Google+

Ma Dio scrive in greco (e pace per la troika e il fiscal compact)

giugno 8, 2015 Pier Giacomo Ghirardini

La verità è che fra commercio e guerra esiste solo differenza di grado ma non di natura, ci avverte Clausewitz: dallo scambio di merci a quello di cannonate il passo è breve.

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – La penultima riga del “Padre nostro” nell’originale greco fa kai me eisenenkes hemas eis peirasmon, «e non indurci in tentazione». Al che uno si chiede perché mai il Padre eterno dovrebbe farci deragliare. Il fatto è che Dio scrive in greco, a dispetto del Fmi, della Bce e della Commissione europea. Peirasmon vuol dire esperimento, tentativo, prova – anche tentazione, certo. Ma io tradurrei quella frase con «fa’ che non portiamo le cose all’estremo». Se c’è un concetto che sintetizza la modernità, dalla furia del popolo in armi a Valmy all’11 settembre 2001, è la “tendenza all’estremo”, la formula dell’apocalisse scoperta da Clausewitz, nell’ultimo pensiero di René Girard. La vediamo ovunque all’opera nella nostra quotidianità tecno-nichilista. Miliardi di individui sull’orlo della disperazione assoluta dell’impensato moderno che si infingono Übermenschen. I “realisti”, i governanti, i banchieri e i militari che negano all’intelligenza di saper toccare la verità e pretendono di salvarci, mentre ci fanno sprofondare ogni giorno di più nello sfacelo – sono le parole di Girard.

La verità è che fra commercio e guerra esiste solo differenza di grado ma non di natura, ci avverte Clausewitz: dallo scambio di merci a quello di cannonate il passo è breve.

Dal 2011 l’Europa è in guerra – economica al proprio interno, à feu et à sang alla sua periferia (Libia e Ucraina) – ma nessuna voce, questa volta, si è levata per denunziare l’«inutile carneficina». La Grecia ha finito i soldi: è un fatto. E non si possono restituire i soldi che non si hanno: è un altro fatto. I Very Serious People tornano a dirci che ogni alternativa è esclusa a priori. L’estremo richiede che si uccida un uomo morto. Se non si spezzano le gambe al debitore greco che non può pagare, non pagherà più il debitore italiano che può ancora pagare.

Questa è la dannata verità delle riforme «volute dall’Europa». L’ultima volta che una federazione si è data un fiscal compact è finita in quattro anni di guerra civile, 615 mila morti e 412 mila feriti. Ma questa è un’altra storia. Era l’America. Il pareggio di bilancio imposto dal fiscal compact porta ad un unico punto di equilibrio: Pil = zero.

Alla rhusai hemas apo tou ponerou. Ma liberaci dal male.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Cisco scrive:

    Ma quale pareggio di bilancio, anche la Germania fatica.
    Il punto e’ capire perché i disoccupati italiani dovrebbero mantenere i baby pensionati greci a colpi di IMU, TASI e altri balzelli. E la tragedia (non solo greca), e’ che anche se si spezzassero le gambe al debitore greco ci andremmo di mezzo comunque. Qualunque sia la soluzione (Grexit o ciambella assistenzialista), noi Italiani ci faremo del male. E la colpa e’ ultimamente del neo premier ellenico, che parla greco quanto Dio (ma senza giurare sulla Bibbia): liberaci da Tsipras.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana