Google+

Dolce&Gabbana, chiesta l’assoluzione «perché il fatto non sussiste». E «hanno pagato le tasse in Italia»

marzo 25, 2014 Redazione

Il sostituto procuratore generale di Milano ha chiesto l’assoluzione per i due stilisti, accusati di «omessa dichiarazione» dei redditi.

Il sostituto procuratore generale di Milano Gaetano Santamaria Amato ha chiesto l’assoluzione «perché il fatto non sussiste» per Domenico Dolce e Stefano Gabbana  in merito all’accusa di «omessa dichiarazione» dei redditi, per la quale gli stilisti sono stati condannati a un anno e otto mesi nel giugno scorso.

OPERAZIONE LECITA. «La condanna penale contrasta col buon senso giuridico», ha detto il sostituto pg durante la sua requisitoria, nella prima udienza del processo d’appello. E la creazione di una società in Lussemburgo, la Gado, non solo è stata «un’operazione lecita», ma il segno che, ha detto il pg, gli stilisti, avendo trasferito parte delle loro attività in Lussemburgo, «pensano in grande come si conviene alla squadra di un grande gruppo italiano della moda presente nel mondo» e di successo, «in controtendenza col sistema industriale italiano». Pensando alla «quotazione in borsa, si accresce il prestigio del gruppo internazionale, ci si posiziona come conviene per il gruppo che ha già una dimensione mondiale», ha spiegato il magistrato, secondo il quale ciò costituisce la «giustificazione economica» dell’operazione finanziaria. E «si sceglie il Lussemburgo perché ha la borsa più vivace in Europa, perché il suo regime fiscale è capace di attrarre i capitali e anche perché ha molti trattati bilaterali con diversi stati che regolano il principio della doppia imposizione».

HANNO PURE PAGATO LE TASSE. Una tesi che, qualora dovesse essere confermata in appello, conferma quanto già ricostruito da Tempi grazie alle dichiarazioni dei legali dei due stilisti, che già sono stati assolti «perché il fatto non sussiste» dall’accusa di dichiarazione infedele e ora potrebbero esserlo anche, per le medesime ragioni, da quella di «omessa dichiarazione». Ciononostante i due stilisti, che hanno già versato 40 milioni di euro nell’ambito del contenzioso fiscale «pagheranno quello che pagheranno, ma il processo tributario – ha precisato il pg – è diverso da quello penale e in questo processo non ci sono prove di illeciti penali».
Dolce e Gabbana, vale la pena ricordarlo, non è vero che non hanno pagato le tasse in Italia (secondo l’accusa non avrebbero dichiarato tasse sulle royalties per la cessione del marchio per circa un miliardo di euro), perché, come ha detto il pg, «se è vero che Gado ha pagato solo il 4 per cento di imposte sulle royalties in Lussemburgo, poi è anche vero che i dividendi sono stati tassati in Italia e il prelievo complessivo è arrivato quindi al 32 per cento e non è vero, dunque, che non hanno pagato le tasse in Italia».

LO SCONTRO COL COMUNE. La vicenda dei due stilisti era stata anche al centro di un acceso scontro con l’assessore alle Attività produttive della giunta Pisapia, Franco D’Alfonso, che aveva dichiarato che «se stilisti come Dolce e Gabbana dovessero avanzare richieste per spazi comunali, il Comune dovrebbe chiudere le porte, la moda è un’eccellenza nel mondo ma non abbiamo bisogno di farci rappresentare da evasori fiscali». In segno di protesta i negozi di Milano erano rimasti chiusi tre giorni.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. domenico b. scrive:

    viviamo in uno stato sanguisuga. Chi crea ricchezza è trattato come se fosse un delinquente.
    Tutto questo non fa altro che alimentare l’astio verso le istituzioni.
    Invece di lasciare ai cittadini la soddisfazione di godere del frutto del proprio lavoro, arriva lo stato che ti rapina. E’ anche per questo che cresce l’antipolitica…

  2. pallo scrive:

    @Giovanna …. xò loro non usano le scuole ne gli ospedali ne i servizi che invece i tuoi figli usano …. quindi come la mettiamo ?

    @Tempi : uè ma cosa state facendo difendete i GAY !!! forse xchè sono gay RICCHI allora va bene … i principi … sono sempre negoziabili 😀

  3. Su Connottu scrive:

    Pallo correggi il tiro:
    – la Giovanna a cui ti rivolgi è un fake
    – i gay ricorrono alla sanità pubblica come e più degli altri
    – vero è che non facendo figli o, peggio, fabbricandoli grazie alla prostituzione di qualche poveraccia, gli omosessuali non riducono certo i costi dello stato sociale. Per non parlare della grottesca proposta di addebitare ai contribuenti il costo delle tette finte per maschi malati.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana