Google+

Elezioni Israele. Iran, Siria e “primavere arabe” spingono la destra al governo

gennaio 9, 2013 Francesco Amicone

Per il giornalista e saggista Carlo Panella, la sinistra frammentata sconta l’assenza di un leader. I sondaggi danno alla destra la maggioranza assoluta

Il 22 gennaio le elezioni in Israele. In palio centoventi posti per trentaquattro partiti. Secondo gli ultimi sondaggi, la destra avrebbe la maggioranza assoluta dei consensi e sicuramente andrà al governo. L’alleanza fra il Likud del premier Benjamin Netanyahu e il partito dell’ex ministro degli esteri Avigdor Lieberman primeggia nei sondaggi, con un 35 per cento. Ancora più a destra c’è Jewish Home, il “partito dei coloni”, guidato dal giovane imprenditore Naftali Bennett, che si attesta al 15 per cento, terzo partito appena dopo i labour israeliani. «La sinistra sconta la frammentazione e l’assenza di leader convincenti», spiega a tempi.it il giornalista e saggista Carlo Panella, «sia il partito laburista guidato da Shelly Yachimovich, sia quello di centro dell’ex ministro degli esteri Tzipi Livni non possono competere con il carisma dei tre leader di destra».

L’assenza di concorrenti carismatici a sinistra è l’unica ragione della disfatta della sinistra nei sondaggi?
Oltre alla leadership e alla frantumazione del partito laburista, dopo la partenza di Ehud Barak, la sinistra deve scontare un naturale spostamento dell’elettorato israeliano, sul quale pesano l’effetto delle primavere arabe, l’incertezza in Siria e il pericolo iraniano, nonché il deterioramento della situazione interna egiziana.

Bennett sembra la sorpresa di queste elezioni.
Bennett è un leader carismatico che rientra nelle posizioni della destra israeliana. Certo, afferma che il sessanta per cento della Cisgiordania sia israeliano, perà sta soprattutto puntando sull’economia, sul costo della vita in Israele.

La questione palestinese. Quanto conta in queste elezioni?
Poco. Per gli israeliani il problema della Palestina è l’assenza di personalità con cui confrontarsi. L’inconsistenza di Abu Mazen, poco rappresentativo, si è rivelata ancor più con l’infausta mossa all’Onu di chiedere il riconoscimento dello Stato palestinese; così non ha guadagnato la fiducia dei palestinesi e si è screditato come interlocutore.

Il prossimo governo come affronterà i nodi sulla Palestina e sull’Iran?
Sostanzialmente cambierà poco. Dipende dagli Stati Uniti. Con il nuovo esecutivo, Obama tenterà subito un’ultima carta con l’Iran. Un negoziato che probabilmente fallirà. E il nuovo ministro della difesa americano Chuck Hagel, per quanto ne so, è un politico che se non ottiene risposta, non sta certo a temporeggiare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi