Google+

Egitto, successo del “sì” al referendum sulla Costituzione. Ma i militari non stravincono

gennaio 16, 2014 Redazione

L’affluenza si è attestata al 38,5% contro il 33% del referendum del 2012 sulla Costituzione dei Fratelli Musulmani. Il generale Al Sisi esce trionfante dalle urne ma sperava in un successo maggiore

Manca ancora l’annuncio ufficiale dell’Alto comitato elettorale, ma secondo il giornale di Stato Al Ahram il referendum popolare sulla nuova Costituzione è stato un plebiscito a favore della nuova Carta. Venti milioni e mezzo di egiziani hanno votato sì, cioè circa 98 per cento dei partecipanti alle votazioni. Solo il 2 per cento si è espresso contro.

NODO AFFLUENZA. Dal punto di vista del risultato, il governo ad interim instaurato dal generale Al Sisi e dai militari può sicuramente ritenersi soddisfatto, anche perché la nuova Costituzione è considerata di gran lunga migliore della precedente, approvata senza dibattito dai Fratelli Musulmani nel 2012.
Ma come affermato in un’intervista a tempi.it da Kristen Chick, corrispondente dal Cairo per il Christian Science Monitor, «l’affluenza è fondamentale in questo referendum. I Fratelli Musulmani nel 2012 erano riusciti a portare alle urne solo il 33% degli elettori. Questo governo vuole fare meglio e dimostrare così che il popolo approva quello che sta facendo e vuole al potere un generale».

egitto-referendum-elezioniAL SISI. Il generale in questione è il ministro della Difesa Al Sisi, sicuro candidato e probabile vincitore delle prossime elezioni presidenziali, che aveva chiesto alla popolazione di dimostrargli che lo volevano al potere. Ecco perché gli serviva un’affluenza alta, perlomeno più alta di quella del 2012. Così è stato, almeno in parte. Secondo i dati diffusi da Al Ahram (tabella a fianco, ndr), il 38,5 per cento degli aventi diritto al voto si è recato alle urne. Circa il 4 per cento in più del 2012.
Il risultato è sicuramente positivo, ma non tanto come i militari si aspettavano. A non essersi recati al voto non sono stati solo i Fratelli Musulmani, che hanno chiesto il boicottaggio del referendum, ma anche molti giovani liberali, anima della rivoluzione del 25 gennaio 2011, che non volevano consegnare il paese un’altra volta ai militari. È anche possibile che la scontata vittoria del sì abbia spinto molti egiziani a non recarsi alle urne.

VITTORIA A METÀ. Le Forze armate, Al Sisi in testa, quindi, vincono questa sfida elettorale superando i consensi ottenuti dai Fratelli Musulmani, che lo scorso 25 dicembre sono stati dichiarati organizzazione terroristica con il beneplacito della popolazione stufa dei loro soprusi. Però non stravincono. E anche se questo non impedirà ad Al Sisi di diventare il prossimo presidente dell’Egitto, di sicuro non permette di parlare di appoggio incondizionato degli egiziani ai militari.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana