Google+

Dopo 50 anni di ateismo di Stato, i paesi ex comunisti tornano alla fede

maggio 18, 2017 Rodolfo Casadei

Secondo il Pew Research, nei paesi dell’ex Unione Sovietica i credenti superano l’80 per cento. Per la maggioranza è una questione di identità culturale

Easter holiday in Moscow

Un quarto di secolo dopo la fine del comunismo, la religione è tornata ad essere un importante fattore dell’identità individuale e nazionale in molti paesi dell’Europa centrale e orientale governati per cinquant’anni da regimi comunisti. Tranne che in un paese, atei e agnostici sono una quantità trascurabile, mentre coloro che credono nell’esistenza di Dio rappresentano l’86 per cento. Ma a beneficiare del cambiamento è stato soprattutto il cristianesimo ortodosso, che ha visto dappertutto aumentare le adesioni, mentre le percentuali di cattolici nei paesi dove erano maggioranza assoluta o relativa sono diminuite col passaggio dal sistema politico totalitario a quello democratico.

PROBLEMA DI IDENTITÀ. In quasi tutti i paesi, però, sia ortodossi che cattolici, la maggioranza dei credenti afferma che l’identità religiosa è più una questione di identità culturale e tradizione familiare che di fede personale. Fa eccezione la cattolica Polonia, l’unico grande paese dove una netta maggioranza di credenti afferma che l’identità religiosa è soprattutto una questione di fede personale. Fra gli ortodossi fanno eccezione piccoli paesi come Georgia e Moldova. Cosa dicono per la precisione i numeri prodotti dallo studio “Fede religiosa e appartenenza nazionale nell’Europa centrale e orientale” realizzato dal Pew Research Institute di Washington, nei quali è compresa anche la Grecia, unico fra i paesi analizzati a non essere mai stato governato da comunisti?

POCHI ATEI. Anzitutto che in nessuno dei paesi sottomessi a cinquant’anni di propaganda ateistica e antireligiosa la percentuale degli atei e degli agnostici sommati insieme supera il 10 per cento, tranne la Repubblica Ceca dove sono il 25 per cento. Nella Russia che per 70 anni ha insegnato nelle scuole l’ateismo scientifico, oggi gli atei e gli agnostici sommati insieme sono solo il 5 per cento della popolazione. Se ad atei ed agnostici si sommano anche coloro che affermano di non avere alcuna appartenenza religiosa, la Repubblica Ceca diventa l’unico paese dell’Europa centrale ed orientale dove i non religiosi superano i religiosi con un eclatante 72 per cento; segue l’Estonia col 45 per cento e poi molto staccate Ungheria e Lettonia col 21 per cento.

DIMINUISCONO I CATTOLICI. Quanto all’andamento delle appartenenze religiose, l’ascesa di quella ortodossa è stata molto forte nei paesi dell’ex Unione Sovietica e dell’ex Patto di Varsavia: fra il 1991 e il 2015 coloro che si definiscono cristiani ortodossi sono passati dal 37 al 71 per cento in Russia, dal 59 al 75 per cento in Bulgaria, dal 39 al 78 per cento in Ucraina. Nello stesso tempo nei paesi a maggioranza cattolica assoluta o relativa i cattolici sono diminuiti: in Polonia sono scesi dal 96 all’87 per cento, in Lituania dall’88 al 75 per cento, in Ungheria dal 63 al 56 per cento, nella Repubblica Ceca dal 44 al 21 per cento. Questo significa che l’affiliazione cattolica è diminuita sia nei paesi dove l’identificazione religiosa era molto alta durante il comunismo che in quelli dove era bassa come in Unione Sovietica.

Orthodox Christians celebrate Easter in Russia

LA FEDE NON C’ENTRA? In tutti i paesi tranne che in Polonia i credenti affermano in maggioranza che la loro identità religiosa non è il risultato di una libera ricerca spirituale, ma qualcosa legato alla tradizione familiare e all’identità nazionale. È per sentirsi in sintonia con la storia e la cultura del proprio paese e della propria famiglia che scelgono di essere religiosi: quello che li spinge è un bisogno di appartenenza, non quello di aderire con la loro personale libertà a una fede religiosa. La pensano così il 76 per cento degli ungheresi, il 62 per cento dei lettoni, il 55 per cento degli armeni, bielorussi, bosniaci ed estoni, il 52 per cento dei russi. In tali paesi coloro che affermano che la fede è una questione soprattutto personale oscillano fra il 13 e il 35 per cento.
In Polonia, invece, il 50 per cento degli interrogati dichiara che la fede è una scelta personale e solo il 27 che è una questione di tradizione familiare o identità nazionale. Questi dati si rispecchiano in qualche modo in quelli relativi alla pratica religiosa: i cristiani dell’Est pregano poco e vanno poco in chiesa. Solo il 17 per cento dei russi, il 27 dei polacchi e dei serbi, il 44 per cento dei romeni pregano quotidianamente: negli Stati Uniti (dove la fede in Dio o in un ente spirituale superiore è statisticamente all’83 per cento, dunque di poco inferiore a quella dell’Europa orientale) dichiara di pregare ogni giorno il 55 per cento degli adulti.

PROMOZIONE STATALE DELLA RELIGIONE. Ancora più bassa la frequenza settimanale della Messa o della liturgia ortodossa: tolta la Polonia che fa corsa a sé col 41 per cento di partecipazione, seguono staccate Bosnia, Croazia e Romania col 24, mentre agli ultimi posti troviamo Russia, Serbia e Repubblica Ceca che registrano tutte 7 per cento. L’identità religiosa si esprime soprattutto accendendo candele nelle chiese, portando su di sé oggetti sacri, tenendo in casa icone e altre immagini sacre. Molte domande dell’inchiesta riguardano il rapporto fra la religione e la politica, e anche qui le risposte sono piuttosto sorprendenti. Nei paesi a maggioranza ortodossa la maggioranza assoluta o relativa delle persone è convinta che lo Stato dovrebbe favorire la diffusione della fede religiosa prevalente, in quelli cattolici questa posizione è sostenuta da minoranze abbastanza esigue tranne che in Lituania. Chiedono che lo Stato promuova la religione il 59 per cento degli armeni, il 52 per cento dei georgiani, il 46 per cento dei rumeni, il 42 per cento di russi, bielorussi e bulgari. In Polonia solo il 25 per cento aderisce a questa posizione, il 27 per cento in Croazia, il 28 in Ungheria e il 43 per cento in Lituania.

DEMOCRAZIA NON A TUTTI I COSTI. Per quanto riguarda la democrazia come sistema politico, non è amata dappertutto nello stesso modo, anzi: solo il 25 per cento dei serbi, il 31 per cento dei russi, il 36 per cento degli ucraini e il 39 per cento dei bulgari è convinto che sia sempre il miglior sistema politico. Per trovare democratici convinti bisogna andare nel paese dove la parola è nata: il 77 per cento dei greci è favorevole alla democrazia come il migliore di tutti i sistemi politici. Paesi che fanno parte da tempo dell’Unione Europea e dove la democrazia politica è stata restaurata dopo la fine del comunismo vedono maggioranze solo relative a favore della stessa: 49 per cento in Repubblica Ceca, 48 in Ungheria, 47 in Polonia. In questi paesi la maggioranza assoluta è rappresentata da coloro che ritengono che in alcune circostanze un governo non democratico è preferibile a un governo democratico sommati con quanti si dichiarano indifferenti al sistema politico vigente nel proprio paese.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana