Google+

Dopo lo scivolone di Chiomonte, i No Tav rispolverano i cortei a prova di bambino

luglio 27, 2012 Marco Margrita

Gli scontri della scorsa settimana hanno danneggiato pesantemente la già compromessa immagine dei No Tav. Che ora giocano la carta della manifestazione pacifica. Basterà a convincere l’opinione pubblica?

L’assalto al cantiere di Chiomonte è stato sicuramente, al di là dei dribbling dialettici degli amministratori e i silenzi dorotei dei leader del movimento, un duro colpo – e forse qualcosa di più – per l’immagine dei No Tav. I distinguo sono stati flebili e – se non all’interno della base e al protetto dei profili personali nei social network – non si sono registrare dissociazioni. Domani, quindi, la manifestazione, che andrà da Giaglione al cantieri in val Clarea, ha lo scopo di proporre alla Valle (ma ancor più ai media) l’unità e la non-violenza di un movimento, in realtà sempre più difficile da preservare dalla contaminazione di linguaggi e pratiche violente (le parole sono pietre e le pietre volano davvero, non solo a parole).

La parola d’ordine è chiara: (di)mostrarsi non violenti. C’è da scommetterci: si rivedranno gli amministratori, le famiglie con i passeggini ed i bimbi in corteo. “L’obiettivo – dichiara Alberto Perino, uno dei più telegenici dei leader della protesta antitreno – è far vedere a tutti cosa stanno combinando in Clarea. Il tutto in modo pacifico e tranquillo proprio come il 30 luglio dello scorso anno, quando verso i poliziotti non volò nemmeno un insulto”. Serve un’iniezione di consenso. Cacciar via dai mezzi d’informazione e dalla memoria collettiva l’assalto militare al cantiere, perpetrato da autonomi e militanti dei Centri Sociali torinesi acquartierati al camping No Tav. Campeggio che, nelle intenzioni, dovrebbe durare fino a settembre. “Vogliamo tenere sotto pressione l’apparato – spiega Francesco Richetto – ma non pensiamo abbia senso pensare solo ad assediare una cosa vuota, un cantiere dove non sta lavorando nessuno”.

Nessuna azione eclatante, forse un po’ di disturbo alle reti. La strategia quindi, dopo lo scivolone dell’assalto della settimana scorsa, è quella di far intendere che nulla stia avvenendo, che ci si trovi di fronte a un non-cantiere. L’urgenza è dimostrare di non aver perso il controllo della situazione, di non essere semplicemente un terreno fertile per l’innalzamento delle scontro sociale. Forse i buoi sono scappati e la proverbiale concretezza dei montanari dovrebbe insegnare che chiudere la stalla rischia di essere una sterile mossa d’efficienza formale. Vedremo.

Intanto in questi giorni si parla tanto di numeri, uno strano destino il loro. Ci sono numeri (spread) ai quali si appende il futuro di una nazione. Altri sono semplicemente ignorati. Per esempio, per la costruzione della sede unica della Regione Piemonte, a Torino, sono stati sbancati 480 mila metri cubi di materiale. Per il cunicolo geognostico di Chiomonte si prevede di scavarne la metà. Il primo cantiere, a parte gli strali di Vittorio Sgarbi che contesta il progetto dell’archistar Massimiliano Fuksas, non ha scatenato alcuna protesta. L’altro, invece, è ben noto che sì. Ieri, inaugurando la terrazza panoramica da cui si potrà assistere al procedere dei lavori, il presidente Roberto Cota ha quindi potuto dire: «Finalmente un cantiere tranquillo». Strano destino, davvero, quello dei numeri…

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.