Google+

Elezioni europee. Lo sprint di Beppe Grillo sospinto dal vento dell’inchiesta Expo (ci toccherà raccogliere tempesta)

maggio 24, 2014 Luigi Amicone

È difficile non cogliere una ennesima spallata alla politica nella tempistica di questo tornado giudiziario che poteva benissimo scavallare il 25 maggio

Lo scorso 17 marzo il popolarissimo sito Dagospia rilancia un articolo del Corriere della Sera. «A Milano c’è un’inchiesta su appalti e opere pubbliche definita “delicatissima” così riservata e dagli esiti potenzialmente esplosivi… Gli investigatori sono abbottonatissimi e alla sola parola “Expo 2015” si chiudono ancora più a riccio».
Dal 17 marzo se c’è una “cupola” sull’Expo niente di più facile che la cupola abbia mangiato la foglia. Tant’è, annota lo stesso Corriere nei giorni seguenti la retata, l’articolo Corriere-Dagospia viene sospettato di fuga di notizie e motiva presso il gip il rapido ok agli arresti.

Ora, a proposito di foglia, dove nascondereste una foglia se non in una foresta? E una mazzetta? Dove la servireste se non in luogo foresto, lontano da occhi indiscreti, invece che proprio qui, sotto la sede milanese di Tempi, nel centralissimo corso Sempione, dove il costruttore Maltauro e il suo amichetto Cattozzo sono stati filmati a scambiar chiacchiere e bustarelle in una bella giornata di sole, il 17 aprile, quando era un mese che circolava la notizia dell’inchiesta “esplosiva” e “delicatissima”?

Arrestati l’8 maggio Maltauro e il resto della presunta cupola, capita che il 16 maggio un consigliere regionale grillino entri nel carcere di Opera e riceva da Maltauro una confessione che viene riversata su Repubblica: «È tutto vero, l’ho detto ai magistrati e ho molte altre cose da dire, questo sistema è marcio con vent’anni di Berlusconi, ti costringe a tirare fuori i soldi per lavorare, serve un ricambio…». E via di dichiarazioni su un’inchiesta che il visitatore di un detenuto per quella inchiesta non potrebbe raccogliere né, tantomeno, un giornale pubblicare. Perché? Perché la legge lo vieta.

elezioni-europee-grillo-tempi-copertinaDunque, perché tutto questo casino succede giusto in vista delle elezioni e vien utile giusto per un «andiamo avanti a colpi di magistratura!» urlato da Grillo?

È difficile non cogliere nella tempistica di questo tornado giudiziario che poteva benissimo scavallare il 25 maggio (se non ci fosse stato da oscurare anche il caso, questo sì, serio, dell’esposto Robledo) una ennesima spallata alla politica. E la palla alzata all’ospite di Bruno Vespa, campione del «succeda quel che succeda, non mi interessa». Il quale non spiega e non offre altre risposte alle fatiche italiane che non siano il «tutti a casa», «ci prenderemo il Parlamento», «li processeremo tutti, imprenditori, politici, giornalisti» e «in rete». Insomma la Grande Gogna. Perciò è lui il beneficato, Beppe Grillo. Un vero finto tonto e scodinzolante davanti ai pm, che è solo l’ultimo di una lunga serie di forcaioli imbenzinati dall’ossessione del “repulisti”.

E qual è stato il lascito di costoro in questi vent’anni? Macerie e nulla. Corruzione? La prima corruzione è usare la corruzione per scolpirsi il proprio monumento equestre. Poiché per il resto, state sicuri, se vince lui non farà che ingarbugliare la crisi italiana. O non li avete visti all’opera questi di M5S in Parlamento? O non avete letto i loro propositi di rifondare il mondo con i “clic” e sfamare la gente con la “decrescita felice”? Chi predica vento raccoglie tempesta. Perciò non conviene darsi al vento, anche se il vento fischia forte e, ahinoi, rischia di abbattere anche Matteo Renzi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

39 Commenti

  1. giovanni says:

    Troppo ragionamento e poca osservazione fanno perdere di vista la realtà. ciò che è successo sotto le finestre di tempi ne è la dimostrazione. I redattori di “Tempi” impegnatissimi a ragionare su cosa pubblicare, non si sono accorti dello scambio di mazzette che avveniva sotto i loro occhi. Peccato, uno scoop lasciato alla concorrenza!

    • Controcorrente says:

      Sig Giovanni il suo post delle 6.06 potrebbe chiudere la discussione….
      ma questo basta per non ricominciare, era successa la stessa cosa con tangentopoli e 20 anni dopo siamo punto e a capo, anzi peggio.

  2. francesco taddei says:

    negare sempre eh?

  3. Andrea (uno dei tanti) says:

    Gentile Amicone,

    continua a ignorare l’altra faccia della medaglia.

    Nell’articolo nemmeno una sillaba spesa sul problema della corruzione.

    E’ SOLO colpa dei magistrati?

    60 miliardi mangiati dalla corruzione, ma si dice sia esagerata la cifra.
    Dividiamola generosamente per 10: è abbastanza per cancellare IMU e ne avanzano 2.

    Un paese stremato non può permettersi di pagare un pizzo alla malavita politica (rubare è peccato ed un reato) di 6 miliardi.

    Quando M5S arriverà al 40% e l’astensionismo al 50% forse, dico forse, anche dalle parti del centrodestra e di certi cattolici si capirà che la questione “morale” non è un tema da moralisti che scimmiottano Berlinguer ma una reale emergenza.

    Ma allora sarà veramente troppo tardi, anzi: lunedì prossimo sarà troppo tardi !!!!

  4. valeria46 says:

    Il mio parere e’ questo: Mi pare che La legge sancisca che le fughe di notizie sono illegali. Che pubblicare intercettazioni prima che le indagini siano terminate e i processi conclusi e’ illegale, fare processi mediatici e’ illegale perche’ rischia di danneggiare cittadini che a volte non c’entrano nulla. Su queste palesi ingiustizie chi dovrebbe vigilare ed eventualmente punire dorme un sonno profondo. Perche’? Che fine si nasconde dietro questa indifferenza? Mi direte che siccome siamo tutti corrotti il fine giustifica i mezzi ma come puo’ un cittadino comune fidarsi di una giustizia che alla fine si mette moralmente sullo stesso piano di chi e’ ritenuto corrotto? Venti anni fa la sinistra e’ stata usata per sovvertire il sistema. Molti occhi si sono chiusi su di loro e se la sono cavata.Ora pare che non servano piu’ e sono diventati anche loro comuni mortali perche’ c’e’ il M5S che e’ piu’ confacente allo scopo. Forse dovranno passare altri venti anni (io allo non ci saro’ piu’) per scoprire che se non cambia il cuore dell’uomo, anche quello dei magistrati, dei giornalisti, dei politici o di chiunque ritenga di essere cinquecento metri sopra il cielo, non cambiera’ mai nulla ma sara sempre peggio. Allora, se amiamo veramente la giustizia, la liberta’, se amiamo veramente l’uomo, perche’ aspettare a fare questa vera rivoluzione?

    • Lilly says:

      Ma per favore cuore dell’uomo ..
      Non serve nessuna rivoluzione, basta finirla di truccare gli appalti.
      Gira, gira la frittata, ma l’evidenza e’ e rimane sotto gli occhi di chiunque non sia invischiato in questo schifo.

      • Andrea (uno dei tanti) says:

        E’ pero anche innegabile che del segreto istruttorio la magistratura ne ha fatto strame: e anche quello è violare la legge e i diritti dei cittadini, anche quando questi ci siano “antipatici”.

        Ne fanno strame e non ne pagano mai le conseguenze.

        Nemmeno questo va bene.

  5. Cisco says:

    Certamente anche il cosiddetto “circo mediatico-giudiziario” e’ corrotto, e il cinismo dei nuovi “puri” e’ illudere la gente che si possano cambiare le cose eleggendo degli “onesti”, come se tutti i pappatori di tangenti siano corrotti in maniera deterministico-lombrosiana fin dalla nascita senza mai essere stati onesti. Ha ragione Crozza: uno inizia a rubare dopo che viene eletto, mica prima!

    • Ale says:

      Bene ma se ha già rubato va rimosso e non rieletto e ricollocato in posizione da far rubare nuovamente.. Almeno su questo concordi cattolicissimo Cisco?!

  6. david says:

    Chiede Amicone: “non li avete visti all’opera questi di M5S in Parlamento?
    Li hanno visti tutti! Come hanno votato su Imu-Bankitalia (regalone allle banche)? Come hanno votato sul 416 ter (regalone a mafia e politica intrecciate)? Come hanno votato su legge-lavoro (regalone a imprenditori e precariato a vita per i giovani)? Hanno votato, talvolta da soli, NO.
    CARO Amicone ora spiega perchè avrebbero dovuto votare sì sulle 3 questione che ho citato. O sei solo buono a dire che i giudici dovevano lasciare in pace i ladri fino a dopo le elezioni?

  7. Ale says:

    Senza corrotti Tangentari non c’era il circo mediatico sull’argomento e neppure le indagini della magistratura. Dovete prendere anche voi le distanze da certa gente, perdete di credibilità. Inoltre in Svizzera ne straparlano e non vogliono partecipare all’Expo. Grazie ai corrotti. Oltre al fatto che, come ha fatto notare giustamente qualcuno anche negli interventi, i corrotti ci costano tanto.

  8. Cisco says:

    Mi pongo e pongo la domanda seguente: come si dovrebbe comportare un magistrato cattolico di fronte all’inchiesta sull’Expo?

  9. david says:

    Ripropongo il mio post precedente (xchè vorrei che Amicone finalmente rispondesse e faccia informazione a proposito della domanda che ho fatto e che rifaccio):

    Chiede Amicone: “non li avete visti all’opera questi di M5S in Parlamento?
    Li hanno visti tutti! Come hanno votato su Imu-Bankitalia (regalone allle banche)? Come hanno votato sul 416 ter (regalone a mafia e politica intrecciate)? Come hanno votato su legge-lavoro (regalone a imprenditori e precariato a vita per i giovani)? Hanno votato, talvolta da soli, NO.
    CARO Amicone ora spiega perchè avrebbero dovuto votare sì sulle 3 questioni che ho citato. O sei solo buono a dire che i giudici dovevano lasciare in pace i ladri fino a dopo le elezioni?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

Gestito da appassionati motociclisti, lo Spidi Store milanese di via Telemaco Signorini 12, mette a disposizione le ultime novità del marchio oltre a un servizio di tute su misura e di installazione di interfoni su caschi. Per festeggiare il suo primo anno di vita il negozio ha organizzato, in occasione di EICMA 2017, una serata all’insegna […]

L'articolo Spidi Store Milano spegne la prima candelina proviene da RED Live.

Tesla la tocca piano… presentando a sorpresa, in occasione dell’unveiling dell’atteso camion a batteria, l’erede dell’ormai storica Tesla Roadster. Una vettura che la Casa americana, con grande morigeratezza, non esita a definire “l’auto più veloce del Pianeta”. Una supercar elettrica che, ancora una volta, spiazza la concorrenza promettendo di ridefinire il concetto di performance a zero […]

L'articolo Tesla Roadster: zitti tutti proviene da RED Live.

Dopo la nuova generazione di Trafic SpaceClass, presentata lo scorso ottobre, Renault torna sull’argomento “business” con il lancio della nuova gamma Executive, studiata per rendere sempre più confortevole e ricca di tecnologia la vita a bordo di chi si sposta per lavoro. La Casa della Losanga dota quindi di contenuti premium tre vetture della sua scuderia, […]

L'articolo Gamma Executive, l’allestimento premium di Renault proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download