Google+

Egitto. Fratelli Musulmani esultano per la bomba al consolato italiano: «È venuta da Dio»

luglio 13, 2015 Leone Grotti

Ancora non sono accertati gli autori dell’attentato di sabato al Cairo, che ha causato la morte di un egiziano. Ma nella roccaforte degli islamisti si festeggia

L’attentato contro il consolato italiano in Egitto di sabato? «La bomba è venuta da Dio». Così si è festeggiato alla notizia dell’attacco, che ha causato la morte di un egiziano, a Naam Square, piazza del Cairo dove ogni venerdì i Fratelli Musulmani danno battaglia contro la polizia.

ROCCAFORTE DELLA FRATELLANZA. In questa roccaforte dei Fratelli Musulmani, che il presidente Abdel Fattah al-Sisi sta cercando di schiacciare, l’attentato è un’azione del tutto giustificabile. L’Italia infatti è alleata dell’Egitto e di Al-Sisi, quindi merita di essere colpita: «L’Egitto va a rotoli, il governo è contro il popolo, la gente è disperata, cosa volete che facciano? Voi italiani dovreste saperlo [perché accade questo con Al-Sisi], è amico vostro, no?», dichiarano i passanti all’inviato della Stampa.

«SOFFRIAMO DA 2015 ANNI». Il quartiere è completamente controllato dalla Fratellanza, autori di decine di attentati sanguinari negli ultimi due anni in tutto il paese, tanto da alienarsi il favore della popolazione egiziana. Qui le moschee non sono registrate e l’accesso è permesso solo ai membri dei Fratelli Musulmani. Da alcune di queste moschee, nel marzo del 2014, gli islamisti sono partito per assaltare la chiesa copta di St. Virgin Mary. Allora bruciarono e distrussero macchine fuori dall’edificio e paramenti sacri all’interno, linciando a morte una cristiana. Il sacerdote della chiesa, padre Paul, sembra abituato a tutto: «Noi cristiani soffriamo da 2015 anni, il primo fu Gesù Cristo, ciò che passiamo ci avvicina a lui».

ISIS O FRATELLANZA. Non si sa se l’attentato di sabato sia stato commesso dallo Stato islamico, che ha fatto una rivendicazione generica, o dai Fratelli Musulmani, come sostiene il governo egiziano. Di sicuro in Egitto il clima sta tornando pesante a causa della crescente insicurezza: «Dentro la testa di alcuni musulmani, come quelli dell’Isis, avviene qualcosa di terribile, si convincono che sia Dio a ordinargli di uccidere, è diabolico, innaturale, terribile. La preghiera è più forte della morte, non tutti i musulmani sono come questi pazzi, l’Egitto non è la Siria o l’Iraq perché qui c’è una radice comune, millenaria».

PRIORITÀ SICUREZZA. Se l’Egitto non riuscirà a frenare il terrorismo, questa radice rischia di essere sradicata. Prima dell’attentato al consolato italiano, era stato assassinato il procuratore generale Hisham Barakat, responsabile di molte condanne a morte di Fratelli Musulmani, mentre nel Sinai gruppi di jihadisti avevano massacrato oltre cento persone. Insieme a far ripartire l’economia, mantenere la sicurezza è la sfida più grande per Al-Sisi. Per il popolo egiziano è la priorità, ma l’obiettivo sembra sempre più difficile da raggiungere.

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI says:

    Avanti così e poi vedi te che cosa viene da Dio….

  2. Sebastiano says:

    Questi sono gli stessi delle “primavere” e delle riscosse contro i “dittatori amici dell’amerika”.
    Se ce n’erano anche altri con opinioni diverse, si sono squagliati come neve al sole.

  3. yoyo says:

    Mangio mortadella alla salute dei Fratelli musulmani.

    • yeye says:

      E degli ebrei, babbeo.

      • Raider says:

        La dedica è agli islamici, gli ebrei, almeno, apprezzano il vino. Ma il super-babbeo multinick torni a firmarsi in siciliano: e in segno di rispetto alla barba di Maometto, si scoli paro paro fin dal nickname un rosso dell’Etna o di Modica.

  4. Filippo81 says:

    Gli islamisti sono folli, altrettanto lo sono coloro che hanno spalancato le porte dell’Europa !

  5. Antonio says:

    presto sui nostri schermi… temo. Grazie alla gestione scellerata, buonista e permissivista dell’immigrazione che ci sorbiamo. Immigrazione quasi tutta di qualità a dir poco infima.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi