Google+

Diffondiamo ragioni e verità del Papa per servire il bene del popolo tutto

gennaio 12, 2011 Luigi Amicone

Da domani Tempi esce in abbinata con il settimanale dell’Osservatore Romano senza costi aggiuntivi per i lettori, che così assieme a Tempi avranno anche il giornale che cura la pubblicazione degli interventi svolti dal Pontefice nel corso della settimana. Le quattro ragioni stringenti del sodalizio

Pubblichiamo in anteprima l’editoriale di Luigi Amicone del numero 2 di Tempi, in edicola da domani insieme al settimanale dell’Osservatore Romano.

Quando un paio d’anni fa ci fu offerta l’opportunità di presentarci e scambiare due parole con Benedetto XVI,
non avremmo mai immaginato che a partire dal numero che hai per le mani, caro lettore, Tempi e L’Osservatore Romano avrebbero camminato insieme. E invece è successo. D’ora in avanti, sia gli abbonati sia gli acquirenti in edicola riceveranno i due giornali in abbinata e senza costi aggiuntivi. Come è nato e quale sia lo scopo del sodalizio è presto detto. In occasione del 150esimo anniversario dalla fondazione dell’Osservatore Romano volevamo fare un regalo al Santo Padre. Di qui la nostra proposta di sostenere la conoscenza del suo magistero anche attraverso la diffusione dell’edizione del giornale vaticano che cura la pubblicazione degli interventi svolti dal Pontefice nel corso della settimana. Il direttore Giovanni Maria Vian e l’editore della testata d’Oltretevere hanno subito aderito volentieri all’iniziativa. E così, eccoci al primo numero di una collaborazione molto gratificante per noi che da 15 anni tentiamo una presenza da semplici cristiani nel mondo della comunicazione. Dopo di che, le ragioni stringenti che ci armano di fiducia e responsabilità sono le seguenti.

1. Davanti alle drammatiche sfide dell’attualità, proprio della diffusione e conoscenza di parole piene di ragione e amanti della verità si sente la mancanza. Trovarsi nelle condizioni di aiutare a conoscere ragioni e verità proposte dal Papa, è un modo molto elementare ma concreto di servire il bene del popolo tutto, di qualunque colore e religione sia, vicino o lontano che sia.

2. Per quanto ci riguarda, la nostra storia e linea politica-editoriale sono note e trasparenti a tutti. Non abbiamo altro senso di esistere che l’ideale per cui facciamo un giornale e abbiamo una simpatia totale per qualsiasi ricerca della verità, da qualunque parte essa provenga. Per parlare concretamente: da Comunione e Liberazione, che è l’origine educativa della nostra passione, a Giuliano Ferrara, amico di rara intelligenza e il contrario del “Giornalista Collettivo”, impariamo che nulla di ciò che è umano ci è estraneo.

3. D’altronde: se non per dato statistico, ma per considerazione di cui essi godono agli occhi dei potenti e delle folle, i cristiani sono oggi minoranza. Tanto in Occidente, quanto nel resto del mondo. Un mondo in cui, anche tra cristiani, sembra si faccia a gara per allontanare dallo spazio pubblico la sfida che Cristo porta alla ragione prima ancora che alla fede degli uomini.

4. Ma ecco, infine, la strepitosa sintesi di tutto ciò che vorremmo servire in questo passaggio della nostra impresa: è contenuta in un passo del recente libro-intervista al Papa, dove Benedetto XVI dice: «Tutta la mia vita è sempre stata attraversata da un filo conduttore, questo: il Cristianesimo dà gioia, allarga gli orizzonti. In definitiva un’esistenza vissuta sempre e soltanto “contro” sarebbe insopportabile. Ma allo stesso tempo il Vangelo si trova in opposizione a costellazioni potenti… Sopportare attacchi ed opporre resistenza quindi è un elemento ineliminabile: è una resistenza, però, tesa a mettere in luce ciò che vi è di positivo». Come ci ha sempre insegnato don Luigi Giussani, la critica non consiste nell’abbattere ciò che non vale, ma nel riconoscere ciò che vale anche in mezzo alla melma. «Vagliate tutto e trattenete il valore» ingiungeva Paolo ai primi cristiani. Cioè, rincarava Giussani, «trattenete la bellezza». Per tutto questo cominciamo il nuovo anno con rinnovato entusiasmo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Delle monoposto a emissioni zero (245 CV in configurazione gara, per 225 km/h di velocità massima) che si sono sfidate il sabato 14 aprile lungo un tracciato cittadino di circa 2,8 km ricavato nel quartiere Eur, non si è parlato più di tanto, ancorché all’incontro capitolino del venerdì precedente abbia partecipato anche il Direttore del […]

L'articolo Renault: elettriche avanti tutta proviene da RED Live.

La Swift Sport punta a farsi largo tra le hot hatch puntando su un invidiabile bilanciamento tra telaio e meccanica. Anche il rapporto prezzo/dotazione è vincente

L'articolo Prova Suzuki Swift Sport <br> fame di curve proviene da RED Live.

Moto dotate di radar? Presto saranno realtà. Ducati ha in cantiere un ambizioso programma chiamato “Safety Road Map 2025” che prevede lo sviluppo di molti progetti a tema sicurezza, uno dei quali si chiama Ducati ARAS. Primi arrivi nel 2020

L'articolo Ducati ARAS, presto le moto con il radar proviene da RED Live.

Voglia di avventura, di scoprire nuove strade (bianche) in località toscane ricche di fascino. Senza fretta. La prima di tre tappe andrà in scena a Buonconvento il 29 aprile, in occasione della Nova Eroica

L'articolo Gravel Road Series, da aprile a ottobre. Info e iscrizioni proviene da RED Live.

Mini elettrizza la sua Countryman e si getta nel panorama delle ibride plug-in in modo speciale e a tratti unico. Pensate che le auto Ibride non siano ancora mature o non facciano per voi? Leggete la nostra prova su strada, ma siete avvisati: il rischio di ricredersi qui è alto

L'articolo Prova MINI Cooper S E Countryman ALL4 proviene da RED Live.