Google+

Don Fortunato Di Noto: “Crocetta ha tagliato i fondi per la mia associazione antipedofili”

maggio 9, 2013 Chiara Rizzo

Il presidente e fondatore di Meter: «Rischiamo il lastrico. Perché si tutelano le associazioni teatrali e si dimenticano i minori vittime di abusi?»

«Sono arrabbiato. Perché qui non è un problema di soldi, di somme. Ma prima di tutto di civiltà»: don Fortunato Di Noto, presidente e fondatore dell’associazione Meter, la più nota e in prima linea nell’assistenza delle vittime della pedofilia in Sicilia e in Italia, denuncia a tempi.it che il Bilancio della Giunta Crocetta ha tagliato ulteriormente i fondi regionali a sostegno di questa realtà. «Ci sono stati tagli persino per le associazione che assistono i malati oncologici. Questo non è umano, perché le risorse pubbliche dovrebbero pensare prima di tutto alle attività umane. Il politico può definirsi tale solo nella misura in cui si occupa del debole, del povero, e svolge un servizio per l’equità».

Il taglio di questo Bilancio segue quello dell’anno precedente, già attuato dall’ex governatore Lombardo.
Dal 2011 non riceviamo il piccolo finanziamento che abbiamo avuto fin dal 2003, di 120 mila euro all’anno. Nel 2011 infatti è il finanziamento regionale a Meter era stato diminuito a 65 mila euro, quest’anno siamo arrivati a 61 mila. E c’è davvero di che amareggiarsi, se si pensa all’“equità”, con cui sono stati distribuiti i fondi a presunte o benemerite associazioni culturali (inserite in una nota allegata alla Finanziaria, la Tabella H, ndr.), che ora ricevono anche mezzo milione di euro, rispetto a una realtà come la nostra, che si occupa di bambini e di abusi di minori.

Avete avuto modo di presentare un rendiconto del vostro operato e dell’uso dei fondi?
Siamo stati convocati dalla commissione Bilancio prima dell’approvazione della Finanziaria, e lì abbiamo portato la documentazione e il rendiconto del nostro lavoro, ma non è servito. In Sicilia Meter ha 9 gruppi territoriali. I fondi ci servono per scopi molto concreti. Ci sono anzitutto gli affitti da pagare per queste sedi: lo scorso anno, a causa del taglio, ho dovuto chiudere una sede storica, quella di Ragusa, dopo dieci anni di attività, e lì il gruppo oggi si riunisce in case private. E un peccato perché era una realtà molto viva per la città. Oltre agli affitti abbiamo da pagare le utenze, la luce e il telefono, anche per il numero verde nazionale. Quando nella Tabella H troviamo realtà che prendono centinaia di migliaia di euro, restiamo basiti. A noi, preciso, non interessa avere cifre simili, non è questo che denuncio. La verità è che all’assemblea regionale non abbiamo qualcuno che ci appoggia. Eppure la nostra sede nazionale ad Avola, in campagna elettorale ha ospitato tutti i candidati, anche il presidente Crocetta. Siamo una realtà conosciuta, anche a livello nazionale, e con un ruolo istituzionale per il lavoro che svolgiamo con la polizia postale. Ma evidentemente alla politica siciliana non interessa nemmeno tutelare un’eccellenza locale apprezzata in tutto il Paese.

Rischiate davvero di finire sul lastrico con questo nuovo taglio?
Sì, è un problema molto serio. Per capirci racconto un caso concreto. L’altro giorno ci ha contatti una mamma che aveva bisogno di aiuto, per la perizia psicologica in un processo per abusi sessuali. Ci ha raccontato piangendo che non aveva i soldi, e che era pronta a fare un mutuo pur di avere un perito per difendere quello che aveva subìto la sua bambina. Ecco, non so come posso aiutarla. I servizi che offriamo sono visibili, trasparenti, verificabili da tutti. Perciò è assurdo che una realtà siciliana sia in questi anni così, e sempre di più, penalizzata e ostacolata.

Dalla Regione siciliana vi hanno spiegato almeno il perché di questo taglio?
Assolutamente no. Ci hanno detto che, visto che l’anno scorso abbiamo avuto 63 mila euro, e ora 61mila, in fondo non c’era poi tutta questa penalizzazione. Se Lombardo nella precedente giunta ha commesso un errore, invece non si può far finta di non capire che così noi non possiamo andare avanti. Non c’è rispetto per il lavoro che facciamo. Parliamo di accompagnamento a famiglie e bambini, difesa dei diritti dei minori contro la pedofilia, non di attività ludiche o teatrali, pur meritevoli ma non così necessarie. Non è giusto, e lo dico pensando ai volti delle vittime. In questi vent’anni di attività abbiamo accompagnato più di mille bambini, in tutt’Italia. Li abbiamo accompagnati anche a livello giudiziario. Questo significa, oltre al costituirci parte civile per vigilare e tutelare gli interessi della vittima – attività per la quale non prendiamo un euro di rimborso – che abbiamo offerto terapie ai bambini, sostegno per le perizie di parti, accudimento anche per dieci anni. Per tutte queste attività ovviamente non ci facciamo certo pagare dalle famiglie delle vittime, spesso in difficoltà. Quindi come facciamo solo con 61 mila euro? E perché altre attività, per carità pure interessanti, arrivano ad avere 500 mila euro? Noi chiediamo una più equa attenzione, per una questione di civiltà nei confronti dei bambini. Abbiamo diritto ad essere rispettati e presi in considerazione. Non è questione di ideologia, ma di civiltà. Meter non ha risorse proprie, noi viviamo del volontariato. Dovremmo aprire Casa meter, una casa di accoglienza per i bambini, e lo stiamo facendo con i nostri profondi sacrifici.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. giuseppeburgio scrive:

    e il fiume di soldi dell’8 per mille? non avanzano 2.000 euro per integrare questo fondo? ai preti bisogna pagare tutto? prima la chiesa crea una società marcia nei valori, poi bisogna pagare tutti per i danni che hanno fatto?

    • cirillo scrive:

      Stai messo male se anche qui, ne approfitti per fare i soliti discorsi anti-chiesa e anti-Dio.. Invece di guardare la sostanza, e Cioè I TAGLI DEI FINANZIAMENTI PUBBLICI AD UN PROGETTO DI PUBBLICA UTILITA’, PER LA SALVAGUARDIA DEI MINORI !! VERGOGNATEVI!!!!

  2. sara scrive:

    x un giuda ke tradisce ci sono 100 giovanni che amano Dio veramente e altrettanti pietro che sanno ravvedersi ………la pedofilia è un crimine contro l’umanità ma alla fine Dio darà a ciscuno di noi ciò che abbiamo voluto con le azioni della nostra vita,sia che uno sia prete sia che uno sia ateo……..don Di Noto fa una grande opera di CARITA’ per i più piccoli……. sputare veleno solo xkè la bocca funziona è triste…..sputando verso il cielo lo sputo ti ritorna in faccia

    • Q.B. scrive:

      Sara, il burgio ha affisso il suo manifesto programmatico in un commento pubblicato su un altro post. Si puó riassumere in questi termini: burgio odia la chiesa e disprezza i suoi fedeli, è qui solo per esprimere il suo odio.
      Lo ha già dimostrato attraverso commenti ributtanti. Non ha purtroppo senso argomentare con lui, ci considera sub-umani perchè siamo cristiani.

      Ho notato comunque che questo sito attrae con regolaritá animi avvelenati dal livore contro la Chiesa; forse è il Male che reagisce perchè sente il fiato sul collo?

      • giuseppeburgio scrive:

        grazie Q.B., devo ammettere che hai una capacità di sintesi notevole.
        “ci considera sub-umani perchè siamo cristiani”… è veramente ciò che penso, mi piace espresso in così poche parole.

  3. giuseppeburgio scrive:

    x sergio landi: sei un infame

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana