Google+

E ora, come si officia l’esorcismo islamo-fascista?

settembre 30, 2017 Pietrangelo Buttafuoco

Dopo le elezioni in Germania vincono i cosiddetti populisti per i quali è fondamentale portare rispetto verso i tedeschi combattenti di entrambe le guerre mondiali

frauke-petry-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – L’immediato dopoguerra – con le macerie di Berlino fumiganti, coi cancelli dei campi di concentramento appena spalancati dall’Armata Rossa – non conosce il carico d’odio per cui i vinti debbano, con la sconfitta, patire un anatema metafisico, anzi, assoluto. La Germania somma alla disfatta della Prima guerra mondiale, la Seconda, e perfino in Italia – luogo di taverna ancor più che di Walhalla – come ricorda sempre Giampaolo Pansa è normale trovare nello stesso giornale, precisamente a Il Giorno di Italo Pietra, partigiani e combattenti della Repubblica Sociale. Col direttore che ogni giorno apre la riunione chiedendo beffardo agli sconfitti: «Allora, ditemi, chi di voi venne a incendiarmi la casa?». La religione obbligatoria detta antifascismo non ha ancora celebrato l’esorcismo neppure con l’inaudito processo di Norimberga. È la prima volta nella storia, infatti, che il nemico sia trasformato in un “imputato”. Winston Churchill che vede lungo, guata la sbarra dove siedono i generali di Adolf Hitler e commenta con cinica soddisfazione: «Cerchiamo di non perdere la prossima guerra, altrimenti toccherà a noi di finire processati». Quell’istruttoria, pur tronfia di vendetta, svapora in un istante di testacoda narrativo. Coco Chanel in macchina attende che l’amore suo dei giorni tedeschi di Parigi – il comandante della Wehrmacht, capo delle truppe di occupazione – esca dalla prigione e se lo porta a casa. Impossibile immaginare oggi una love story così. Nel frattempo s’è consolidata, infatti, una inamovibile crosta metafisica, forte più di qualunque inquisizione e quell’antifascismo come categoria assoluta è tutto un costrutto fabbricato a posteriori, elaborato in Usa tra le alchimie della stagione bushista quando, per giustificare la guerra al terrorismo, si evoca lo spettro per andare in soccorso all’altro mostro.

Ecco l’islamo-fascismo, dunque. Un totem contro cui scatenare l’armata della Verità e del Bene. Ma quando in Germania vincono i cosiddetti populisti – xenofobi e odiatori dell’islam – per i quali è fondamentale portare rispetto verso i tedeschi combattenti di entrambe le guerre mondiali, come va a regolarsi la religione obbligatoria officiando l’esorcismo, con lo scorporo tra islam e fascismo, o con la forca disgiunta, giusto per restare in zona Norimberga?

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.