Google+

Egitto, i fratelli cristiani accusati di dissacrazione del Corano sono già liberi. «Caso chiuso»

ottobre 11, 2012 Leone Grotti

Secondo l’avvocato di Mina Nadi e Nabil Nadi «sono stati rilasciati in seguito a un accordo trovato tra la comunità musulmana, quella copta e la polizia».

Il caso dei due fratelli egiziani di nove e dieci anni accusati di blasfemia per avere dissacrato il Corano, in precedenza imprigionati e poi rilasciati su cauzione, è stato chiuso ieri. Mina Nadi e Nabil Nadi, cristiani copti del villaggio Ezbet Marko, «sono stati rilasciati in forma definitiva in seguito a un accordo trovato tra la comunità musulmana, quella copta e la polizia», ha dichiarato il loro avvocato.

LE ACCUSE DELL’IMAM. Il fatto sarebbe avvenuto vicino alla moschea del villaggio Ezbet Marko settimana scorsa. L’imam che li ha scoperti ha portato i bambini dal sacerdote copto locale, affermando che qualcuno li aveva incitati a compiere quel gesto e chiedendo di punirli. Al suo rifiuto, li ha portati alla stazione di polizia e denunciati per blasfemia. Secondo AsiaNews, i bambini non stavano urinando sui fogli ma giocando con essi vicino a un bidone. Il padre dei bambini ha affermato che i due non sanno neanche leggere.

USO STRUMENTALE DELLA BLASFEMIA. L’avvocato non ha spiegato quale tipo di accordo è stato raggiunto tra le parti. Negli ultimi le accuse di blasfemia contro cristiani copti in Egitto si sono moltiplicate. Spesso le accuse dopo pochi giorni di indagini si rivelano strumentali e destituite di fondamento. È successo così alla maestra cristiana Nevine Gad, rilasciata dopo alcuni giorni di carcere, in origine accusata da un suo studente di avere insultato Maometto. È stato dimostrato che lo studente non era neanche a lezione.

PROCESSI ANCORA IN CORSO. Restano ancora in piedi altri due processi. Il primo a carico di Albert Saber, arrestato il 13 settembre scorso perché avrebbe pubblicato sulla sua pagina Facebook il video del film “L’innocenza dei musulmani” e promosso l’ateismo. Il secondo a carico di Bishoy Kamel, insegnante cristiano copto, condannato a sei anni di prigione per avere pubblicato su Facebook vignette irriverenti di Maometto. È in corso il processo di appello.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.