Google+

Di Pietro e Beppe Grillo? Un matrimonio impossibile

novembre 3, 2012 Chiara Sirianni

Intervista ad Alberico Giostra, autore de Il Tribuno: «Di Pietro è individualista, non può fare il numero due. E la sua classe politica è incompatibile con il M5S»

Aria di bufera in casa Italia dei Valori: tra una puntata di Report sui conti del partito, un’intervista al Fatto Quotidiano in cui Antonio di Pietro si è scagliato contro «un sistema politico e finanziario che non ha più bisogno di noi», non è mancato lo scambio di cortesia con Beppe Grillo. «Faremo le primarie in rete, con un sistema elettronico come quello che usa Grillo, perché dovete sapere che lo ammiro e lo copio» ha detto il leader dell’Idv. Mentre l’ex comico sul suo blog ha elogiato «l’unico in Parlamento che si è opposto in tutti questi anni al berlusconismo», caldeggiandolo, provocatoriamente o meno, come uomo giusto per il Quirinale. Un’ipotesi, quella di un ticket Grillo-Di Pietro, che non è piaciuta al Pd e nemmeno a molti dipietristi. Il più furente è stato Massimo Donadi, capogruppo Idv alla Camera, secondo il quale un’alleanza del genere sarebbe «come il Messico di Pancho Villa e Zapata». A che pro, allora, questo avvicinamento reciproco? Lo abbiamo chiesto ad Alberico Giostra, autore de Il Tribuno (Castelvecchi editore) in cui già nel 2009 tratteggiava un ritratto umano e politico del leader Idv, fra vizi e virtù.

Che idea si è fatto dell’endorsement a favore di Di Pietro al Quirinale? Una mano tesa o un abbraccio mortale per cannibalizzare i voti dell’Idv?
Mi sembra una mossa di pietà nei confronti di una persona a cui ha sempre voluto bene. Una pacca sulla spalle mediatica. Non dimentichiamo che la Casaleggio gestisce il blog di Grillo, e anche quello di Di Pietro. Pubblica i dvd di Marco Travaglio, che spinge per un matrimonio fra i due. Ma è un matrimonio impossibile. Di Pietro si ritroverebbe con dieci deputati circondati da decine di giovani, eletti col Movimento Cinque Stelle, politicamente vergini, potenzialmente esplosivi.

Un accordo Di Pietro-Grillo funzionerebbe, al di là dei numeri?
Di Pietro è allergico alle alleanze. E qualunque forma di disciplina, di strategia di gruppo, la fa saltare in aria. Perché è individualista, un po’ anarcoide, non può reggere nel ruolo di alter-ego. Non avrebbe futuro. D’altra parte si ritrova con un partito ridotto ai minimi termini, che è tornato ai numeri del 2008, quando senza Veltroni non sarebbe neanche entrato in Parlamento.

Antonio Di Pietro ha detto che «l’Italia dei Valori è morta con Report». Se lo aspettava?
Mi ha molto colpito il fatto che abbia fatto passare la trasmissione come una sorta di complotto contro di lui. Ma quale sistema? È semplicemente ridicolo pensarlo, e lui non solo l’ha pensato, l’ha detto. È sorprendente anche che un’inchiesta ben fatta, ma in cui non si diceva nulla di nuovo, abbia suscitato tutto questo clamore. È l’Hiroshima di Di Pietro. Ed era inevitabile: quando ci sono delle contraddizioni laceranti, prima o poi esplodono. O per via di un fuori-onda, come è accaduto a Grillo, o per via di una serie di proprietà immobiliari.

Massimo Donadi sembra avere già un piede fuori dal partito: ha annunciato un’assemblea di auto-convocati, in cui chi rappresenterà la minoranza se ne andrà. C’è aria di scissione?
Certamente sì. Questa resurrezione interna, di una classe dirigente nascosta dalla figura del suo leader, è iniziata con l’uscita di scena di Berlusconi. L’anti-berlusconismo è stato il collante di un universo composito, un motivo per serrare le fila. Senza, il partito fatica a trovare la sua ragion d’essere. E se il Pd ha saputo diversificare la sua azione politica, senza seguire i dettami di Marco Travaglio, l’Italia dei Valori è stata incenerita.

C’è anche chi vede nell’alleanza con Grillo lo sbocco naturale della politica di questi anni, come Fabio Evangelisti, vice-presidente vicario del partito alla Camera. Quali sono i dipietristi convinti, chi sta con Donadi, chi sono gli incerti?
Il grosso della classe dirigente, e anche dell’esecutivo nazionale, è composto da persone incompatibili con Grillo, sia per motivi politici che anagrafici. Basta guardarli in faccia, sono tutti reduci dalla Prima Repubblica: le famose “facce nuove” di Di Pietro non ci sono mai state.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana