Google+

Elezioni. Le quattro sindachesse anti-‘ndrangheta della Calabria escluse per la Bindi

gennaio 16, 2013 Chiara Rizzo

In Calabria era attesa la candidatura nel Pd per quattro prime cittadine minacciate dalla mafia. Ma sono state dimenticate per lasciare la scena alla vicepresidente

C’è voluto El Pais per aprire la nuova bagarre interna al Pd, dopo quella siciliana, stavolta in Calabria. Ci sono quattro donne, quattro “sindachesse”, che hanno fatto della lotta alla ‘ndrangheta il loro fiore all’occhiello. Nomi ed esperienze locali che in molti, a sinistra, avrebbero voluto traghettate in parlamento. E invece niente: in Calabria, nel listino, il numero dei “paracadutati” voluti dall’alto è maggiore che altrove, in testa l’esempio di Rosy Bindi candidata supereletta, misteriosamente, a Reggio Calabria, dove prima di rado aveva mai messo piede. Ma il caso delle tre sindachesse è stato denunciato dal quotidiano spagnolo, che proprio l’altro giorno ha pubblicato un lungo servizio a loro dedicato. Sono Elisabetta Tripodi, di Rosarno (Rc), Caterina Girasole di Isola Caporizzuto (Cr), Annamaria Cardamone di Decollatura (Cz) e Maria Carmela Lanzetta di Monasterace (Rc).

«È UN SIMBOLO». MA NON LA CANDIDANO. Emblematico il caso di quest’ultima. Lanzetta nella Locride ha subìto ad opera delle ‘ndrine l’incendio della farmacia di famiglia: poco tempo fa le hanno sparato colpi di pistola intimidatori alla porta di casa, e da allora gira sotto scorta. Il suo caso è giunto alla ribalta nazionale, dato che lei si sarebbe voluta dimettere, ma il segretario Pier Luigi Bersani è andato a trovarla a casa (nella foto sotto un momento della visita pubblica), e l’ha invitata alla festa nazionale del Pd. Bersani ha anche citato la storia di Lanzetta durante il duello in tv con l’avversario Matteo Renzi, dicendo che «è un simbolo». Perciò in Calabria in molti nel partito si sarebbero aspettati la sua candidatura al parlamento: Lanzetta racconta di aver ricevuto attestati di stima da centinaia di cittadini e di stare pensando a candidarsi. «Poi ho letto sul Quotidiano della Calabria – raccontava ieri ad un giornale locale – che la mia presenza alle primarie avrebbe chiuso la possibilità ad altri candidati “benvoluti dalla gente”. Neanche il tempo di meravigliarmi e abbiamo saputo che capolista sarebbe stata Rosy Bindi. Per cui ho scelto di non mettermi in concorrenza con il presidente del Partito».
Dopo la mancata candidatura alcuni sindaci hanno firmato un documento che chiedeva spiegazioni. Ma nel partito vige la regola aurea del silenzio: e non c’è nemmeno da stupirsi, dato che il commissario regionale, molisano, si è candidato al secondo posto nel listino, e dietro ancora ci sono altri paracadutati da ogni dove. «Rimane l’amarezza e la delusione per il nostro territorio, che non sarà rappresentato in parlamento», dice Lanzetta.

I DIKTAT DELLA BINDI. Elisabetta Tripodi aveva vissuto e lavorato in Lombardia per 15 anni. Poi ha deciso di ritornare nella patria Rosarno, ed è stata eletta, poco prima della celeberrima rivolta degli immigrati che fece scalpore due anni fa. Da allora anche lei lavora contro le cosche, e gira quindi sotto scorta. Ma non è candidata: pare che la Bindi abbia scalpitato per essere tra le pochissime donne, e comunque quella più forte.
Come non è stata candidata nel Pd Carolina Girasole, sindaco di Isola Caporizzuto. Girasole è sotto scorta dopo le minacce ricevute per l’aspra guerra all’abusivismo edilizio. Seppur bersaniana, alla fine Girasole è l’unica candidata tra le sindachesse, ma solo perché è stata contattata dalla lista Monti: «In una regione dove si rischia la vita – ha spiegato – fare tanti sacrifici per dare una speranza alla Calabria e non essere presa in considerazione lasciava l’amaro in bocca. Dunque, anche se mi sento vicina alla sinistra, questa possibilità non potevo accantonarla».
Ieri Bersani è arrivato a Catanzaro  per dire che «avrete un governo amico della Calabria». Ma l’impressione  da queste parti è che si ripeta il caso della senatrice Daniela Mazzucconi, brianzola, calata e votata in Calabria dall’alto: l’aveva messa lì Veltroni, su pressioni della solita Bindi. Da allora, in Calabria, la Mazzucconi non l’hanno proprio mai vista.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Lucio scrive:

    Ma perché diffondete notizie false? .Io non ho nessun interesse né per le sindachesse nè per Rosy Bindi, però conosco bene la situazione calabrese e sarebbe il caso di far sapere che la Bindi, dopo aver vinto le primarie, ha chiesto al partito di essere messa in lista come appartenente alla lista nazionale, proprio per lasciare posto ai candidati locali. A me è sembrato un atto di onestà e di attenzione alle esigenze della Calabria.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana