Google+

Elezioni Israele. Iran, Siria e “primavere arabe” spingono la destra al governo

gennaio 9, 2013 Francesco Amicone

Per il giornalista e saggista Carlo Panella, la sinistra frammentata sconta l’assenza di un leader. I sondaggi danno alla destra la maggioranza assoluta

Il 22 gennaio le elezioni in Israele. In palio centoventi posti per trentaquattro partiti. Secondo gli ultimi sondaggi, la destra avrebbe la maggioranza assoluta dei consensi e sicuramente andrà al governo. L’alleanza fra il Likud del premier Benjamin Netanyahu e il partito dell’ex ministro degli esteri Avigdor Lieberman primeggia nei sondaggi, con un 35 per cento. Ancora più a destra c’è Jewish Home, il “partito dei coloni”, guidato dal giovane imprenditore Naftali Bennett, che si attesta al 15 per cento, terzo partito appena dopo i labour israeliani. «La sinistra sconta la frammentazione e l’assenza di leader convincenti», spiega a tempi.it il giornalista e saggista Carlo Panella, «sia il partito laburista guidato da Shelly Yachimovich, sia quello di centro dell’ex ministro degli esteri Tzipi Livni non possono competere con il carisma dei tre leader di destra».

L’assenza di concorrenti carismatici a sinistra è l’unica ragione della disfatta della sinistra nei sondaggi?
Oltre alla leadership e alla frantumazione del partito laburista, dopo la partenza di Ehud Barak, la sinistra deve scontare un naturale spostamento dell’elettorato israeliano, sul quale pesano l’effetto delle primavere arabe, l’incertezza in Siria e il pericolo iraniano, nonché il deterioramento della situazione interna egiziana.

Bennett sembra la sorpresa di queste elezioni.
Bennett è un leader carismatico che rientra nelle posizioni della destra israeliana. Certo, afferma che il sessanta per cento della Cisgiordania sia israeliano, perà sta soprattutto puntando sull’economia, sul costo della vita in Israele.

La questione palestinese. Quanto conta in queste elezioni?
Poco. Per gli israeliani il problema della Palestina è l’assenza di personalità con cui confrontarsi. L’inconsistenza di Abu Mazen, poco rappresentativo, si è rivelata ancor più con l’infausta mossa all’Onu di chiedere il riconoscimento dello Stato palestinese; così non ha guadagnato la fiducia dei palestinesi e si è screditato come interlocutore.

Il prossimo governo come affronterà i nodi sulla Palestina e sull’Iran?
Sostanzialmente cambierà poco. Dipende dagli Stati Uniti. Con il nuovo esecutivo, Obama tenterà subito un’ultima carta con l’Iran. Un negoziato che probabilmente fallirà. E il nuovo ministro della difesa americano Chuck Hagel, per quanto ne so, è un politico che se non ottiene risposta, non sta certo a temporeggiare.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana