Google+

«Dobbiamo imparare a rialzarci così come Cristo ha saputo rialzarsi pur portando la croce»

marzo 29, 2016 Redazione

Attentato in Pakistan. L’arcivescovo di Lahore: «Temevamo che potesse verificarsi un attacco, ma nessuno aveva pensato al parco»

Queste le dichiarazioni di monsignor Sebastian Francis Shah, arcivescovo di Lahore, in esclusiva ad Aiuto alla Chiesa Che Soffre, a seguito dell’attentato avvenuto ieri in un parco del capoluogo della provincia pachistana del Punjab, intorno alle 18.30 locali.

Il presule ha parlato con ACCS di ritorno dall’ospedale, dove ha fatto visita ad alcuni degli oltre 300 feriti e alle famiglie delle 72 vittime dell’attentato. Tra queste ultime anche 30 bambini.

Monsignor Shah conferma come per la comunità cristiana del Pakistan nei giorni di festa, quali Pasqua o Natale, sia d’uso dopo la messa e il pranzo in famiglia, uscire a passeggio in un parco per continuare i festeggiamenti.

«Dopo l’attentato dello scorso anno alle due Chiese cristiane nel quartiere di Youhanabad temevamo che potesse verificarsi un attacco e per questo il governo ci aveva fornito tutte le misure di sicurezza necessarie per proteggere le Chiese, ma nessuno aveva pensato al parco». Nel pomeriggio di Sabato Santo le autorità locali avevano anche indetto un briefing per concordare le necessarie misure di sicurezza. Monsignor Shah ritiene plausibile che la comunità cristiana fosse l’obbiettivo degli attentatori, ma sottolinea come tra le vittime e i feriti vi siano anche molti musulmani. Il presule ha offerto conforto e consolazione anche a loro. «Ai miei fedeli ho detto di non perdere la speranza, perché anche se affrontiamo un periodo di grave difficoltà, dobbiamo imparare a rialzarci così come Cristo ha saputo rialzarsi pur portando la croce. E così noi, pur portando la nostra croce dobbiamo riuscire ad andare avanti. Perché Dio è e sarà sempre con noi».

Al telefono da Lahore, Peter Jacob, già direttore della Commissione Giustizia e Pace del Pakistan conferma ad ACCS come i terroristi abbiano cercato di causare il maggior numero di vittime possibili e colpire in particolare modo la comunità cristiana».

Jacob sottolinea l’aumentato impegno da parte dell’esercito e del governo pachistano nel cercare di fronteggiare il terrorismo e non esclude che la scelta del parco Gulshan-i-Iqbal, non distante dalla casa di famiglia del Primo Ministro Nawaz Sharif possa rappresentare un messaggio per il premier. «Questa è la sua città e anche suo fratello, Shahbaz Sharif vive qui – afferma – dunque non possiamo escludere che gli attentatori abbiano voluto in qualche modo mandare un avvertimento alle autorità».

L’attentato potrebbe anche essere legato alle gravi tensioni che hanno seguito alla recente esecuzione di Mumtaz Qadri, che nel 2011 aveva ucciso il governatore dl Punjab Salmaan Taseer, “colpevole” di aver criticato la legge antiblasfemia. Qadri era ritenuto da molti un eroe perché aveva giustamente ucciso un blasfemo, e per questo la sua esecuzione è stata a lungo rimandata. Dopo la sua morte in tutto il paese vi sono state numerose proteste. «Non possiamo escludere un legame perché tra manifestanti e attentatori vi è un certo link ideologico», afferma Jacob.

Articolo tratto da Acs – foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Rolli Susanna scrive:

    Letto solo il titolo (e seguito tg vari). Non si trovano le parole giuste, solo dolore e sdegno immensi.
    Come nessuno aveva pensato al parco? Com’è possibile che nessuno avesse pensato al parco?

  2. Alessandro2 scrive:

    Ma è possibile che non siamo capaci, come mondo occidentale e (bene o male, più o meno) cristiano di mobilitarci, imponendo sanzioni ed al limite espulsione dei connazionali ai Paesi, come il Pakistan, che non proteggono i Cristiani e/o li trattano come cittadini di serie B? Non solo non lo facciamo, ma continuiamo ad accogliere musulmani da quei luoghi, spendendo soldi ed energie per dar loro una vita civile e dignitosa, istruzione e sanità gratuite, ecc.

    • Rolli Susanna scrive:

      Sai che ti capisco? Ho capito che s’ha da esser buoni con tutti, ma mica fessi! Per esempio io non capisco perchè c’è una gran foga di voler costruire le moschee in un Paese cattolico e non si SPENDE UNA PAROLA a favore della libertà di professare la propria religione là dove ciò non avviene. Fosse per la sottoscritta direi papale papale:” Quando tutte le nazioni riconosceranno la libertà di culto – dal Polo Nord al Polo Sud, da Est ad Ovest, partendo dal meridiano di Greenwich e tornando a Greenwich – allora costruiremo le moschee, tranquillamente”; cioè mai….E allora, se vi va bene è così perchè questa è GIUSTIZIA, no n razzismo, scusate ma lo dice anche la matematica: due più due fan quattro. Chi vuol capire, capisca. E si capisce bene!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana