Google+

È morto monsignor Lorenzo Albacete. «Spero che la mia ultima parola quando morirò sia “Perché?”»

ottobre 24, 2014 Redazione

Si è spento il sacerdote statunitense che per molti anni ha collaborato con il settimanale “Tempi”. «Chiedersi perché significa essere umani: è il nucleo della condizione umana»

albaceteÈ morto monsignor Lorenzo Albacete, per anni collaboratore del settimanale Tempi. Qui di seguito pubblichiamo una nostra recensione a uno dei suoi tanti libri “Attrazione per l’infinito”.

I lettori di Tempi conoscono molto bene Lorenzo Albacete; potranno quindi apprezzare il ritratto che egli fa di sé nel suo ultimo, bellissimo libro Attrazione per l’infinito. «Un teologo credente, un monsignore della Chiesa cattolica, un ammiratore di papa Giovanni Paolo II, un ispanico che porta in tasca (per il divertimento di coloro che stanno in fila dietro di lui alla dogana aeroportuale) una reliquia, un rosario e un sassolino prelevato dalla tomba di sua madre (per quanto attiene alla politica, sono più o meno un provocatore; fondatore, presidente e praticamente unico membro del Partito Mistico. Come economista, un buffone)». Ma con una caratteristica in comune con tanti suoi colleghi scienziati (il monsignore è laureato in fisica): una grande passione per la razionalità. «Finché saremo fedeli a questa passione, potremo gustarci insieme molti cappuccini». Con questo stile ironico e cordiale («ringraziamo il cielo di averci dato Tommaso d’Aquino, che era latino e grasso») Albacete esamina alcuni degli aspetti principali dell’esperienza umana – la ragione, la scienza, la sessualità, il denaro, la politica, il dolore – analizzandoli secondo una prospettiva originale: come modalità diverse con le quali l’uomo cerca di rispondere alla vertiginosa profondità del proprio desiderio, all’attrazione per l’infinito. Il suo approccio non è perciò quello dell’“esperto”, del tuttologo televisivo o del giornalista in carriera, ma nasce dal criterio più adeguato per comprendere l’uomo e la realtà: il desiderio di compimento. La fecondità di tale prospettiva si può apprezzare, ad esempio, nell’acuta analisi dei fatti dell’11 settembre 2001 con cui si conclude il volume o nelle pagine dedicate al fenomeno misterioso della sofferenza. «Non smetterò mai di chiedermi perché», conclude. «Chiedersi perché significa essere umani: è il nucleo della condizione umana. A quelli che mi dicono di tacere, di accettare le cose senza chiedermi perché, rispondo: “Perché? Perché? Perché? Perché?”. Spero che la mia ultima parola quando morirò sia “Perché?”».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.