Google+

Dietrofront del governo, “ritornano” in busta paga i 150 euro agli insegnanti

gennaio 8, 2014 Chiara Rizzo

Al termine di una riunione con i ministri Saccomanni e Carrozza, Letta ha annunciato che i docenti non restituiranno i 150 euro.

Lo Stato ha aggiunto 150 euro al mese nella busta paga degli insegnanti per compensare il blocco degli scatti di anzianità, poi se li è “ripresi” (per decreto, non materialmente). Ora li ha “restituiti”: ha rasentato il ridicolo la vicenda del blocco degli scatti, giunta si spera all’esito definitivo con la comunicazione data oggi dal premier Enrico Letta, dopo una riunione con il ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni, e quello dell’Istruzione, Maria Chiara Carrozza. Quest’ultima, su Twitter, ha esultato: «Finita riunione a Palazzo Chigi: gli insegnanti non dovranno restituire i 150 euro. Sono soddisfatta per gli insegnanti».
«C’è stato un problema di comunicazione – ha detto poi il ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni- Il ministero dell’Economia è un mero esecutore. Aspettavamo istruzioni che non ci sono pervenute». La Carrozza ha glissato, parlando di «impicci burocratici amministrativi» che talvolta provocano «pasticci» senza che «i ministri e il governo ne sappiano niente».

CARROZZA: «COLPA DELLA MALA BUROCRAZIA». Il ministro dell’Istruzione Carrozza è tornata a parlare dell’argomento nel pomeriggio ai microfoni di Radio 24, giustificando la marcia indietro del governo Letta sulla decisione di tagliare i 150 euro dalla busta paga dei docenti. «Tra Natale e Capodanno sono stati presi questi provvedimenti per inerzia amministrativa senza comunicare ai ministri competenti che cosa stava avvenendo» ha spiegato il ministro, che poi ha aggiunto che «Adesso ci sono alcune cose da fare. Dobbiamo tecnicamente risolvere questo problema del prelievo degli stipendi, considerato che nel 2012 sono ancora a credito quelli che devono ricevere gli scatti di anzianità, e poi affrontare il tema del governo della scuola ad un livello normativo e di gestione: non è pensabile che da una parte si decidono le cose, dall’altra come e quando si pagano gli stipendi». Il ministro ha accusato che «il collegamento tra indirizzo politico e atto amministrativo si perde in una serie di organi di controllo e di gestione ed è per questo che serve la riforma dello Stato, non solo per avere maggiore celerità nelle decisioni, ma anche per sapere chi è il responsabile direttamente di queste decisioni». Il ministro ha anche assicurato che «Faremo un’analisi interna e posso garantire che rivedremo il processo decisionale e cercheremo di capire dove è che la comunicazione è saltata, o dove non si è compreso che prendere una decisione su 80mila persone tra Natale e Capodanno doveva prevedere una comunicazione ai ministri. Si farà un’analisi di chi ha sbagliato e vedremo. Non è questione di pagare, ma di organizzare le cose in maniera queste cose non avvengano più».

RENZI: «ORA IL JOB ACT». Si congratula anche il segretario del Pd Matteo Renzi, sempre via Twitter: «Bene il governo: sugli insegnanti cambia verso». Con il suo tweet Renzi ha anche anticipato a cosa si dedicherà oggi il Pd: «Ora il lavoro: dati Istat devastanti, oggi ci sarà la bozza del Job act per un dibattito aperto. Il Pd decide nella direzione del 16 gennaio». Il riferimento è ai dati provvisori sull’occupazione nel mese di novembre 2012, resi noti stamattina, che vedrebbero un aumento del tasso di disoccupazione al 12,7 per cento (+ 1,4 per cento rispetto a novembre 2012), la quota dei disoccupati a 3 milioni e 254mila unità (+57 mila unità da ottobre 2013, e +351mila unità rispetto ad un anno prima), il tasso di disoccupazione giovanile al 41,6 per cento.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana