Google+

E.T., maledetto il giorno che t’ho interpretato

giugno 4, 2012 Elisabetta Longo

Chissà se Steven Spielberg si sente in colpa ogni tanto per aver ottenuto un clamoroso successo rovinando le vite di qualcun altro. Non pensate male, il regista non ha tramato alle spalle di nessuno, semplicemente grazie al suo film più famoso, E.T l’extra-terrestre, le vite dei due piccoli protagoniste sono state messe a dura prova.  […]

Chissà se Steven Spielberg si sente in colpa ogni tanto per aver ottenuto un clamoroso successo rovinando le vite di qualcun altro. Non pensate male, il regista non ha tramato alle spalle di nessuno, semplicemente grazie al suo film più famoso, E.T l’extra-terrestre, le vite dei due piccoli protagoniste sono state messe a dura prova.  In un’intervista rilasciata al quotidiano inglese Mirror, Henry Thomas, il piccolo protagonista Eliott, non ha problemi a raccontare che quel film gli ha regalato momenti belli e brutti. «Sono diventato famoso e all’improvviso non ero più libero di andare a giocare da nessuna parte, tutti mi bloccavano per chiedermi un autografo. Da bambino timido che ero mi sentivo quasi trattato come un’attrazione da circo». Come ha fatto a passare il provino? Semplice: «Ho pensato al mio cucciolo di chihuahua morto per colpa dei cani dei vicini, e ho pianto lacrime di dolore vere, come quelle che piange Eliott quando vede che E.T.si sta ammalando. E quando ho saputo che avrei recitato in un film di alieni, ci sono rimasto male. Una bicicletta volante non era la stessa cosa». Quando a 17 anni tentò come tutti la strada dei provini newyorkesi, le porte gli si chiusero in faccia: «Non sono mai stato lo stereotipo della piccola star, e l’idea che i paparazzi mi seguissero ovunque non mi piaceva. I soldi? All’epoca ero solo un bambino e il cachet non fu certo lo stesso di un adulto». Oggi Thomas ha rinunciato al cinema ed è un tranquillo quarantenne che con quattro amici ha messo su una band, i Farspeaker, attualmente senza contratto discografico.

Alla sua collega Drew Barrymore, che nel film interpretava la sorella minore, è andata decisamente peggio. Diventare diva a sette anni non è stata una grande idea: a soli dieci anni aveva già provato tutte le droghe in commercio, entrando in una spirale di disagi psichici da cui riuscì a uscire nel 1995, quando riprese la carriera di attrice. Da lì in poi, il grande pubblico l’ha sempre supportata. Uno dei film che le ha regalato un successo simile a quello avuto con E.T. Drew l’ha conquistato con il ruolo da protagonista nel remake cinematografico della serie tv cult Charlie’s Angels. Sul set ha anche conosciuto la sua migliore amica, Cameron Diaz, oggi sua testimone di nozze. L’attrice ha detto sì per la terza volta e, dopo un barista e un comico, stavolta è toccato al gallerista d’arte Will Kopelman, che le ha fatto dimenticare la lunga relazione con Fabrizio Moretti, batterista degli Strokes. I due, che aspettano il loro primo figlio, si sono sposati ieri sera, in gran segreto. Nessun paparazzo ammesso, perché Drew sarà anche una star, ma per lei la privacy è sacra, almeno il giorno del suo terzo matrimonio.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. The next time I read a weblog, I hope that it doesnt disappoint me as a lot as this one. I imply, I know it was my option to read, but I really thought youd have one thing fascinating to say. All I hear is a bunch of whining about something that you would fix for those who werent too busy looking for attention.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana