Google+

Elogio pasoliano del borgataro Totti

aprile 14, 1999 Frangi & Stolfi

Senza ombrello, sotto il temporale

Ma cosa avrebbe detto Pier Paolo Pasolini davanti a Francesco Totti? La domanda, per nulla peregrina, viene ad uno di noi, gli occhi lustri per quel gioiello appena visto in tv, da Copenaghen, sabato 27 marzo. Una serata passata a fare zapping davanti alla tv per scappare dalla faccia di Zoff, con quel suo occhio un po’ imbesuito e dal gioco debosciato della nazionale che nel suo ct si specchia. Cosa avrebbe detto Ppp di Francesco Totti, detto “er pupo”, borgataro di Porta Metronia, 22 anni e qualche mese (che, quindi, è venuto al mondo quando Ppp era sparito da due anni: altra era, altro mondo…)? Partiamo da Pasolini. Il quale amava il calcio, lo giocava (“Ogni volta che sentivamo schiamazzi di una partita ci fermavamo ed entravamo in campo anche noi”, racconta Ninetto Davoli) e lo vedeva. Faceva un tifo sfegatato per il Bologna (quando incontrava Bulgarelli, si emozionava al punto che gli mancava la parola), sua città natale. Ma aveva un debole, e che debole, per Roma. Il calcio Pasolini lo infila dappertutto, come documenta un libro uscito un paio di anni fa (Limina editore): nei romanzi, nelle poesie, nei film, nei saggi. Il calcio è figlio di quell’Italia antropologicamente sana, piena di cattolicesimo e di vitalità, di cui Ppp, negli ultimi anni, aveva profetizzato, tragicamente, lo sgretolamento: “I pomeriggi che ho passato a giocare a pallone sui prati di Caprara sono stati indubbiamente (il corsivo – commovente! – è suo) i più belli della mia vita. Mi viene quasi un nodo in gola se ci penso” (Il Tempo, 1969). Gli piace anche vedere: ragazzi in campo con “la caparbietà di un animale da tiro, che stanno al gioco dei padri, atroce razza”. Vabbè, e Francesco Totti, in tutto questo? Non c’è bisogno di essere romanisti – come uno di noi è – per capire che ha qualcosa di speciale. La prima cosa speciale è la grazia (tanta) incarnatasi incredibilmente in quel corpo massiccio, da torello di borgata. La seconda cosa speciale è quel suo appartenere a due Italie lontane anni luce, antropologicamente parlando: quella povera e entusiasmante degli anni 60 e questa ricca e imbastardita di fine millennio. Con Pasolini una risposta l’abbiamo trovata. È la romanità il segreto di Totti. Sentite Ppp: “A Roma l’identificazione del tifoso con la squadra non sublima sentimenti ristretti, provinciali, municipali. E poi nel romano c’è sempre quella dose di scetticismo e di distacco che lo preserva sempre dal ridicolo. Nella propria squadra non esalta glorie cittadini o altre cose noiose di questo genere. Esalta la propria dritteria. E un dritto è un dritto… Un’idea di calcio umana, storica, terrestre: esposto quindi a ogni rischio e a ogni negazione. Il contrario del tifo che è astrazione, costellazione fissa, dogma” (L’Unità, 1957). Per questo, forse, amiamo, tifiamo e sogniamo (l’altro di noi è milanista) Francesco Totti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana