Google+

Ebola, identificato il paziente zero. Un bambino di due anni morto a dicembre

agosto 11, 2014 Elisabetta Longo

L’epidemia è partita da un bambino di due anni morto in Nuova Guinea. Prima si sono ammalati i familiari, poi quelli che erano stati al suo funerale. Nel frattempo sempre più serrati i controlli negli aeroporti

È stato identificato il cosiddetto “paziente zero” dell’epidemia di ebola in Africa, il malato che ha inavvertitamente contagiato molte altre persone. L’identificazione del “paziente zero” non aiuta a combattere l’epidemia, ma aiuta a far capire come si sia sviluppata. La prima vittima di ebola è stato un bambino di due anni, morto il 6 dicembre 2013 a Gueckedou, in Nuova Guinea, una città al confine con la Sierra Leone e la Liberia, dove c’è la situazione peggiore.

DIFFUSIONE. Prima si sarebbero ammalati i familiari stretti del bambino, che lo assistevano. Dopo la sua morte, tutti coloro che erano stati al funerale del piccolo. Da quel momento in poi, la situazione è andata fuori controllo. Non era ancora chiaro alla popolazione che si potesse trattare di ebola e che la situazione fosse molto grave, per questo non sono state adottate le giuste precauzioni. E il virus si è diffuso molto velocemente.

CONTROLLI SERRATI. Il numero dei morti cresce di giorno in giorno in Africa Occidentale, già la Sierra Leone e la Liberia hanno dichiarato lo stato di emergenza. Contemporaneamente cresce l’attenzione negli altri paesi del mondo, sopratutto negli aeroporti, dove i controlli sono serrati. A Honk Kong un nigeriano è stato prontamente messo in quarantena, dopo che è stato accertato dai medici aeroportuali uno stato di febbre. Poi però è stato rilasciato, come spiega un portavoce del governo locale: «Gli esami preliminari di laboratorio sul 32enne nigeriano che al suo arrivo a Hong Kong, presentava sintomi simili a quelli della malattia, si sono rivelati negativi».

FALSI ALLARMI. Qualcuno si è anche divertito a postare su Facebook la notizia del tutto falsa che ci fossero ben tre casi di ebola a Lampedusa, dove trovano rifugio molti profughi del Nord Africa. La Polizia Postale l’ha prontamente identificato e denunciato, è un uomo con precedenti di xenofobia. L’isola di Lampedusa però chiede i danni, perché la notizia è stata condivisa da più di 27 mila persone, e tantissimi turisti hanno annullato le vacanze già prenotate sull’isola.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download