Google+

Egitto, scontri e morti in vista del mega raduno anti-Morsi. Islamisti annunciano «massacri»

giugno 29, 2013 Redazione

Violenze “preparatorie” alla manifestazione di domani contro il governo dei Fratelli Musulmani, che minacciano: «Scorrerà sangue». Le vittime sono già sette, tra cui un americano

Sono già 7 i morti e 616 i feriti registrati dal ministero della Sanità egiziano negli scontri fra sostenitori e oppositori del governo dei Fratelli Musulmani guidato da Mohamed Morsi. In vista della manifestazione oceanica annunciata al Cairo per domani, 30 giugno, in occasione del primo anniversario dell’insediamento di Morsi, si moltiplicano in tutto il paese le dimostrazioni e le violenze “preparatorie”.

UCCISO UN AMERICANO. Ieri ad Alessandria, la seconda città d’Egitto, migliaia di persone si sono radunate davanti alla sede del partito dei Fratelli Musulmani per appiccare un incendio al grido di «Fuori Morsi!». Quando sono intervenuti i sostenitori del presidente la violenza è degenerata in una vera e propria battaglia. Tre persone sono rimaste uccise. Tra le vittime un ragazzino di 14 anni e un insegnante americano. Il Dipartimento di Stato Usa ha autorizzato lo staff non essenziale a lasciare il paese. Nella parte settentrionale del Cairo, invece, negli scontri è stato assassinato un esponente dei Fratelli Musulmani.

22 MILIONI DI FIRME. La mega manifestazione di domani sancisce il divorzio definitivo tra il governo dei Fratelli Musulmani e il popolo dell’Egitto, esasperato dalla deriva islamista dello Stato, dall’aumento della criminalità e da un’economia bloccata. Il discorso pronunciato dal presidente Morsi alla tv di Stato mercoledì sera ha colpito i suoi detrattori solo per la mancata presa di coscienza del disagio diffuso nel paese. Alla vigilia della protesta di domani al Cairo, gli organizzatori (il gruppo di opposizione Tamarod, i “ribelli”) hanno annunciato di aver raccolto già 22 milioni di firme per chiedere le dimissioni del presidente e nuove elezioni. L’anno scorso alle elezioni Morsi aveva raccolto 13,23 milioni di voti (51,7 per cento). I Fratelli Musulmani e gli islamisti, egiziani e non solo, hanno già minacciato la piazza paventando «massacri» e «sangue che scorrerà per le strade» se l’opposizione cercherà di far cadere il governo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi