Google+

«Dobbiamo combattere la miseria, non la povertà». La lezione di Fratel Ettore a dieci anni dalla scomparsa

giugno 11, 2014 Caterina Cazzaniga

Presentato il programma di iniziative in memoria del “folle di Dio” che curò gli ultimi fra gli ultimi di Milano. «La sua era una gioia trasparente che saliva dalle suole delle scarpe alla testa»

«Beati i poveri di spirito: dobbiamo combattere la miseria, non la povertà». Solo una donna che ha trascorso tanti anni accanto al “folle di Dio” Fratel Ettore Boschini può avere una così lucida consapevolezza. Suor Teresa Martino ha oggi voluto ricordare con queste parole il cuore del messaggio del camilliano di cui quest’anno ricorrono i dieci anni della scomparsa. «La sua era una gioia trasparente che saliva dalle suole delle scarpe alla testa una gioia vera, spontanea, non viscerale, che sgorgava senza sosta dal cuore e non era generata da singoli episodi. Pertanto aiutateci ad essere poveri, aiutiamoci tutti quanti vicendevolmente a entrare in quella povertà che ci fa bisognosi l’uno dell’altro e non ci rende autosufficienti, perché nell’autosufficienza germogliano l’egoismo e l’indifferenza».

fratel-ettoreQUANDO BUSSAVA ALL’AUTO DI MARTINI. La terra di Lombardia non ha dimenticato una delle sue figure più belle e carismatiche che per tanti anni i milanesi hanno visto aggirarsi per i luoghi più infrequentabili della città. Perché Fratel Ettore era questo. Una forza dirompente della natura, un uomo dalla fede granitica che non temeva certo di mischiarsi, accudire, amare i “più poveri fra i poveri”. E bastava la sua presenza – come dimenticare la sua auto con la statua della Madonna o il suo abito nero con la grande croce rossa? – per ricordare, non solo ai senza tetto, ma a tutti, che siamo tutti poveri, perché tutti bisognosi di una misericordia più grande dei nostri limiti. Anche i cardinali, come ha ricordato simpaticamente Francesca Consolini, postulatrice nella causa per la canonizzazione, quando ha rammentato l’episodio in cui Fratel Ettore batté entrambe le mani sul vetro dell’auto del cardinale Martini urlandogli: «Non dimenticarti dei poveri!».

NON PER FILANTROPIA MA PER FEDE. Oggi, pertanto, in Regione Lombardia è stato presentato il programma delle iniziative celebrative che inizierà sabato 14 giugno. Oltre a suor teresa e a Consolini erano presenti il presidente del Consiglio regionale, Raffaele Cattaneo, il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio, la responsabile delle Relazioni Esterne di Grandi Stazioni, Rosalba Veltri, e Roberto Allegri, autore della biografia Vieni con me.
Ognuno di loro ha descritto la figura del camilliano, che tanto ha fatto per la città di Milano. «Era evidente che non lo faceva per filantropia, ma per la fede», ha spiegato Cattaneo. «Questo ha permesso che non solo si guardasse ai bisognosi che aiutava, ma anche al motivo che lo spingeva a continuare la sua opera».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. filomena says:

    Il problema è che la miseria è figlia della povertà come pure la delinquenza. Quando non hai da mangiare diciamo che…stenti a preoccuparti del tuo prossimo. In altre parole nessuno può dare qualcosa che non ha. La realtà lo insegna.

    • Lorenzo says:

      Sono un ex volontario dell’Opera Fratel Ettore. Vorrei solo informare che sabato 14 giugno alle ore 21.00 nella “Galleria delle carrozze” della Stazione Centrale di Milano andrà in scena lo spettacolo “Ettore dei poveri”. L’evento è gratuito. Spero Filomena verrai anche tu. Avrai così modo di conoscere un grande uomo e la bella realtà della sua opera che abbraccia con amore noi tutti, poveri o miseri che siamo

  2. Controcorrente says:

    Uno dei più grandi uomini del 900 che grazie alla sua pazzia trasformava tutto in GRAZIA.
    Un vero protagonista della storia.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download