Google+

Elogio dei grillini dissidenti che sfanculano Grillo. Avevano pescato il biglietto della fortuna e lo strappano per poter dire “io”

dicembre 9, 2014 Renato Farina

La ribellione interna al M5S contro Grillo e Casaleggio è la conferma che il totalitarismo non vincerà mai. C’è un limite all’ipnosi da scontrini, guru e web

Non voglio parlare di Beppe Grillo. Ma di chi se ne va. Di chi dice no. Non ho nessuna voglia di associarmi alla caccia al Grillo, secondo l’abitudine cinese ma anche italica di bastonare il cane che affoga. Quando traversava a nuoto lo Stretto di Messina e volava sopra le acque al punto da parere quasi un pesce-angelo, un miracolo della natura, e ingoiava donne, uomini e giornali adoranti come fosse la balena di Pinocchio, si innalzarono universali e festose acclamazioni. Logico: era la fase ascendente; qualsiasi movimento che coinvolga un po’ di popolo, quando la folla sta crescendo cattura furbi e ingenui.

Ora Beppe si dichiara «stanchino» e il fenomeno ha stufato: persino Marco Travaglio lo rincorre con l’abituale manganello per rischiarargli il cervello.

A me interessa il punto di rottura. Quel che ha indotto alcuni suoi parlamentari a dire basta. A rompere. A spezzare l’incantesimo e il legame con il “popolo della rete”, con “i cittadini del web”, e ad andarsene a zonzo, o forse verso qualche luce.

Li vedevo circolare per il Parlamento, e anche fuori. Sono convinto che sia una tecnica, deve avergliela suggerita Casaleggio: vestirsi apposta in modo arruffato, così i senzatetto e gli altri mendicanti organizzati o no che assaltano i deputati non li tormentano. Alcuni di loro li ho riconosciuti con l’occhio fisso a terra per precipitarsi su scontrini di consumazioni da poter presentare per dare meno soldi all’organizzazione.

Ma non è questo che interessa.

Il fatto è che erano in una comunità perfetta. Sono stati accolti, beneficiati, sono diventati importanti. In fondo molti di loro sarebbero, fuori dalle aule di Camera e Senato, disoccupati o precari. Alla fine era comunque un salto di condizione sociale, di benessere, di vita. Restare lì dentro, alla fine li avrebbe fatti appartenere al popolo grillino per sempre, poter non decidere più, lasciarsi naufragare dolcemente nel mare del pensiero alternativo, e obbedire a prescindere dalla coscienza, ma lasciarsi penetrare dall’onda, dalle parole di Grillo, dalle indicazioni di Casaleggio, dalle previsioni sulla fine del mondo, e scivolare nel calore cosmico carico di elettricità da vaffanculo.

Chi ha detto di no, e ha tagliato la corda in tutti i sensi, ha alzato la testa. Non siamo fatti per essere risucchiati dal grande Noi, dal Papà Barbuto e dallo Zio Guru, i quali trattano gli “io” altrui come enti inutili da accatastare per poi accendere il falò della volontà collettiva di cui parlava Rousseau: il sogno disperato di nazismo e comunismo, dove l’unico a pensare e decidere è il Timoniere, l’Essenza della Classe o della Razza in cui si identifica lo Spirito della Storia. In questo tempo dell’“io” ridotto e assassinato, con desideri ridotti al piacere senza alcun rapporto con le stelle, qualcuno ha detto di no.

Così in questa ribellione vedo la conferma che il totalitarismo non passerà mai. C’è un limite oltre cui i singoli scoprono un impulso tremendo a ribellarsi, a far saltare il coperchio dell’ipnosi. Io credo che Beppe Grillo abbia fatto apposta a esasperare proprio questa idea dell’ipnosi per farla esplodere. Mai osservato come rotea gli occhi, come fissa le persone? Secondo me, ha nominato il direttorio parigino di Robespierre e del Terrore apposta per portare in fretta a termine questa corsa e farsi tagliare la testa.

Intanto, quelli che sono stati espulsi o hanno rotto l’incantesimo dove finiranno? Consapevoli di aver pescato il biglietto della fortuna, lo hanno strappato apposta. Ho in mente che un bravo idraulico del mio paese è diventato deputato perché ha avuto l’idea di presentarsi in pigiama a un consiglio comunale. Forse un giorno metterà il pigiama per mettere a letto i figli. Glielo auguro.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Cisco scrive:

    Esatto, un po’ come i dissidenti del Berlusca.

  2. jens scrive:

    E voi credete che quelli lì se ne andranno veramente? State pure tranquilli che una volta entrati nella casta non se ne vanno più. Razzi docet.

  3. Andrea UDT scrive:

    E bravo Farina.

    E lui che pescò il biglietto della fortuna nel 2008 facendosi eleggere nel PDL (liste bloccate, con le preferenze chissà se ci arrivava) quando prende il coraggio a due mani per sfanculare Berlusconi che sfancula i suoi valori cattolici facendo le fusa a Luxuria e aprendo alle unioni civili alla tedesca?

    Meglio sparlare dei 5 stelle eh?

    • giovanna scrive:

      Bravo Andrea UDT, hai capito tutto.
      E anche gli altri non mi sembra che ci abbiano preso granché.
      A mio parere l’articolo di Farina si situa ad un livello molto diverso : pone una domanda su chi è l’uomo, pone uno sguardo originale e non banale sul desiderio di compimento dell’uomo.
      Per questo l’ho sentito come rivolto a me e Berlusca e Grillo e gli “altri” ( sono sempre gli “altri ad essere pessimi, noi siamo purissimi ) vengono dopo, molto dopo.
      Che poi, cosa vuoi aggiungere o togliere, come sono conciati i grillini è sotto gli occhi di tutti !

      • Cisco scrive:

        @Giovanna
        Infatti io ho parlato di me stesso, cioè di uno di quelli che hanno “sfanculato” qualcuno (nel mio caso Berlusconi) per dire “io”: mi ritrovo perfettamente nella frase seguente: “C’è un limite oltre cui i singoli scoprono un impulso tremendo a ribellarsi, a far saltare il coperchio dell’ipnosi.” Ecco, cara Giovanna, auguro anche e te di raggiungere presto questo limite…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana