Google+

Dove le elezioni sono sempre “Generali”

maggio 26, 1999 Micalessin Gian

Cartolina da Algeri

Forse non ve ne siete accorti, ma in Algeria il 15 aprile si è votato. Non preoccupatevi, nulla è cambiato: la vittoria di Abdelaziz Bouteflika era annunciata. Era stato scelto dal clan militare legato al capo di stato maggiore generale Mohamed Lamari per succedere al presidente Zeroual. Zeroual da mesi era un presidente fantasma. La sua fazione un anno fa era uscita distrutta dallo scontro sotterraneo con quella di Lamari. Obiettivo: il controllo delle risorse economiche e delle politiche di sicurezza e il nuovo assetto delle alleanze internazionali. Zeroual e il suo uomo di fiducia, l’ex capo dei servizi segreti Mohamed Betchine, puntavano a privatizzare la Sonatrac, la compagnia di stato che controlla metano e petrolio. La privatizzazione, condotta con l’appoggio finanziario di alcune compagnie petrolifere Usa, avrebbe dovuto portare alla spartizione del settore idrocarburi tra i generali fedeli a Zeroual. L’obiettivo finale era di rompere la tradizionale dipendenza politica ed economica da Parigi e traghettare l’Algeria nel campo di Washington. La svolta geopolitica doveva essere suggellata dalla pacificazione del paese, preceduta dall’avvio di un dialogo con i leader incarcerati del Fronte Islamico di Salvezza (Fis). A buttare all’aria il progetto ci ha pensato Lamari. Nell’autunno del 1997 una serie di massacri tanto efferati quanto misteriosi ha sconvolto il paese mentre l’esercito se ne stava nelle caserme indifferente. Lamari conduce una trattativa segreta con il capo dell’Ais, il braccio armato del Fis, riuscendo ad ottenere una tregua. Il Fis ne ha tutto l’interesse: è l’unico modo per togliersi di dosso il sospetto di un coinvolgimento nelle stragi. Il “dialogo” di Zeroual viene delegittimato. Una campagna di stampa ben orchestrata smaschera gli intrighi e gli interessi economici di Betchine. Per Zeroual è la sconfitta totale. A settembre dello scorso anno l’ex generale annuncia le dimissioni e indice nuove elezioni. Alla vigilia del voto del 15 aprile i sei avversari di Bouteflika si ritirano dalla competizione denunciando imminenti frodi. Pare che non abbia votato più del 30% degli elettori, anche se le cifre ufficiali parlano del 60. Le cifre della vittoria sono quelle consuete: il 73,79% dei voti per Bouteflika. Più o meno la stessa percentuale conquistata da Zeroual nel ‘95. Ora rincomincia il gioco silenzioso della politica algerina, che gli algerini conoscono bene. Se chiedi loro qual è il ruolo dei presidenti, dei primi ministri e dei partiti ti risponderanno che sono semplici “segretari”. “Le pouvoir”, il potere vero, quello che decide è, da 38 anni a questa parte, nelle mani dei clan dell’Armée.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana