Google+

Electrolux, numeri per capire. «Il costo orario italiano è di 24 euro contro i 6 della Polonia» (e in futuro sarà peggio)

gennaio 30, 2014 Redazione

L’azienda ha inviato al ministro Zanonato una lettera in cui spiega i motivi che la spingerebbero a delocalizzare. I problemi sono la concorrenza e il costo del lavoro

Nella complicata vicenda Electrolux, l’azienda svedese al centro di una controversia per un presunto taglio del 50 per cento degli stipendi dei lavoratori, è bene tenere presente qualche numero rivelato oggi dal Corriere della Sera. Le trattative sono in atto e coinvolgono il ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato che, rivela il Corriere, ha ricevuto nei giorni scorsi una lettera di cinque pagine in cui l’azienda fra presente alcuni dei motivi che la spingono a delocalizzare in Polonia.

CONCORRENZA. Esiste, innanzitutto, spiega la missiva, un problema legato alla concorrenza. Quel che, una volta, era un settore guidato da europei e americani, oggi è diventato terra di conquista per azienda asiatiche e turche. Questi nuovi player, sfruttando la grande domanda di elettrodomestici nei paesi emergenti, hanno più fondi e liquidità, possono reinvestire, essere più aggressivi, proporre prezzi più vantaggiosi a parità di prestazioni. «Tutto ciò, caro ministro – si legge nella missiva -, produce una brutale compressione dei margini». Di qui le rimostranze di Electrolux che fa notare come il concorrente Bosch, «in particolare nel settore più critico delle lavabiancherie», produce per il 59 per cento in paesi a basso costo del lavoro. Questo significa che i tre grandi gruppi presenti in Italia – Electrolux, Indesit e Whirlpool – sono nella tenaglia di chi fa loro concorrenza dal basso e di chi, dall’alto, avendo delocalizzato, può abbassare i prezzi.

COSTO DEL LAVORO. Ma il numero più interessante su cui riflettere è il costo del lavoro: «Il costo orario italiano è di 24 euro contro i circa 6 della Polonia». La notizia è che il divario è destinato ad aumentare: «In un quinquennio agli 8,36 euro di costo orario in Polonia si contrapporrà un pesantissimo 27,82 in Italia. Sappiamo, aggiungono gli svedesi, che il gap è determinato dal cuneo fiscale che incide in maniera determinante nella composizione del costo aziendale e nella formazione del salario netto che va in busta paga. E sappiamo anche che “tale parte del costo del lavoro non è disponibile alla negoziazione diretta tra azienda e organizzazioni sindacali”». La questione, al di là dei rispettivi giochi di strategia di azienda e sindacati, è qui. Ed è su questo che un governo dovrebbe fare uno sforzo per intervenire.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana