Google+

E’ il distacco il nostro male migliore

agosto 31, 2006 Berlicche

Mio caro Malacoda, non va per niente bene. Anzi, va decisamente male. Stai commettendo uno degli errori più stupidi che un istitutore possa commettere, hai accettato le regole del Nemico, stai giocando sul suo terreno. E stai perdendo. Ti sei fissato su questa faccenda del bene e del male, sprechi il tuo tempo a tentare […]

Mio caro Malacoda, non va per niente bene. Anzi, va decisamente male. Stai commettendo uno degli errori più stupidi che un istitutore possa commettere, hai accettato le regole del Nemico, stai giocando sul suo terreno. E stai perdendo. Ti sei fissato su questa faccenda del bene e del male, sprechi il tuo tempo a tentare il tuo paziente con il fascino del proibito, lo lusinghi con perversioni sempre più raffinate, lo stordisci con visioni di potere e di ricchezza. Non che tutto questo non si debba fare, ma siamo nel Ventunesimo secolo, il tuo paziente – spero tu l’abbia notato – ha aspirazioni intellettuali e politiche di rango. Qualche libro l’ha letto, si considera – così almeno gli fanno credere la sua vanità e gli omaggi di coloro che frequenta – un europeo postmoderno, un occidentale raffinato. Per lui è rozzo ridursi a una filosofia di vita che imponga, soprattutto nella vita pubblica, la banale scelta tra il bene e il male. Non che non sappia usare demagogicamente di questi argomenti quando ciò gli torni utile, ma intellettualmente la cosa gli ripugna. Lui ha letto quel filosofo che ha scritto Al di là del bene e del male e ritiene che sia una formula che bene esprime l’atteggiamento moderno di chi non vuol sembrare un moralista. Noi sappiamo che ‘al di là del bene e del male’ non vuol dire niente, che non è una frase coraggiosa, anzi che è il rifugio ultimo di chi non ha il coraggio di definire il bene e il male e di scegliere tra loro. Ma lo sappiamo noi, il nostro Nemico e pochi altri. Il linguaggio ha ormai la prevalenza sul giudizio, ci abbiamo messo secoli ad acquisire questo vantaggio, vediamo di non sprecarlo con un eccesso di zelo che porta il nostro paziente a fare esperienze troppo crude di vicinanza col male. Tutto ciò che lo porta troppo a contatto con la realtà, anche nei suoi aspetti più perversi, è pericoloso.
Il nostro compito è tenerlo in quella condizione di disincanto, di distacco che ha l’apparenza del realismo dell’uomo che si considera più intelligente degli altri, dell’uomo che non cede alle passioni, anche se sa cosa sono. In questo ti può esser d’aiuto una frase di un altro filosofo che ha avuto molta fortuna anche tra le fila del Nemico: «In medio stat virus». Non importa cosa voglia dire veramente, ormai è una di quelle parole, come ‘coscienza’, che acquistano importanza per il significato e per il suono che evocano, non per la realtà che indicano. La virtù è in realtà un eccesso, richiede discernimento e fermezza, richiede quella forma superiore di coraggio che è la prudenza, la capacità di scegliere il bene e di indirizzarvi le azioni in modo adeguato a conseguirlo. Ma questa medietà della virtù può essere facilmente contrabbandata come moderazione, la faccia conservatrice del rivoluzionario ‘al di là del bene e del male’.
Insomma, caro Malacoda, è meglio far credere al tuo paziente di aver abbandonato tutte le sue passioni, anche quelle ideologiche, piuttosto che farlo perdere nelle sue passioni. In una parola: equidistanza.
Tuo affezionatissimo zio
Berlicche

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Se siete appassionati di motori e curiosare tra le anteprime – ne sono state annunciate ben 150 – è sicura fonte di piacere, il momento è (quasi) arrivato. Cominciate a cerchiare in agenda una data compresa tra il 9 e il 12 novembre (il 7 e l’8 sono giornate dedicate a operatori e stampa) e […]

L'articolo EICMA 2017, cosa c’è da fare e vedere proviene da RED Live.

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download