era in uno stato di malessere tale che «trascorsi un mese in un reparto psichiatrico. Per recuperare lavorai in un centro di aborti per cinque anni, nel tentativo di placare la mia colpa, normalizzare il mio trauma e razionalizzare il mio dolore». Poi, per riempire «il vuoto lasciato dal mio bambino», Green si diede alla ricerche accademica, cercando pace nella carriera, trasferendosi in diversi Stati e infine sposandosi: «Ma niente mi dava soddisfazione fino a quando non iniziai a parlare dell’angoscia e del rammarico che provavo (e provo ancora) per l’aborto».
Le cose hanno cominciato a cambiare solo quando «ho ammesso di essere responsabile della morte di mio figlio: permettere a me stessa di soffrire fino in fondo mi ha portata più vicino alla pace interiore». Perché «il dolore può essere insopportabile, ma può anche cambiarti».

ashley-granger«”LA COSA PIÙ AMOREVOLE”». Ashley Granger abortì a 22 anni pensando che «l’aborto fosse l’opzione migliore». La società, spiega la donna, «mi aveva fatto credere che nulla di buono sarebbe venuto fuori da una gravidanza non pianificata… soprattutto per una studentessa universitaria». Di più, Granger si sentì dire che «se non ero pronta ad essere un genitore questa era “la cosa più amorevole” che potessi fare e che la maggior parte delle donne poi provava sollievo». E invece la giovane, pur apparendo «la maggior parte del tempo su di giri per mantenermi insensibile dentro», tentò di togliersi la vita tre volte.
Chiedendo aiuto per affrontare la depressione «mi sentii meglio». Granger quindi si sposò e rimase incinta: «Comprai quasi tutti i libri sullo sviluppo del mio bambino. Fu allora che mi colpì il dolore più assoluto e l’orrore di quello che avevo fatto solo pochi anni prima». Ma oltre a questo e «alla tristezza profonda per aver rubato a mio figlio un fratello», la donna ora convive con «l’infertilità da due anni e mezzo. (…) Ogni sera il mio dolce figlio prega Dio per un fratello e ogni volta che sento quelle preziose preghiere il mio cuore soffre». Ecco perché, secondo Granger, «un aborto non è una soluzione facile a un problema… è “Il problema”, che lascia un effetto duraturo sulle generazioni future».

beatrice-fedor-abortoLACRIME E INCUBI. Beatrice Fedor di aborti ne ha fatti due: «Il primo per volere del padre. La seconda volta il diavolo mi ha sussurrato all’orecchio che l’aborto avrebbe “salvato” il mio bambino dal suo padre violento». Per anni la ragazza visse odiandosi, poi si sposò ma «ero traumatizzato dal passato. Quando sono rimasta incinta ho dovuto condividere la mia gravidanza/storia di aborto e mi vergognavo (…). Mi sentivo indegna di portare un bambino voluto dentro di me. Ogni sera mio ​​marito mi trovava rannicchiata su una sedia in lacrime».
Fedor prese degli antidepressivi, ma quando il piccolo nacque «mi sentivo distaccata. Avevo incubi in cui lo ferivo e dicevo: “Va bene, tanto non può sentire nulla”». Da un po’ di tempo, conclude la donna, «ho iniziato a guarire e a condividere la mia storia».

C’È SEMPRE UN’ALTRA SCELTA. Infine Brice Griffin racconta di aver sofferto in silenzio per 10 anni: «Ero incinta e comunicai la notizia al mio ragazzo, una rock star. Cinque parole avrebbero cambiato la mia vita “Ci prenderemo cura di lui”». Quelle parole non arrivarono e la donna si stupì della facilità con cui cercò un modo per interrompere la gravidanza: «L’aborto ci divise (…) Ero devastata, mi ritrovai vuota e lacerata, assolutamente sola», ma «dopo aver sofferto in silenzio per oltre un decennio fui sorpresa di scoprire che le stesse persone a cui cercai di nascondere il mio senso di colpa e di vergogna, le persone più vicine alla mia vita, sono state quelle che mi hanno confortata e perdonata quando finalmente ho confessato loro di aver abortito, rammaricate per non essere state coinvolte quando avevo bisogno (…). Per questo sono colpita dalla mancanza di scelta che viene prospettata a una donna incinta: a me ne fu presentata solo una, quella più dolorosa».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

11 Commenti

  1. filomena scrive:

    Ma così per essere un minimo equilibrati non potevate intervistare anche qualcuna delle centinaia di donne che non ne hanno fatto un dramma per aver abortito? Ah già capisco non potevate perché quest’ultime avevano dimenticato di averlo fatto….

    • Toni scrive:

      Come ci si può convincere, ironizzare e gongolare su una schifezza simile. Si comincia a essere morti da vivi.

    • Piero scrive:

      Non è che un fatto cambi a seconda di chi lo guarda. Un fatto è e rimane un fatto. Un aborto è sempre un aborto, una soppressione di una vita, anche se chi lo compie non ne resta traumatizzato, ma come sempre non c’è peggior cieco di chi non vuol vedere…

    • beppe scrive:

      squallida!

    • giovanni scrive:

      Pentirsi, è un lusso che non a tutti è concesso. Ci sono criminali che dopo aver commesso anche molti omicidi non si pentono.

    • giovanni scrive:

      Consiglio la redazione di “Tempi” di fare un bel servizio sulla mafia, intervistando alcuni veri pentiti, e per essere un minimo equilibrati, non dimenticate di intervistare anche i mafiosi non pentiti. P.S. Evitate di intervistare i quaquaraqua.

      • Toni scrive:

        I pentiti di mafia hanno vantaggi nel pentirsi (sconti di pena, protezioni ai familiari ecc.) i pentiti dell’aborto no. Sentono il peso di una schifezza fatta e cercano rimedi.

    • Nando scrive:

      Forse perchè non ci sono……..

    • Valeria scrive:

      Donne che hanno continuato la loro vita serenamente dopo aver abortito?
      Donne che ci hanno riflettuto e che sarebbe stata la scelta migliore?
      Donne che hanno messo il proprio benessere prima della vita di un bambino?
      Ma va, non esistono.
      SI può parlare solo di donne che hanno avuto ripensamenti.

  2. margherita scrive:

    non esiste una ricerca al mondo che dice che abortire faccia bene. Ve lo dice un ricercatore psicologo che si occupa del tema e queste testimonianze sono perfettamente in linea con quello che dicono le migliaia di ricerche sparse nel mondo: riduzione dell’ansia al momento per aver “eliminato”il problema fonte di ansia, finchè un giorno (chi da subito, chi dieci anni dopo) inizia ad accusare sintomi psicologici che possono essere “lievi” (disturbi del sonno, dell’ansia o psicosomatici) a sintomi gravi come depressione, allucinazioni sonore/visive ecc. Questi possono durare poco o anche molti anni come testimoniano anche qs interviste! Ciò colpisce più del 90% delle donne che abortisce: negare queste evidenze e dati e continuare a farlo è una mancanza gravissima ed è irrispettoso nei confronti di chi soffre. Il problema è che abortire è un business su cui si fanno molti soldi… Bene quindi ricordare attraverso questi articoli che la realtà è un po’diversa da quella che ci si immagina.

    • luna scrive:

      affido tutte le donne afflitte per aver praticato un aborto a Maria, il vostro dolore è la vostra cura ma la vostra rinascita è ancora più utile per quante donne ancora non sentono il disgusto per la soppressione di anime innocenti e PER TUTTE QUELLE DONNE CHE SI CONSIDERANO EMANCIPATE PERCHE’ LIBERE DI PORRE FINE AD UNA VITA SOLO PERCHE’ HA AVUTO LA SFORTUNA DI CAPITARE NEL LORO GREMBO .LE DONNE SONO CREATURE MERAVIGLIOSE NELLA MISURA IN CUI RIESCONO A RIMANERE IN CONTATTO CON SE’ STESSE E CON IL PROPRIO CUORE e non fingono una spavalderia per non ascoltare cio’ che la loro anima sensibile e agonizzante grida

      .

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

COSA: FLOW, la festa dello sport a Finale dura 10 giorni  DOVE E QUANDO: Finale Ligure, Savona, 22 settembre-1° ottobre Dal climbing alla mountain bike passando per il trail running, la speleologia e la barca a vela: si presenta gustoso il programma dell’8ª edizione del festival FLOW – Finale Ligure Outdoor Week. Dal 22 settembre al […]

L'articolo RED Weekend 22-24 settembre, idee per muoversi proviene da RED Live.

Non è una vettura qualsiasi. La nuova XC40, per Volvo, è la chiave della svolta. Il modello sulle cui spalle poggia la responsabilità di far compiere alla Casa svedese un vero e proprio balzo generazionale, aprendole le porte del segmento delle SUV compatte. Una vettura fondamentale nel processo di rilancio messo in atto dalla cinese […]

L'articolo Vista e toccata: Volvo XC40 proviene da RED Live.

Tutto è cominciato con il Mokka X, SUV compatto di grande successo con oltre 600.000 unità vendute; poi è stata la volta di Crossland X, crossover urbano più spazioso e versatile, che ha preparato il terreno alla novità Grandland X, SUV compatto da 4,48 metri che punta su linee muscolose e decise (condivide la piattaforma […]

L'articolo Nuovo Opel Grandland X proviene da RED Live.

“Sì, bella la Turbo Levo ma ha poca escursione…” Beh, chi trovava la prima full a pedalata assistita di Specialized non abbastanza “maschia” ora ha di che ricredersi e, magari, sognare a occhi aperti. La nuova Turbo Kenevo FSR, infatti, con i suoi 180 mm di escursione (che peraltro al posteriore hanno il colore giallo […]

L'articolo Nuova Specialized Turbo Kenevo FSR proviene da RED Live.

A Milano settembre è il mese più bello. Anche per pedalare. Il 17 mattina l’hanno pensato in tanti, circa 1.800, schierati alla partenza della prima edizione della GF Milano. Dopo una notte di pioggia, infatti, lo sguardo poteva abbracciare verso nord il profilo innevato delle montagne, nella direzione che avrebbe preso la corsa. Due le […]

L'articolo GF Milano, in gara dalla città al cuore della Brianza proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana