Google+

A due anni dall’uccisione di padre Frans, l’ultimo sacerdote di Homs

aprile 7, 2016 Leone Grotti

Quando la città è stata presa dai ribelli islamisti, Van Der Lugt non è fuggito come tutti: «È rimasto a vivere con i siriani ed è morto per loro»

frans-van-der-lugt

Sono passati due anni da quando padre Frans van der Lugt è stato barbaramente ucciso in Siria, a Homs, il 7 aprile 2014. Il missionario gesuita olandese è stato assassinato a 76 anni (50 passati in Siria), in casa sua, da uomini armati. Nel mezzo della guerra siriana, lui non aveva mai voluto andarsene dalla Città vecchia di Homs, in mano ai ribelli islamisti e assediata dal governo, per «non lasciare soli» gli ultimi 66 cristiani rimasti.

«È UN SANTO». Come dichiarato l’anno scorso dal gesuita Ziad Hilal, padre Frans è già considerato «un santo» in Siria, tanto che «il Vaticano dovrebbe riconoscerlo. Ha vissuto come madre Teresa». Oggi il Jesuit Refugee Service gli ha dedicato un articolo, ricordando come «ci sia solo una persona in grado di cambiare istantaneamente l’umore di adulti e giovani [a Homs] non appena se ne fa il nome: Frans van der Lugt» o come veniva comunemente chiamato “Abouna Frans”. «Lui vive ancora nei loro cuori e nelle loro menti ed è per lui che molti pensano che ci sarà una nuova alba».

«CONDIVIDERE IL DOLORE». Aiutando cristiani e musulmani, accogliendo chiunque («io non vedo cristiani o musulmani, prima di tutto vedo esseri umani», diceva), è rimasto a Homs come l’ultimo sacerdote, mentre tutti scappavano, per un semplice motivo: «Il popolo siriano mi ha dato così tanto, tutto quello che aveva. E se ora la gente soffre, io voglio condividere il loro dolore e le loro difficoltà». È quello che ha fatto: «Le facce della gente per strada sono deboli e giallognole», disse un giorno a un giornalista. «I loro corpi hanno perso forza. Io provo ad aiutarli non analizzando i loro problemi, che sono ovvi e non hanno soluzione. Io li ascolto e gli do tutto il cibo che ho».

padre Frans icona«DA CRISTIANI E MUSULMANI». Non è un caso se «padre Frans oggi è riverito come un santo sia dai musulmani che dai cristiani», scrivono i gesuiti. «La sua tomba viene visitata da persone di tutti i tipi. Lo pregano, così che possa intercedere con il Creatore perché giustizia, pace, verità e sicurezza trionfino in Siria. (…) Padre Frans ha condiviso il dolore dei siriani fino alla fine: è vissuto con loro ed è morto per loro».

PIÙ DI UN DIALOGO INTERRELIGIOSO. L’autore dell’articolo, padre Cedric Prakash, ricorda anche le parole scritte su di lui dall’Economist: «Stando nel cuore della città assediata di Homs durante la conquista dei ribelli, tra cui molti islamisti, e poi durante l’assedio del governo, ha soccorso tutte le vittime del conflitto e rimproverato tutti i belligeranti. Ha rischiato consapevolmente la sua vita rimanendo in un posto dove erano attivi i ribelli islamisti ma anche dato testimonianza delle crudeli conseguenze dell’assedio, rifiutandosi di andarsene quando sarebbe stato facile farlo e nessuno l’avrebbe criticato. Dalla sua prospettiva, tutte le vittime civili erano degne di compassione e tutti i combattenti condividevano una parte di colpa». Abouna Frans, insomma, ha fatto molto di più di un semplice «dialogo interreligioso», è stato «fonte di speranza». E «molti a Homs e in altre parti della Siria sono convinti che il suo martirio non è stato vano».


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Lanciata dal marchio inglese Oxford la linea Mint, dal caratteristico profumo di menta, comprende prodotti per la pulizia e la manutenzione dei veicoli a due ruote

L'articolo Gamma Oxford Mint Cleaning proviene da RED Live.

215 cv, 10 kg in meno e il debutto delle alette aerodinamiche. Questa versione speciale della RSV4 RF allestita con pezzi di Aprilia Racing di carne al fuoco ne mette davvero tanta. E noi ce la siamo gustata dal primo all’ultimo boccone. Al Mugello, dove le ali servono davvero.

L'articolo Prova Aprilia RSV4 RF FW 2018 proviene da RED Live.

Diventate capienti come le familiari grandi di qualche anno fa, le SW medie stanno vivendo una seconda giovinezza. Così come la Peugeot 308 SW GT Line, che ora si aggiorna nella tecnologia e diventa ancora più “connessa”. Schermo generoso e Mirror Screen La succosa novità della Peugeot 308 SW GT Line è la presenza di […]

L'articolo Peugeot 308 SW GT Line, <BR> adesso “parla” con lo smartphone proviene da RED Live.

La Casa di Noale propone due motorette brillanti ed economiche: sono le Aprilia RX e SX 125, una enduro, l’altra motard, entrambe vendute a 4.020 euro.

L'articolo Prova Aprilia RX e SX 125, per i nuovi 16enni proviene da RED Live.

Leggero, scattante, comodo. Il C400X dimostra ottime doti dinamiche ha un bel motore e, per primo, un sistema di connessione molto evoluto. Riuscirà a combattere contro i mostri sacri del segmento? Lo abbiamo provato per capirlo

L'articolo Prova BMW C 400 X <br> lo scooter che non ti aspetti proviene da RED Live.