Google+

Dopo Conte ce ne voleva uno uguale, che divorava il cranio ai giocatori

ottobre 20, 2017 Fred Perri

Per l’Italia del calcio, dopo un ruvido, ci vuole un ruvido. Dopo Conte ce ne voleva uno uguale, che a colazione divorava il cranio ai giocatori.

conte ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Questo simpatico paese ha in odio il conducente, da quello del bus a quello dello Stato. Il ruolo del conducator è sempre circondato da un misto di disprezzo e di invidia. Se poi vuole procedere senza mollare un pezzetto a uno e un pezzetto all’altro, insomma se è uno che va per la sua strada, senza concessioni al buonismo, al politicamente corretto e senza scodinzolare dietro ai soliti noti dei giornali e delle tv, ecco che scatta la “sindrome del balcone”. Anche quelli che non hanno mai saputo, o visto un filmato, di Benito Mussolini al balcone di Palazzo Venezia, sono ossessionati dall’uomo forte.

Mamma mia, il regime! I “tiradritto” della politica sono finiti al centro del bersaglio, da Craxi, passando per Berlusconi sino a Renzi. Non dico che fossero fenomeni, però appena hanno provato a governare sul serio, nel bene e nel male, sono finiti aschifio. Poi, secondo copione, dopo un ruvido, tipo Renzi, ecco un gentile, tipo Gentiloni.

Dove voglio arrivare? Alla Nazionale. Per l’Italia del calcio, al contrario, dopo un ruvido, ci vuole un ruvido. Dopo Conte ce ne voleva uno uguale, che a colazione divorava il cranio ai giocatori. Non Ventura, con quella faccia un po’ così, da fatalista, di chi è nato a Genova. Un padre di famiglia, non certo un tecnico assatanato. Allora abbiamo bisogno dell’uomo forte? No, compagni e amici, ma almeno di uno che ci prenda a calci in culo, sì

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sapete che il 60% delle V7 III, al momento dell’acquisto, sono richieste con almeno un accessorio montato (con prenza per quelli di ispirazione Scrambler o Dark)? Di più: per la sola V7 esistono a catalogo 200 parti speciali – fra queste ci sono ben 8 selle – mentre, se consideriamo tutti i modelli Moto Guzzi, […]

L'articolo Prova Moto Guzzi V7 III Rough, Milano e Carbon proviene da RED Live.

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.