Google+

Egitto, Fratelli Musulmani occupano una chiesa e la trasformano nella «moschea dei martiri»

settembre 14, 2013 Leone Grotti

È successo a Minya, il governatorato dove i cristiani sono stati più colpiti dalle violenze islamiste. Pastore locale: «Esercito e polizia non fanno nulla»

Oggi è una moschea, ma fino a un mese fa era una chiesa. I Fratelli Musulmani hanno trasformato in luogo di culto islamico una chiesa protestante evangelica di Minya. Gli islamisti hanno rimosso gli arredi sacri e le icone, dopo aver scritto sulla parete principale: «Moschea dei martiri, non esiste altro Dio se non Allah».

POLIZIA INDIFFERENTE. La notizia è stata riportata dall’agenzia di stampa cristiana Mcn-direct, che ha intervistato Menassa Nesseim, pastore della locale comunità protestante: «Dal 14 agosto (quando sono iniziate le violenze contro i cristiani in Egitto, ndr) nessuno è riuscito ad entrare nell’edificio. Né la polizia né le Forze armate hanno ispezionato la chiesa, per espellere gli occupanti abusivi e restituire l’edificio alla comunità protestante».

CHIESE BRUCIATE. Dal 14 agosto a oggi, quando gli islamisti si sono vendicati sui cristiani per l’uccisione di molti membri della Fratellanza da parte dell’esercito, i Fratelli Musulmani hanno bruciato e saccheggiato 60 chiese, distruggendo decine di proprietà dei cristiani. A Dalga, nel sud di Minya, ai cristiani è stato imposto il pagamento della gizya, il tributo umiliante che dovevano pagare ai musulmani 1.400 anni fa.

PERSECUZIONE COSTANTE. Come racconta ad AsiaNews un cristiano copto che ha chiesto asilo politico in Italia dopo le violenze, «con Morsi l’economia è collassata e gli islamisti hanno avuto maggiori libertà, con Mubarak forse c’era più sicurezza per noi copti perché la Fratellanza era relegata all’illegalità, ma a livello sociale non è cambiato nulla. In Egitto è proibito costruire chiese, un divieto che vigeva con Mubarak e permane tuttora. Tre anni fa, un mio cugino di Giza è stato in carcere 40 giorni perché stava collaborando alla costruzione di un edificio parrocchiale; in quell’occasione la polizia uccise due cristiani e la notizia è sui siti internet».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana