Google+

Dopo lo zio, Kim Jong-un uccide e rinchiude nei gulag i suoi parenti. Bambini compresi

gennaio 27, 2014 Leone Grotti

Secondo l’agenzia statale di stampa sudcoreana Yonhap, il tiranno nordcoreano non si è limitato a fare uccidere lo zio: «I suoi familiari sono stati portati nei gulag, chi ha fatto resistenza è stato ucciso»

Non solo Jang Song-thaek. Il dittatore della Corea del Nord Kim Jong-un non si è limitato a ordinare l’esecuzione di suo zio, ormai ex numero due del regime comunista, e la cancellazione dall’agenzia di stampa nordcoreana di oltre 500 articoli dove veniva citato. Il terzo Kim ha anche fatto uccidere i familiari di Jang, bambini compresi. A riportare la notizia è Yonhap, la principale agenzia di stampa sudcoreana.

ESECUZIONE PUBBLICA. Kim aveva fatto uccidere lo scorso 12 dicembre Jang, marito di Kim Kyong-hui, la sorella dell’ex dittatore Kim Jong-il e figlia del padre della patria Kim Il-sung.
È la prima volta che un membro della famiglia Kim, se pure acquisito, viene giustiziato, oltretutto in modo clamoroso dopo l’accusa pubblica di essere «peggio di un cane», il «peggiore traditore della nazione di tutti i tempi» e di voler tentare un «golpe controrivoluzionario» per deporre il terzo Kim «e prendere il potere con la scusa dello stato disastroso dell’economia».

UCCISI ANCHE I BAMBINI. Il sito sudcoreano DailyNk, molto informato su Pyongyang, aveva rivelato a dicembre che «il giorno dopo l’esecuzione di Jang, almeno un centinaio di persone vicine a lui sono state arrestate e portate nei gulag. Non solo i suoi stretti familiari sono stati portati via ma anche i conoscenti alla lontana, come i parenti del padre».
Oggi Yonhap ha reso noto che i familiari più stretti di Jang – fratelli e nipoti, bambini compresi –  sono stati giustiziati.

«NESSUNA TRACCIA DEVE RESTARE». «Mentre li stavano portando via – rivela Yonhap, finanziata dal governo della Corea del Sud – qualcuno ha fatto resistenza ed è stato ucciso davanti a tutti a colpi di arma da fuoco. Hanno ucciso i parenti perché nessuna traccia di Jang deve restare». Tra i familiari uccisi ci sarebbero anche la sorella Jang Kye-sun, suo marito e ambasciatore a Cuba Jon Yong-jin e il nipote e ambasciatore in Malaysia Jang Yong-chol.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. ragnar says:

    Non mi stupisce, d’altronde in Nord Corea vige la regola che i parenti fino alla terza generazione di chi è condannato a morte o al lager vengono anch’essi eliminati. Questa è la regola.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.