Google+

Egitto, agli islamici la maggioranza. Cattolici: «Ancora non hanno vinto»

dicembre 2, 2011 Redazione

In Egitto al primo giro di votazioni, nei primi nove governatorati su 27, gli islamici prevalgono. I Fratelli Musulmani, i meglio organizzati, e gli estremisti salafiti guadagnano molti consensi. Devono ancora votare 35 milioni di persone. P. Greiche, portavoce Chiesa cattolica: «Le formazioni radicali islamiche non hanno ancora vinto del tutto»

In Egitto ci sono 27 governatorati. Martedì e mercoledì gli egiziani hanno votato nei primi nove per eleggere i rappresentanti da mandare in Parlamento, nelle prime elezioni libere dalla caduta di Hosni Mubarak. Negli altri 18 si voterà il 14 dicembre e il 3 gennaio. Ogni governatorato è diviso in distretti, ogni distretto assegna due seggi ai candidati indipendenti e un numero variabile di seggi per le liste. I risultati approssimativi di questo primo turno, che ha fatto registrare un’affluenza altissima, in attesa di vedere come andranno i ballottaggi che si terranno il 5 dicembre, dicono che su 168 seggi messi in palio circa 120 dovrebbero essere stati assegnati a candidati islamici.

I Fratelli Musulmani, con il loro partito Libertà e Giustizia (Fjp), hanno annunciato di aver guadagnato quasi il 40 per cento dei voti. Il presidente di Fjp ha dichiarato: «L’ottima performance indica che siamo in grado di ottenere la maggioranza nel prossimo Parlamento e formare il governo». Questo risultato era abbastanza scontato, In città come Il Cairo e Alessandria hanno predominato grazie alla campagna porta a porta che i Fratelli Musulmani hanno fatto, godendo di una struttura e di una rete ineguagliabili per organizzazione, efficienza e ramificazione.

Se un risultato positivo per i Fratelli Musulmani era dato per assodato da tutti gli analisti, a sorprendere sono i voti conquistati da Al-Nour, il partito degli estremisti islamici salafiti, che hanno conquistato almeno il 20% dei voti. Dopo i gruppi islamici, ad avere conquistato il maggior numero dei seggi è il Blocco liberale egiziano, che comprende il partito di sinistra Tagammu, il Partito democratico-socialista e quello formato dal miliardario copto Naguib Sawiris.

Ad ogni modo, fino ad ora si sono espressi solo 17 milioni di egiziani su 52. Secondo quanto detto ad AsiaNews dal portavoce della Chiesa cattolica egiziana, p. Rafich Greiche, «le formazioni radicali islamiche non hanno ancora vinto del tutto. Questa è solo la prima fase delle elezioni. Occorre attendere i risultati delle altre due fasi, che avverranno a dicembre e a gennaio. Non è vero che da domani tutto l’Egitto diventerà musulmano radicale».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana